Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
- guerreglobali -
E Israele va. Muro e colonie
by Michele Giorgio da Il Manifesto 03.10.03 Friday October 03, 2003 at 11:56 AM mail:  

Placet Usa, silenzio Ue-Onu. Sharon accelera i lavori per la barriera e per le case dei coloni

L'Autoritá nazionale palestinese chiede aiuto, lancia un grido disperato, di fronte alla costruzione del muro in Cisgiordania da parte di Israele e la colonizzazione dei Territori occupati che prosegue senza sosta. Fermate la costruzione del muro perché quella barriera significa «un colpo definitivo» ad ogni speranza di pace nella regione. E' questo il senso dell'appello inviato dall'Anp ieri al Quartetto (Usa, Russia, Ue e Onu) e alla comunitá internazionale affinché scendano in campo direttamente contro la decisione presa due giorni fa dal governo israeliano di estendere fino alla colonia di Ariel la costruzione del «muro dell'apartheid». «Questa barriera non intende separare, é solo una barriera in mezzo ai palestinesi, il cui obiettivo é quello di distruggere la visione di una coesistenza possibile tra due Stati vicini», ha protestato il negoziatore capo palestinese, Saeb Erekat. Continuare a costruire il muro, ha aggiunto Erikat, significa «demolire il processo di pace». Da parte sua il presidente palestinese Yasser Arafat ha denunciato quello che ha definito il «un muro di razzismo che distrugge la pace». «La decisione israeliana prolunga il muro di razzismo che ha usurpato più del 60% delle nostre terre finora», ha detto Arafat dopo un incontro con il rappresentante russo nei Territori occupati, Serghei Peskov. «Ciò distrugge e sabota il processo di pace», ha aggiunto.

Ma la comunitá internazionale resta in silenzio mentre il Quartetto é dominato dagli Stati uniti che hanno scelto di non criticare pubblicamente Israele per la costruzione del muro e rimangono ambigui sulla possibilitá di tagliare dai crediti americani destinati a Israele fondi pari a quelli investiti da Sharon per finanziare la barriera. E di fronte al silenzio internazionale, il governo israeliano si sente libero di lanciare nuove offensive. Il ministro dell'edilizia ha prontamente indetto ieri una gara d'appalto pubblica per la costruzione di oltre cinquecento nuovi alloggi all'interno di tre colonie ebraiche in Cisgiordania. Di questi alloggi, 530 saranno costruiti nella colonia di Beitar Elit vicino Betlemme, 11 nell'insediamento di Maale Adumim a est di Gerusalemme, 24 ad Ariel, la colonia vicino Nablus dove passerá una sezione del muro. Il movimento pacifista israeliano Peace now ha denunciato l'annuncio fatto dal ministero dell'edilizia, sottolineando che con questi nuovi alloggi Israele ha indetto dall'inizio dell'anno gare d'appalto per complessivi 1.300 abitazioni che potranno accogliere non meno di 5mila nuovi coloni. Peace now accusa il governo Sharon di «fare da maestro di bottega ai coloni», mentre, oltre ai palestinesi sarà anche la comunità israeliana nel suo insieme che dovrà pagare il prezzo, economico e politico dell'intensificazione della colonizzazione.

L'analisi della politica di annessione e colonizzazione portata avanti da Sharon e dal ministro della difesa Shaul Mofaz, deve tuttavia andare oltre la semplice somma dei «costi» economici e politici. Il premier israeliano ha realizzato nel giro di poco piú di due anni al potere, una buona parte dei progetti che illustrava da anni: ha annullato gli accordi di Oslo, sta procedendo alla annessione di ampie porzioni della Cisgiordania e prosegue la colonizzazione del resto dei Territori occupati. Con il tracciato del nuovo troncone di muro, approvato due giorni fa, Sharon é riuscito, in anticipo su qualsiasi negoziato con i palestinesi, ad includere l'80% dei coloni israeliani in Cisgiordania (circa 220.000 persone, altri 200.000 coloni vivono a Gerusalemme est) all'interno di Territori occupati che Israele intende annettersi. Di fronte a ció gli Stati uniti fanno un passo indietro e dicono «prego, fate pure». Il quotidiano israeliano Maariv, ieri ha riferito che gli Usa intendono «ridurre il loro coinvolgimento» nel negoziato in Medio Oriente e che pertanto il piano di pace noto come Roadmap verrà «messo nel congelatore». L'obiettivo degli americani, ha proseguito Maariv sarà quello di limitarsi a seguire a distanza il conflitto «a bassa intensitá» che esiste al momento tra le parti, almeno fin dopo le elezioni presidenziali Usa del novembre 2004. Prova del «diminuito coinvolgimento» della Casa bianca sarebbero anche i «contatti ridotti al minimo» con il premier incaricato palestinese Abu Ala (che presenterá il suo governo domenica o lunedí), di fatto delegati al solo console generale statunitense a Gerusalemme est.

Nel frattempo i negoziati a distanza tra Israele e il movimento sciita libanese Hezbollah per uno scambio di prigionieri «proseguono e stanno entrando nella fase decisiva». Lo ha riferito oggi la radio di stato israeliana aggiungendo che, sulla base delle informazioni fornite dai mediatori, l'ostaggio israeliano Elhanan Tannenbaum sarebbe stato torturato dai suoi carcerieri. Anche numerosi prigionieri libanesi detenuti in Israele hanno piú volte denunciato di aver subito torture e sevizie.



---------------------------------------


Una gabbia per i palestinesi
Alla fine il muro sarà lungo 800-900 km. Creando una situazione irreversibile
Il 31 luglio il ministero della difesa israeliano ha comunicato che il primo tratto del cosiddetto «muro di separazione» con la Cisgiordania - 123 km da Salem (Jenin) fino a Qalqilya - é stato completato dopo 13 mesi di lavori. E' in avanzata fase di realizzazione inoltre il progetto «Avvolgere Gerusalemme», 40 km di muro intorno al settore orientale della città (occupata da Israele nel 1967) che metteranno sotto il pieno controllo israeliano alcuni importanti villaggi arabi, tra cui Abu Dis. Due giorni fa il governo Sharon ha approvato il prolungamento del muro, da Betlemme fino ad Arad (Negev) che raddoppia la lunghezza della barriera. Soprattutto ha deciso che il muro sorgerà anche intorno (45 km) agli insediamenti ebraici di Ariel, Qedumim, Karnei Shomron e Immanuel - a ridosso della cittá palestinese di Nablus - ossia 22 km all'interno della Cisgiordania che il quel punto é larga appena 53 km. Non é stato ancora deciso ufficialmente ma il governo israeliano é orientato costruire un muro anche nella valle del Giordano, lungo il confine con la Giordania. In questo modo i Territori occupati palestinesi (Gaza é circondata giá da alcuni anni da una recinzione elettronica), saranno chiusi in una vera e propria gabbia. Secondo il quotidiano israeliano Maariv, se fosse realizzata anche la barriera nella valle del Giordano, il muro si allungherebbe di altre centinaia di km per un totale di 800/900 km. Il costo della struttura varia da uno a due milioni di euro al chilometro. Si tratta di uno dei progetti piú imponenti mai avviati da Israele. La barriera alterna tratti di reticolati con muri di cemento alti fino a 5-8 metri, con telecamere e avanzati sistemi di allarme elettronico che avrebbero lo scopo di impedire infiltrazioni di palestinesi. Lungo il muro é prevista una complicata serie di varchi e di postazioni difensive e una strada per i veicoli militari, che dovrá servire anche alle postazioni di guardia, una ogni 300 metri. I tratti in muratura invece avrebbero il fine di impedire il fuoco di armi leggere dal territorio cisgiordano. In realtá il percorso che segue il muro non é di sicurezza ma politico perché include le porzioni di Cisgiordania che Israele ha sempre detto di volersi annettere nel quadro di un accordo con i palestinesi. Il muro é una mossa unilaterale volta a creare una situazione di fatto irreversibile.

Secondo l'organizzazione per i diritti umani israeliana Betselem, la realizzazione della sola prima fase delle quattro previste avrá un impatto su oltre 210.000 palestinesi, alcuni dei quali si troveranno a vivere in `zona cuscinetto' controllata da Israele. 15 centri abitati palestinesi subiranno danni molti gravi, non solo economici. Almeno altri 33 si troveranno in grande difficoltá. (M.G.)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9