Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Troppi cellulari intercettati. La Tim: «Esaurite le linee»
by dal corriere Sunday, Feb. 20, 2005 at 11:00 AM mail:

Cinquemila sotto controllo. I due Poli: stop a questo Grande fratello. Lettera alle Procure. Castelli: raddoppiati in 2 anni.

Un fax di due pagine arrivato venerdì nelle Procure di tutta Italia. Mittente, responsabile sicurezza Tim. Oggetto, intercettazioni telefoniche: «È stato raggiunto il limite della 5 mila linee, limite massimo attualmente disponibile». Tim è costretta a dire stop: in attesa di portare a 7 mila i cellulari che è possibile mettere sotto controllo contemporaneamente, 20 postazioni sono state riservate ai «casi di particolare gravità». Per gli altri bisogna mettersi in fila: si partirà con una nuova intercettazione solo quando sarà finita una di quelle in corso.

IL MINISTRO - Anche le altre compagnie, Vodafone e Wind, sono ormai vicine al massimo della capacità. E Roberto Castelli coglie la palla al balzo: «Ho dei dati - dice il ministro della Giustizia - che dimostrano l’esplosione delle intercettazioni. Il loro numero raddoppia ogni due anni». I telefoni sotto controllo erano 32 mila nel 2001, 45 mila nel 2002, 77 mila nel 2003, fino alla stima di circa 100 mila per il 2004. Solo nei primi sei mesi dell’anno scorso sono stati spesi 146 milioni di euro. E sono soldi che pesano sul bilancio del ministero della Giustizia, non di quello dell’Interno, come Castelli (anche se non lo dice) vorrebbe.
«Non possiamo pensare - spiega Castelli - di aumentare senza limite il numero delle intercettazioni. La loro limitazione è un tema delicato perché riguarda l’obbligatorietà dell’azione penale. Ma il numero in Italia è enormemente superiore a quello degli altri Paesi europei». I dati arrivano dalla Germania, dall’Istituto di legge criminale Max Planck: ogni 100 mila abitanti, ci sono 72 intercettazioni in Italia, 62 in Olanda, 32 in Svizzera, 9 in Austria, 0,5 negli Stati Uniti.

I MAGISTRATI - «Se da noi il numero delle intercettazioni è elevato - commenta Edmondo Bruti Liberati, presidente dell’Associazione nazionale magistrati - è perché nei processi di particolare gravità non è facile trovare testimoni e portarli in udienza. Negli Usa, invece, ci sono sanzioni truculente per la falsa testimonianza e possono farne a meno. Nelle inchieste sulla criminalità organizzata è indispensabile ricorrere alle intercettazioni perché costano meno dei pedinamenti e c’è insufficienza negli organici delle forze dell’ordine». Ancora più netto Armando Spataro, che nella Procura di Milano è delegato proprio al centro intercettazioni: «Ammesso che l’Italia sia tra i Paesi che più spendono per le intercettazioni, è pur vero che siamo al primo posto per i fenomeni criminali dalla mafia alla corruzione, passando per il terrorismo».

I POLITICI - Enzo Fragalà (An) chiede a Castelli un monitoraggio dettagliato delle intercettazioni e parla di «uso spregiudicato» di questa tecnica investigativa. Ma anche da sinistra arrivano perplessità: «Bisogna spegnere questo grande fratello che - dice il verde Paolo Cento - invade la vita dei cittadini». Per Rifondazione comunista, Giovanni Russo Spena chiede che il governo riferisca in Parlamento: «È grave che ogni giorno venga abbattuto il sistema di garanzie dello Stato di diritto».



--->>> Il business e i numeri delle intercettazioni sono
in costante crescita: 32 mila utenze intercettate per 165 milioni di euro nel 2001; 45 mila per 230 milioni nel 2002 e oltre 77 mila per 255 milioni nel 2003. I dati del 2004, ancora da elaborare per quel che riguarda il numero degli intercettati, dicono che la spesa è salita a 300 milioni
La procedura per ottenere l'ok a un’intercettazione è valutata dal pubblico ministero che chiede poi al gip il consenso al controllo telefonico.

Le intercettazioni durano al massimo 15 giorni (oltre 40 per le indagini di criminalità organizzata) e la richiesta
di reiterazione deve essere nuovamente motivata dal pm.

Il boom delle intercettazioni telefoniche autorizzate
dalla magistrature mette in evidenza un problema: come regolamentare, e con quali misure di sicurezza, l’enorme quantità di informazioni (sono complessivamente 600 miliardi) relative al traffico telefonico e a 300 milioni
di sms scambiati ogni giorno dalle persone intercettate.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 2 commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Da Repubblica Da Repubblica Sunday, Feb. 20, 2005 at 3:03 PM
Costi alti, ma spesso così si trovano le prove dal corriere Sunday, Feb. 20, 2005 at 11:02 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9