Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
Maurizio Laudi Boia, magistrato, o entrambe le cose?
by minimo pompilio Saturday, Aug. 20, 2005 at 8:55 PM mail:

Maurizio Laudi Boia, magistrato, o entrambe le cose?

Dopo esserci occupati del pubblico ministero Marcello Tatangelo ci sembra doveroso presentare al pubblico la figura di un altro grande rappresentante della procura torinese che del predetto è diretto superiore, maestro, guida spirituale e burattinaio: il procuratore generale Maurizio Laudi.
Più anziano di una decina d’anni del collega, di vasta esperienza, egli è dotato di maggior freddezza, si muove nelle aule di tribunale come un chirurgo che affonda senza timore il bisturi nella carne del malato. Che il paziente sopravviva o meno è del tutto ininfluente, l’importante è che l’operazione riesca, sempre e comunque.
Singolari analogie e parallelismi si intersecano nelle esistenze dei due magistrati.
Anche Laudi – come Tatangelo – da piccolo prediligeva cappi e nodi scorsoi. Dimostrò una particolare predisposizione alla tortura. Catturava per gioco piccoli animali ma solo dopo infinite sofferenze le povere bestiole venivano impiccate.
Come il collega si appassionò molto all’illusionismo. Specialista in digitazione era capace, servendosi di verbali d’acquisizione di prove insignificanti, di costruire enormi castelli di carte che purtroppo cadevano al primo alito di vento. Data la difficoltà a procurarsi il materiale pensò di fabbricarselo da sé. Una volta, grazie alla complicità
di un compagno di giochi (tale Petronzio) riuscì persino a stampare dei falsi volantini dei Lupi Grigi.
Appassionato cultore del dio Galera, i suoi interessi spaziavano dai carceri normali agli speciali, dai lager nazisti ai Gulag sovietici.
All’università si laureò a pieni voti con una tesi dal titolo “La tortura psicologica. Fattore importante nell’evoluzione del suicidio del detenuto” che è tutt’oggi considerato uno dei testi più rappresentativi in materia.
Pubblicò diversi articoli su riviste specializzate, tra i più importanti e stimolanti citiamo: “Il suicidio. Rimedio ottimale al sovraffollamento delle carceri”, “Come fabbricare dal nulla prove granitiche” e il recente “La valutazione spropositata del reato ovvero come arrestare gli indagati a piede libero”.
Fece i suoi primi passi in magistratura nei roventi anni di piombo in cui – grazie alle grandi possibilità offerte dalle leggi speciali – ebbe la possibilità di sperimentare le sue teorie.
Applicò senza risparmio la tortura psicologica e ottenne ottimi risultati.
Non si contano gli indagati trasformati in infami che denunciarono i propri compagni. Dotato di un’arguzia eccezionale fece circolare la voce che anche quelli che non avevano parlato fossero delatori. Sembra che proprio grazie a questa tecnica riuscisse a procurarsi il primo suicidio.
Acquisì grande notorietà e fu insignito dell’onorificenza di
Grand’Ufficiale del Sacro Ordine degli Impiccatori di Stato.
Purtroppo ad un certo momento il terrorismo esaurì la fase storica che l’aveva determinato. Per Laudi fu un duro colpo. Improvvisamente su di lui si chiuse il sipario e si spensero le luci. Il suo nome fu cancellato dal cartellone.
Si occupò di calabresi, croupier e sassi dal cavalcavia ma il suo nome ormai appariva sempre e solo nei titoli di coda.
Tentò di acquisire visibilità mediatica come giudice sportivo ma anche in questo campo era considerato solo un insignificante burocrate del lunedì.
Solo nel 1998 riuscì a ritornare alla ribalta. E ciò grazie a una geniale intuizione: “Se il terrorismo non esiste, bisogna inventarlo”.
Immediatamente si mise all’opera. Ripresa la teoria del giudice romano Antonio Marini (i terroristi si trovano nei centri sociali) la rielaborò totalmente (i terroristi sono i centri sociali), formula da cui Tatangelo ricaverà la teoria dell’extra-territorialità).
Applicando queste formule elaborò un piano di grande respiro che comprendeva squatter, Lupi Grigi, raudi, pipe-bomb, bombolette spray, portoni bruciacchiati, saldatrici, bombole del gas, timbri datari, fiammiferi, medicamenti alternativi, bolli taroccati, libri nazisti e favole sugli gnomi, mitragliamenti di turisti, zucchero nei serbatoi, bottiglie di vernice, tondini di ferro. Il tutto meticolosamente inserito in un preciso disegno eversivo.
In questo lavoro espresse il meglio della sua fantasia, tanto che vinse il primo premio al festival internazionale del romanzo d’appendice e oggi il suo nome figura a pieno titolo accanto a quelli prestigiosi di Carolina Invernizio, Liala e Colette.
Più dei riconoscimenti quello che lo rende orgoglioso sono i risultati ottenuti: due cadaveri (di cui uno addirittura argentino) da aggiungere al proprio carniere.
Grazie alla sua ferma determinazione nel distruggere la vita di anarchici, squatter e sovversivi vari potè giovarsi di prestigiose complicità nei collegi giudicanti, sia di primo che di secondo grado, composti dai giudici Giordana (dio l’abbia in gloria) e Accordon.
Purtroppo le sue tesi nel campo della persecuzione politica non incontrarono i favori dei magistrati di cassazione i quali, rappresentanti di una cultura giuridica retrograda, non compresero il carattere innovativo delle sue teorie e l’applicazione disinvolta delle leggi da lui perseguita.
Uomo di larghe vedute, sincero democratico e progressista, apertamente schierato a sinistra si onora dell’amicizia del DS Luciano Violante, di cui gode protezione. Tra i suoi ammiratori è da annoverare il sindaco Olimpionico Chiamparino.
D’altro tenore è invece l’opinione che di lui hanno gli occupanti di case. Continuamente lo gratificano della qualifica di Boia Assassino, anzi – per nulla intimoriti della sacralità del luogo – ebbero persino l’ardire di
gridarglielo in faccia in tribunale il giorno della lettura della sentenza del processo Pelissero. La sua reazione non si fece attendere. 14 furono denunciati e condannati.
Ma il grave danno alla sua immagine non si arrestò. Non contento, uno di loro scrisse addirittura un libro per confutare le sue tesi, in cui veniva dimostrato passo passo – documenti alla mano – come tutto il castello accusatorio fosse precostituito e privo di fondamenta.
Solo oggi, avvalendosi del suo delfino Marcello Tatangelo, l’ufficio da lui presieduto ha potuto procedere con il giusto rigore contro lo scriteriato autore di un libello che non solo minava la sua credibilità ma demoliva irrimediabilmente tutto l’impianto teoretico da lui elaborato.
Perché non sembrasse una questione strettamente privata tra Laudi Tatangelo e l’autore de “Le scarpe dei suicidi”, già condannato per averli pubblicamente ingiuriati, ha dovuto nuovamente ricorrere ai soliti sistemi: una montatura in grande che vede coinvolte ben 17 persone, di cui 7 in galera. Il tutto ovviamente sulla base di prove insignificanti.
Pare che l’autore del libello, per nulla intimorito dalla severa applicazione della legge, non si dia per vinto e abbia intenzione di dare battaglia, trasformare il processo in accusa contro i due PM, riportando in aula i fantasmi di Sole e Baleno.
Chissà se (nonostante le protezioni politiche e corporative di cui godono i due PM) riuscirà a prevalere la ragione o se un furto di gelati verrà punito come devastazione saccheggio. Staremo a vedere.


Minimo Pompilio
(el Zapatero)




versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
SOLIDARIETA' ALL'AUTORE DE LE SCARPE DEI SUICIDI
by Paolo Dorigo n.17 progressivo Saturday, Aug. 20, 2005 at 9:00 PM mail: paolodorigo@alice.it

Su http://www.paolodorigo.it/carcere/brubacker.html, su e su http://www.paolodorigo.it/carcere/appello-olivieri.html (suicida a luglio scorso a Spoleto) e su http://www.paolodorigo.org/omicidiDiStatofchhfushfuweuofhufugshhbshbrt.htm trovate documentazione in materia di suicidi di stato.
Paolo

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9