Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Jones, inviato speciale nel genocidio ucraino
by KITTY BRAUN Friday, Sep. 02, 2005 at 6:28 PM mail:

Jones, inviato speciale nel genocidio ucraino Raccontò il massacro di un popolo, Stalin lo fece uccidere

Jones, inviato speciale nel genocidio ucraino
Raccontò il massacro di un popolo, Stalin lo fece uccidere


Nel 1989, la casa di famiglia di un’anziana signora gallese fu oggetto di una rapina. La nipote e il pronipote della signora, nel fare l’inventario del danno subito, si imbatterono in una vecchia valigia e in una polverosa scatola di latta contenenti diari, articoli, lettere ed altri scritti di Gareth Jones, fratello della donna e giornalista di fama. Appassionatisi al materiale, da essi amorevolmente trascritto, studiato e analizzato, i due finirono per scoprire che il loro congiunto, quasi del tutto caduto nell’oblio, era stato l’unico testimone occidentale del genocidio per fame organizzato nel 1932-33 in Ucraina dai dirigenti sovietici e aveva pagato la sua denuncia con la vita.
Nato nel 1905, Jones conosceva diverse lingue, tra cui il russo. Ottenuto un master a Cambridge, nel 1930 divenne consigliere di politica estera dell’ex primo ministro britannico David Lloyd Gorge, anch’egli gallese,e per il resto della sua breve vita, alternò questa attività a quella di giornalista. Nello stesso anno si recò per la prima volta in URSS e rimase assai sfavorevolmente impressionato dai costi economici, sociali e umani del primo piano quinquennale; tornò in URSS nel 1931 e scrisse delle crescenti difficoltà nelle campagne.
Coloro che lo incontrarono lo descrissero come un giovane di bassa statura, cortese e quasi dimesso nei modi, ma estremamente deciso e, soprattutto, completamente estraneo ai giochi di potere e ai cinici calcoli politici di molti suoi colleghi. Nell’autunno del 1932, a Londra, cominciarono a circolare voci che in alcune zone dell’URSS, specie in Ucraina, fosse in corso una grave carestia. Jones decise di partire e verificare.
Giunto a Mosca ai primi di marzo, seppe che era stata emanata da poco una direttiva dei Soviet che proibiva ai giornalisti occidentali di recarsi in alcune zone del paese, guarda caso proprio quelle di cui si diceva che la popolazione vi morisse letteralmente di fame. Avuta conferma dai giornalisti basati nella capitale che l’infuriare della carestia era un segreto di Pulcinella, il gallese decise di partire per le campagne; comprò un biglietto per la capitale ucraina, ma saltò giù dal treno prima di giungervi e si mise a girovagare per i villaggi e per le fattorie. Dappertutto vide sulle persone i segni del flagello, rappresentati, soprattutto, dal gonfiore delle membra e del ventre. Decine e decine di contadini gli ripeterono in maniera ossessiva che si moriva di fame e che non si trattava di un evento naturale, ma di un piano orchestrato dall’alto per spezzare la resistenza alla collettivizzazione. Dopo qualche giorno di questa gita infernale, Jones incappò in un paio di agenti della GPU (poi KGB) i quali, increduli di vederlo in quell’area lo riportarono nella capitale ucraina.
Tornato a Mosca, Jones incontrò Walter Duranty, inviato del New York Times e premio Pulitzer col quale si trovò in disaccordo totale sulla situazione sovietica. Poi ottenne un’intervista col ministro degli esteri Litvinov, cui chiese anche notizie sulla carestia ucraina. Litvinov, naturalmente, negò che esistesse e Jones si complimentò per il modo con cui era stata tenuta nascosta, cosa che gli valse il bando perpetuo dall’URSS. Ripartito per Berlino, il 29 marzo vi tenne una conferenza stampa in cui per la prima volta si annunziava al mondo l’esisstenza di una carestia senza precedenti in Ucraina sulla base di una diretta testimonianza personale, cosa che non mancò di suscitare una notevole eco. Due giorni dopo, in un articolo divenuto tristemente famoso Duranty da Mosca smentiva tutto e asseriva che poteva esserci una certa scarsità di cibo in alcune città, ma nulla di più; si riferiva inoltre continuamente, con tono di sufficienza a “quanto affermato da Mr Jones”, il quale, peraltro in una lettera alò direttore del giornale di Duranty confermò puntigliosamente tutta la verità.
Di ritorno in patria il noto magnate Hearst gli diede l’opportunità di raccontare la sua esperienza ucraina sul suo giornale “New York American”; nel gennaio 1935 uscirono tre articoli in cui si parlava per la prima volta di man-made famine (carestia artificiale, provocata dall’uomo) e si accusava Stalin dell’omicidio di Kirov, ucciso nel dicembre 1934.
Mosca non rispose, ma quando Jones partì per l’Estremo Oriente scattò la trappola. Giunto a Tokio, fu ospitato dal suo collega israelita Guenther Stein del London News Chronicle, oggi noto come spia sovietica, prestava il suo appartamento al famigerato Richard Sorge (altro israelita notoria spia sovietica) per mandare notizie a Mosca via radio.
Quando Jones manifestò l’intenzione di recarsi in Manciuria occupata dai giapponesi, il suo viaggio fu organizzato dalla Wolfwag, una ditta tedesca finita in mano all’URSS dopo l’avvento del nazismo e diretta da un certo Adam Purpis, altra spia di Stalin. A questo punto, il fatto che poco dopo Jones sia stato rapito e ucciso da un gruppo di banditi ha poca rilevanza. Mosca è sempre stata maestra nel trovare esecutori neutrali (vedi Alì Agca).
Jones morì il 12 agosto 1935, il giorno prima del suo trentesimo compleanno. Poche settimane dopo lo seguiva nella tomba Ewald Ammende, animatore dei comitati interconfessionali di solidarietà con l’Ucraina e per questo divenuto bestia nera della Prava e del Comintern. Anche la sua morte non fu chiara e nessuna investigazione venne svolta.





versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9