Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Wall Street Journal: Police Raid in Genoa
by wsj Thursday, Aug. 16, 2001 at 11:28 AM mail: wsj

wall street journal on raids in genoa [english/italian]

Front page of the Wall Street Journal: Police Raid in Genoa 6 Aug 01 (english)
by We are winning 10:36pm Mon Aug 6 '01


The mainstream can no longer ignore it.
WSJ article:

G-8 Protesters Say They Were Beaten,
Deprived of Rights by Police in Italy
By YAROSLAV TROFIMOV and IAN JOHNSON
Staff Reporters of THE WALL STREET JOURNAL


Just before midnight on July 21, Miriam Heigl, a political-science student from Munich, was figuring out a way to get home after three days protesting the Group of Eight summit in the Italian city of Genoa.

As she scanned train schedules posted in the Armando Diaz school complex, some 70 members of an Italian SWAT team smashed through the front door, wielding truncheons and shields, their faces covered with blue and red handkerchiefs. Ms. Heigl and about 30 others were arrested and taken to a police barracks, where the 25-year-old says she was made to strip, humiliated and deprived of basic civil liberties.


Miriam Heigl
Hospital records show that 61 others in the school fared worse -- they ended up requiring treatment for injuries. "All I remember is being hit on the head with a truncheon right away," says Melanie Jonasch, a 28-year-old archeology student from Berlin, "and then I woke up here" -- in a Genoese hospital, where she has had surgery for a broken mastoid bone behind her left ear.

To millions world-wide, the Genoa G-8 summit two weeks ago will be remembered as the most violent in a series of international protests against "globalization," a rallying cry first popularized during clashes at a 1999 trade meeting in Seattle. As the leaders of eight leading industrialized countries met in Italy, TV viewers around the world watched police fight citywide battles with anarchist militants who set dozens of cars, banks and storefronts afire.

But out of the TV cameras' gaze, another scene of violence was unfolding -- on the part of the police. Now, as details of the school raid emerge sketchily, it is turning into a political crisis for the government of Silvio Berlusconi, the pro-American media mogul who ran on a law-and-order platform.

Initially, his government firmly defended police behavior. Mr. Berlusconi said the school raid simply proved "collusion" between the anarchists and mainstream demonstrators. Communications Minister Maurizio Gasparri said it was "a detail" whether "a cop used his truncheon four times instead of just three." The police, in a report a few hours after the raid, said that the school was a "refuge of the extreme fringe of the Black Block," and all those inside were members of that violent, anarchist group.

More recently, however, the government said something may have gone wrong. The judiciary has launched an inquiry into the use of violence during the raid and the treatment of those detained. Parliament has formed a separate commission of inquiry. Interior Minister Claudio Scajola promised last Wednesday that "if some untoward behavior will emerge, and it looks like it is emerging, then it will be severely reprimanded." Shortly thereafter, he removed three top police officials, saying this would make it easier to investigate.

Join a discussion: What impact are antiglobalization protests having?

* * *
Italy Is Getting Edgy About Hosting Food Summit After the Genoa Riots

Demonstrators Remain in Detention in Genoa Amid a Slow Investigation (Aug. 4)

Berlusconi Defends Genoa Summit as Outcry Over Police Action Rises (July 27)

Italy's Opposition Criticizes Handling of Genoa Protests (July 24)

G-8 Leaders Discuss Environment, Politics as Protests Take Violent Turn (July 21)

Part of the pressure on the government is coming from abroad, especially Germany. After first helping gather information on 39 Germans arrested in the sweep at Diaz, Berlin is calling for a fuller accounting. German Foreign Minister Joschka Fischer delivered that demand to his Italian counterpart in a telephone call last week.

The official inquiries are just beginning, but interviews with numerous participants and witnesses offer the most complete account yet of the events at the Diaz school. The accounts of 19 Diaz detainees, who were interviewed in five countries, and those of doctors, local officials and neighborhood witnesses indicate that heavy force was used to arrest demonstrators who, for the most part, hadn't been organizing the preceding days' violence but had been peacefully protesting. After being denied contact with lawyers and families for anywhere from one to four days, most of the people detained at Diaz were brought before judges, who released all but one and found that the overwhelming majority of the arrests were "illegitimate."

A complete response from the police wasn't possible because the raid is under investigation. In an interview, Francesco Gratteri, head of the national police Central Operative Service, partly defended the raid. "One must take into account that the raid was very energetic because it was met with an equally energetic resistance," said Mr. Gratteri, who stood in the school's courtyard when the police charged in. But he added that "evidently something abnormal happened there, which is why there is an investigation."

For Ms. Heigl, the events began around 11 p.m. on Saturday, July 21. She and her boyfriend, Tobias Hubner, were heading over to the Pertini middle school, part of a group of junior and senior high schools known as the Diaz school complex.

Ms. Heigl was feeling a sense of relief. On Friday, a militant had been shot dead by police. On Saturday afternoon, tear gas had been used to disperse a crowd estimated by the interior ministry at 200,000. As rumors circulated that the police would raid places where the demonstrators camped, such as the stadium where she and Mr. Hubner had been sleeping, they decided they wanted a safer place. They headed for the school, also open to the demonstrators, because it was just across the street from the headquarters and press center for the mainstream organizers.

Eager to Get Home

Back in Munich, Ms. Heigl had been engaged in fighting radical right-wing groups and won a prestigious national award for her work. But this was the first big demonstration she had attended, and she was exhausted from the crowds and flood of information. "Everyone was unsettled and we just wanted to get home," Ms. Heigl says.

After checking train schedules near a computer area on the ground floor, she and Mr. Hubner walked upstairs to visit a friend. Suddenly, panic broke loose. From downstairs she heard cries of "Police! Police!" as the front door crashed open. Then she heard screams and the sounds of police yelling and smashing things. "We had total fear," she says.

Panicked, she and her boyfriend looked for an escape. The school was under renovation, and scaffolding lined the outer walls. They climbed onto it and waited.

Downstairs at the computers, Ms. Jonasch stayed put, figuring that her fluency in Italian would help her explain that she wasn't a violent militant. She says she had been working as a volunteer at the headquarters and hadn't been out to the protests. But she says a group of riot police wearing helmets and body armor charged around the corner, truncheons flying. She says that besides the initial blow to her head, which knocked her out, she was hit on the shoulder and buttocks.

The hospital that treated her received dozens of similar cases. Among patients still there last week was Daniel Albrecht, a 21-year-old cello student from Berlin, who has undergone brain surgery to treat cerebral bleeding and says he hears metallic sounds when he speaks.

Another patient was Lena Zuhlke, a 24-year-old student of Indian culture at the University of Hamburg, who says she was beaten, thrown down two flights of stairs and dragged by the hair. "I didn't see any faces. Throughout all this, I couldn't see anything at all above the knees," says Ms. Zuhlke, her hand on a jar attached to her chest to catch fluid draining from her lungs.

Police, while asserting that all those inside the school were anarchist militants, also have said that any protesters who were hospitalized were extremists injured during earlier street battles. That's an explanation that doctors say doesn't mesh with the cases they saw. "There is no doubt that these wounds were fresh. We had to sew up many of them on the spot," says Roberto Papparo, head of the emergency department at Ospedale San Martino, Genoa's biggest hospital. It dealt with more than 50 injured youths from the Diaz school shortly after the raid, Dr. Papparo says, adding: "If these people weren't brought to the hospital, there is no doubt that some of them wouldn't be alive anymore."

A visit to the school several hours after the raid showed pools of blood on the floor and walls and several teeth strewn around.

Apart from a handful who escaped, all the demonstrators at Diaz who weren't hospitalized -- 32 people -- were rounded up. Ms. Heigl says that after she heard the screaming and saw police beating students unconscious, she and Mr. Hubner feared they would be in worse danger if caught clinging to scaffolding. They climbed into the room, knelt on the floor and put their hands on their heads. That didn't prevent Mr. Hubner from receiving a few blows to the back and head with a truncheon, and a dozen others interviewed say they too were hit while in a submissive position.

Ms. Heigl says she wasn't hit. She was taken to the Bolzaneto police barracks, which had been turned into a holding center for the G-8 summit. Situated inside a vast park-like complex of the national police VI Mobile Division, the center had a series of unfurnished cells that could hold 20 to 30 people each.

Detainees say they had to stand spread-eagle against the wall for two to three hours. They add that police walked up and down the line, beating those whose hands slipped and whose heads weren't bent down. "They kept cursing us and calling us names that I couldn't understand," Ms. Heigl says.

The man next to Ms. Heigl was pulled from the wall and sprayed directly in the face with tear gas, say Ms. Heigl and a protester interviewed separately. He collapsed and was dragged away to be showered. He came back later, shivering, saying he had been stripped naked and left under the water for half an hour. The group was then sent to their cells, and the man had nothing to clothe himself with except a plastic shower curtain, according to Ms. Heigl and the other person, who both say they received just one cookie each to eat on Sunday. At night, they say, they slept on a concrete floor and had just three blankets for 30 or so people.

"We had this feeling that everything was completely arbitrary and that they had lost their minds," Ms. Heigl says. "But now I see that it was all done extremely professionally. They wanted to disorient us and break us, as though they were dealing with a gang of hardened terrorists."

The prisoners were registered on Monday, and their numbers at Bolzaneto police barracks grew as many initially hospitalized were sent over. Among them was Sherman Sparks, a 23-year-old from Oregon spending a year in Europe. He said in a sworn affidavit that he had been kicked in the head and groin during the raid.

He, too, said he had to stand spread-eagle for two hours. He said in his affidavit, which he sent to the U.S. Consulate in Milan, that people standing next to him had broken arms and legs and that one man collapsed, shaking uncontrollably. That incident is related by others as well. When Mr. Sparks couldn't understand commands in Italian, his affidavit alleges, he was slapped or beaten or his head was rammed into the wall.

Detainees held in different cells and not known to each other paint a common picture of the one to three days they spent in the detention center: Strip searches were common. Men and women alike were forced to use the toilet with police officers, usually men, in attendance. Women were denied sanitary napkins, and requests for medical attention were often refused. Roll calls went on day and night. Detainees were asked to sign documents in Italian that they couldn't understand and then sent back to the cell. Some signed, while others refused. Phone calls and contact with attorneys weren't permitted.

A Little Better

Relief for Ms. Heigl came on Tuesday, July 24, when she was one of the last to be transferred to a normal prison. Before leaving, she says, she was ordered to strip naked again while a man in a blue polo shirt inspected her. Some others say the same thing happened to them. Then they were allowed to dress and eyeglasses taken from some detainees were returned. But rings, earrings and money that had been confiscated were not returned, Ms. Heigl and some other detainees assert.

Many detainees say they felt relieved when they got to the regular prison. There, they had cots with sheets, and three meals a day. Ms. Heigl received a message from her parents.

They had been contacted by German authorities one day after the raid. Her father, Wunibald Heigl, a high-school history teacher in Munich, says the German authorities hadn't called to provide help but to find out as much as possible about his daughter. "We called the German consulate in Milan and were coldly told that everything was going according to procedures," Mr. Heigl says. The German foreign ministry had no comment on the raid, saying it was a subject of bilateral talks.

Detainees say they were given consular access for the first time on Wednesday or Thursday, except for U.S. citizens, whose diplomats visited them hours after the school raid. The detainees were also taken before judges but not allowed to speak to an attorney beforehand.

All were charged with "aggravated resistance to arrest" and "membership in an armed conspiracy to cause destruction." The raid confirmed this membership, the police say. According to their report, youths inside tried to block the entry gate and "engaged in scuffles" with the agents. One allegedly tried to stab a policeman. At a news conference, police displayed a small knife and a half-pierced protective jacket but couldn't name the attacker.

Many protesters interviewed agree that some Black Block militants may have been hiding inside the school. But they say that if present, these militants were a minority and didn't advertise their affiliation.

Possible Motive

Local government officials say the center of the Black Block was elsewhere. According to Marta Vincenzi, governor of the Genoa province, 200 to 300 militants had kicked nonviolent demonstrators out of a province-owned gym next to the Martin Luther King High School in the evening of July 19, breaking school furniture inside to fashion weapons. Ms. Vincenzi and other provincial officials say they repeatedly called police with requests to intervene, to no avail. Ms. Vincenzi theorizes that in their raid at Diaz, "police tried to offset their initial excess of tolerance with an excess of vendetta" at the school.

Material seized in the raid suggests the police missed their mark. The police report said the school "was a place dedicated to the strategic planning and material manufacturing, by all persons present inside, of instruments to attack police forces." The chief evidence was two wine bottles filled with flammable liquid plus hammers and nails taken from the construction site on school premises. In addition, the police say they confiscated 17 cameras, 13 swimming goggles, 10 Swiss army knives, four spent tear-gas shells, three cellular phones, two thermos bottles and a bottle of suntan lotion. The charges were presented to a team of judges who decided to free all but one detainee.

Ms. Heigl was released on Wednesday evening. The police initially decreed that she and the other 77 foreign detainees would be expelled from Italy and barred for five years, but Italy later said the ban didn't apply to EU citizens. Ms. Heigl's parents, who had driven to Genoa to find their daughter, followed the police truck that carried her and about 30 others to the Austrian border. There, those released were put on a train to Munich.

Ms. Heigl now will resume work on her master's degree. Earlier this year, she visited Peru to collect material for a thesis on the collapse of democracy under Alberto Fujimori. She says her experience in Genoa has given her a new appreciation of the fragility of civil liberties: "I realize now I didn't have to go all the way to Peru to do my studies."

-- Alessandra Pugliese contributed to this article.

------------------------------------------------------------

RAID DELLA POLIZIA A GENOVA.

Dalla pagina iniziale del Wall Street Journal.
I mainstream non possono più ignorare a lungo ciò che è successo. Manifestanti anti G8 dicono di essere stati picchiati e privati dei loro diritti dalla Polizia italiana.

Appena prima di mezzanotte il 21 luglio, Miriam Heigl, una studentessa di scienze politiche di Monaco, stava cercando di capire come tornare a casa dopo 3 giorni di protesta contro il vertice dei G8 a Genova. Nel momento in cui esaminava gli orari dei treni nella scuola A. Diaz, circa 70 membri della polizia hanno sfondato la porta principale, brandendo manganelli e scudi, i loro volti erano coperti da fazzoletti rossi e blu. La signorina Heigl e circa altre 30 persone sono state arrestate e portate in caserme della polizia, dove la 25enne dice di essere stata spogliata, umiliata e privata dei più basilari diritti civili.
Gli archivi di un ospedale mostrano che ad altre 61 persone presenti nella scuola è andata peggio; hanno finito col dover richiedere cure mediche per le ferite riportate. Melanie Jonasch, studentessa di archeologia 28enne di Berlino, dice: ?Tutto ciò che ricordo è di essere stata picchiata con un manganello sulla testa, poi mi sono svegliata qui.? In un ospedale di Genova, dove è stata operata a causa di un osso mastoideo rotto dietro l?orecchio sinistro.
Da milioni di persone il G8 verrà ricordato come il più violento di una serie di proteste internazionali contro la ?globalizzazione?, un grido di guerra inizialmente reso popolare durante gli scontri alla riunione sul commercio nel 1999 a Seattle. Mentre i leaders degli 8 paesi più industrializzati del mondo si incontravano in Italia, i telespettatori di tutto il mondo guardavano la polizia combattere guerriglie urbane con militanti anarchici che hanno incendiato dozzine di macchine, banche e negozi. Ma lontano dallo sguardo della TV, un?altra scena di violenza si stava aprendo, dalla parte della polizia. Ora, mentre i dettagli sul rai emergono sommariamente, tutto ciò sta virando in una crisi politica per il, governo di Silvio Berlusconi, il magnate dei media filoamericano che si muove su una piattaforma di legge e ordine.
Inizialmente il suo governo ha fermamente difeso l?operato della polizia. Berlusconi ha detto che il raid nella scuola ha semplicemente provato una ?collusione? tra gli anarchici e gli altri manifestanti. Maurizio Gasparri, ministro delle comunicazioni, ha detto che è stato un ?dettaglio? se ?un poliziotto ha usato il manganello 4 volte invece di 3?. La polizia, in un rapporto di poche ore dopo il raid, ha detto che la scuola era ?rifugio di una frangia estrema dei Black Bloc?, e tutti quelli presenti nella scuola erano dunque membri di quel gruppo anarchico e violento.
Più recentemente il governo ha detto che qualcosa può essere andato storto. La magistratura ha avviato un?inchiesta riguardo l?uso di violenza durante il raid e con i detenuti. Il parlamento ha formato una commissione d?inchiesta separata. Claudio Scajola, ministro degli interni, ha promesso lo scorso mercoledì che ?se emergeranno comportamenti sconvenienti, e sembra che stiano emergendo, saranno severamente puniti. Poco dopo 3 ufficiali della polizia sono stati rimossi, Scajola ha detto che ciò dovrebbe rendere più semplici le indagini.
Parte della pressione sul governo viene dall?estero, specialmente dalla Germania. Dopo un primo aiuto a raccogliere informazioni sui 39 tedeschi arrestati, Berlino sta chiedendo ora una spiegazione più chiara. Il ministro degli esteri Joschka Fischer ha effettuato questa richiesta al ministro degli esteri italiano in una telefonata la scorsa settimana.
Le inchieste ufficiali sono appena iniziate, ma interviste con numerosi partecipanti e testimoni offrono già una completa spiegazione degli eventi alla scuola Diaz. Le testimonianze di 19 detenuti, che sono stati intervistati in 5 paesi, e quelle di dottori, ufficiali locali e testimoni vicini indicano che un?eccessiva violenza è stata perpetrata nei confronti degli arrestati che, in buona misura, non partecipavano ad azioni violente ma facevano parte dei manifestanti pacifici. Dopo aver negato loro contatti con avvocati e famigliari per un periodo da 1 a 4 giorni, la maggior parte delle persone sono state portate davanti ai giudici che hanno rilasciato tutti tranne uno e hanno rilevato che la maggior parte degli arresti era illegittima.
Un completo responso da parte della polizia non è stato possibile perché il raid è sotto indagine. In un?intervista Francesco Gratteri, capo del servizio operativo centrale della polizia, ha in parte difeso il raid. ?Bisogna tener conto che il raid è stato molto energico perché si è trovato di fronte un altrettanto energica resistenza?, ha detto Gratteri, che è rimasto nel cortile della scuola quando la polizia ha caricato. Ma ha aggiunto che ?evidentemente qualcosa di anormale è successo, dimostrazione del fatto che siano in corso delle indagini.?
Per la signorina Heigl gli eventi sono cominciati intorno alle 23 di sabato 21 luglio. Lei e il suo ragazzo, Tobias Hubner, si stavano dirigendo alla scuola media Pertini, parte di un grippo di scuole medie e superiori conosciute come il complesso della scuola Diaz.
Miriam Heigl provava un senso di sollievo. Venerdì un militante era stato ucciso da un colpo sparato dai carabinieri. Sabato pomeriggio i gas lacrimogeni sono stati usati per disperdere una folla di 200.000 persone, secondo le stime del ministro degli interni. Dal momento che circolavano voci sul fatto che la polizia volesse fare dei rastrellamenti nei posti dove i manifestanti si erano accampati, come lo stadio dove i 2 avevano dormito, decisero di cercare un posto più sicuro. Andarono quindi verso la scuola, aperta anche ai dimostranti.
Desiderosa di tornare a casa. Tornata a Monaco Miriam Heigl è stata ingaggiata per combattere i gruppi di estrema destra e ha vinto un prestigioso premio nazionale per il suo lavoro. Ma questa è stata solo la prima manifestazione cui ha dovuto partecipare, ed era esausta da tutte le persone e le informazioni che le giravano intorno. ?Tutti erano sconvolti e noi volevamo solo andare a casa?, ha detto.
Dopo aver controllato gli orari dei treni nell?area computer al piano terra, lei e Tobias salirono le scale per trovare un amico. Improvvisamente, il panico. Dal piano di sotto ha sentito urlare: ?Polizia, polizia!?, nel momento in cui la porta principale è stata sfondata. Poi ha sentito urlare e il rumore della polizia che gridava e spaccava cose. ?Abbiamo avuto una paura folle?, dice Miriam.
Nel panico, i due cercavano una via di fuga. La scuola era in ristrutturazione, e lungo i muri esterni c?erano delle impalcature, i due ci si arrampicano e aspettano.
Sotto nella sala computer c?era Melanie Jonasch, convinta che la sua capacità nel parlare italiano l?avrebbe aiutata nello spiegare che non era una militante violenta, ma che ha lavorato come volontaria nei ?quartier generali? e che per questo motivo non è andata alle proteste. Ma un gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa hanno caricato brandendo i manganelli, prima l?hanno colpita alla testa mettendola ko, poi l?hanno colpita alle spalle e sul sedere.
L?ospedale ha ricevuto e trattato dozzine di casi simili. Tra i pazienti ancora là la scorsa settimana c?era Daniel Albrecht, uno studente di violoncello 21enne di Berlino, che ha subito un intervento al cervello per curare un?emorragia cerebrale e dice che sente rumori metallici quando parla.
Un?altra paziente era Lena Zuhlke, una 24enne studentessa di cultura indiana di Amburgo, che dice di essere stata picchiata, buttata giù dalle scale e tirata per i capelli. ?Non ho visto i volti, non potevo vedere niente al di sopra delle ginocchia?, dice con la mano in un vaso attaccato al petto per raccogliere il liquido che esce dai polmoni.
La polizia, mentre afferma che tutti i presenti nella scuola erano militanti anarchici, ha anche detto che alcuni dei pazienti ricoverati in ospedale erano stai feriti durante gli scontri di guerriglia sulle strade dei giorni precedenti. Questa è una spiegazione che secondo i dottori non ha nulla a che vedere con i casi che hanno ricevuto. ?non c?è dubbio che le ferite erano fresche? dice Roberto Papparo, capo del pronto soccorso dell?ospedale San Martino, il più grande di Genova Ha trattato con più di 50 ragazzi feriti nella scuola Diaz durante il raid, e Papparo aggiunge che ?Se queste persone non fossero state portate qui subito, non c?è dubbio che qualcuno di loro sarebbe morto.?
Una visita alla scuola qualche ora dopo il raid ha mostrato pozze di sangue sul pavimento e sui muri e alcuni denti rotti per terra.
Miriam Heigl afferma che dopo aver sentito le urla e aver visto la polizia picchiare studenti privi di sensi, insieme al suo ragazzo temettero di essere in maggiore pericolo visto che erano su un?impalcatura, quindi entrarono nella stanza si misero in ginocchio e misero le mani sopra la testa. Questo non ha evitato a Tobias Hubner di prendersi manganellate sulla testa, e una dozzina di altri intervistati dice di essere stati picchiati anche se erano in una posizione sottomessa e inoffensiva.
Miriam dice di non esser stata picchiata. E? stata portata alla caserma di Bolzaneto, che è stata trasformata in un centro di detenzione per il vertice dei G8. Situata in un vasto complesso della VI divisione mobile della polizia nazionale, il centro ha una serie di stanze vuote che possono tenere 20-30 persone ognuna.
I detenuti dicono di aver dovuto rimanere contro il muro a braccia e gambe aperte per 2-3 ore. Aggiungono poi che la polizia camminava su e giù, picchiano quelli a cui scivolavano le mani o che non avevano la testa piegata in avanti. Miriam dice che: ?Continuavano ad imprecare e a chiamarci con nomi che non capivamo.?
Un uomo di fianco a Miriam è stato preso dal muro e gli hanno spruzzato gas lacrimogeno direttamente negli occhi; è collassato, quindi è stato trascinato via e lavato. Tornato più tardi, tremante, ha detto di esser stato spogliato completamente e lasciato sotto l?acqua per mezz?ora. Il gruppo di detenuti è stato poi mandato nelle celle, quell?uomo non aveva niente con cui coprirsi eccetto una tendina di plastica da doccia. I detenuti dicono di aver ricevuto solo un biscotto a testa in tutta la domenica. Di notte hanno dormito sul pavimento e avevano solo 3 coperte per 30 persone.
Miriam afferma che: ?abbiamo avuto la sensazione che tutto fosse completamente arbitrario e che loro (i poliziotti) avessero perso la testa, ma ora mi accorgo che tutto è stato fatto con estrema professionalità. Volevano disorientarci e distruggerci, come se trattassero con una banda dei più feroci terroristi.
I prigionieri sono stati registrati lunedì, e il loro numero nella caserma di Bolzaneto nella misura in cui quelli inizialmente ricoverati sono stai mandati fuori. Tra loro anche Sherman Sparks, un ragazzo 23enne dell?Oregon che sta trascorrendo un anno in Europa, il quale ha dichiarato sotto giuramento di aver ricevuto calci alla testa e all?inguine durante il raid.
Ha detto anche di aver dovuto restare per 2 ore a braccia e gambe aperte. Nella sua testimonianza, che ha mandato al consolato americano di Milano, afferma che le persone vicine a lui avevano braccia e gambe rotte e un uomo è collassato. Nel momento in cui riceveva dei comandi che non poteva capire in italiano, veniva picchiato e gli sbattevano la testa contro il muro.
L?obbligo a spogliarsi era comune, uomini e donne allo stesso modo erano obbligati ad usare il bagno con i poliziotti che guardavano, generalmente uomini. Alle donne sono stai negati assorbenti sanitari, e richieste di intervento medico sono spesso state rifiutate. Ai detenuti è stato chiesto di firmare documenti in italiano che non potevano capire e poi mandati di nuovo nelle celle, alcuni di loro hanno firmato, mentre altri hanno rifiutato. Telefonate e contatti con l?esterno sono stati negati.
Sollievo per Miriam, quando martedì 24 luglio è stata trasferita in una prigione normale.
Prima di andarsene, le hanno ordinato di spogliarsi di nuovo mentre un uomo con una magli blu la ispezionava. Altri hanno affermato che a loro è capitata la stessa cosa. Poi gli è stato permesso di vestirsi e gli occhiali di alcuni detenuti sono stati restituiti, ma orecchini, anelli e soldi che avevano confiscato non sono stai restituiti.
Molti detenuti hanno provato sollievo nell?andare in un carcere normale, dove ricevevano 3 pasti al giorno e avevano letti con lenzuola.
I genitori di Miriam Heigl sono stai contattati un giorno dopo il raid. Il padre, Wunibald Heigl, un insegnante di storia in una scuola superiore di Monaco, afferma che le autorità tedesche non l?hanno chiamato per dargli aiuto ma per sapere il più possibile riguardo alla figlia. ?Abbiamo chiamato il consolato tedesco a Milano e ci hanno detto freddamente che tutto stava andando secondo le procedure.
I detenuti affermano che gli è stata data la possibilità di chiamare il consolato per la prima volta mercoledì, tranne per i cittadini americani, i cui diplomatici gli hanno raggiunti qualche ora dopo il raid.
Tutti i detenuti sono stati accusati di ?resistenza aggravata all?arresto? e di ?appartenenza a gruppi armati con intenti distruttivi?. ?Il radi ha confermato questa appartenenza? dice la polizia. Secondo i loro rapporti, i ragazzi all?interno hanno cercato di bloccare il cancello d?entrata e hanno ingaggiato rissa con gli agenti.
Durante una conferenza stampa, la polizia ha mostrato un piccolo coltello e una giacca di protezione tagliata, ma non conoscono il nome di chi ha attaccato.
Alcuni manifestanti affermano che qualche militante del Black Bloc poteva essere nella scuola, ma dicono che se c?erano, erano una minoranza e comunque non hanno avvisato riguardo al loro gruppo di appartenenza.
Possibile motivo. Ufficiali del governo locale affermano che il centro dei Black Bloc era da un?altra parte. Come sottolinea Marta Vincenzi, capo della provincia di Genova, 200-300 militanti avevano preso a calci manifestanti pacifici fuori da una palestra di proprietà della provincia, vicino alla scuola Martin Luther King, nella serata del 19 luglio, spaccando la attrezzature della scuola per crearne delle armi. La Vincenzi e altri sostengono di aver chiamato ripetutamente la polizia con richieste di intervento, ma invano. Marta Vincenzi teorizza che nel raid alla Diaz ?la polizia ha cercato di controbilanciare la sua tolleranza iniziale con un eccesso di vendetta? alla scuola.
Il materiale sequestrato alla scuola suggerisce che la polizia ha mancato il bersaglio. Il rapporto della polizia dice che la scuola ?era un posto dedicato alla pianificazione strategica e alla creazione di materiale, da parte di tutte le persone presenti all?interno, di attacco alla forze di polizia.? Ciò che hanno trovato sono state 2 bottiglie di vino piene di liquido infiammabile, martelli e chiodi presi dai posti di lavoro presenti nella scuola. In più, la polizia afferma di aver sequestrato 17 telecamere, 13 occhiali da piscina, 10 coltelli svizzeri, 4 scatole per spegnere i gas lacrimogeni, 3 telefoni cellulari, 2 bottiglie termiche e una bottiglia di lozione solare. Le accuse sono state presentate ad un gruppo di giudici i quali hanno deciso di rilasciare tutti tranne uno.
Miriam Heigl è stata rilasciata la sera di mercoledì 25 luglio. La polizia inizialmente aveva deciso che lei e altri 77 detenuti stranieri fossero espulsi dall?Italia e banditi dall?Italia, ma più tardi l?Italia ha detto che il bando non è valido per i cittadini europei. I genitori di Miriam, che hanno guidato fino a Genova per trovare la loro figlia, hanno seguito il camion della polizia che trasportava lei e altri 30 detenuti ai confini con l?Austria. Là, quelli rilasciati sono stati messi su un treno per Monaco.
Adesso Miriam riprenderà il lavoro per il suo master. All?inizio di quest?anno, era stata in Perù per raccogliere materiale per una tesi sul collasso della democrazia sotto Alberto Fujimori. Lei afferma che la sua esperienza a Genova le ha dato una nuova idea della fragilità delle libertà civili. ?Ho realizzato che non avevo assolutamente bisogno di andare in Perù per fare i miei studi.?

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Those courageous Italian cops porko 2 ! Saturday, Sep. 01, 2001 at 10:27 PM
original url? g8solidarity Tuesday, Aug. 07, 2001 at 2:45 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9