Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
contro il 41 bis
by Associazione Solidarietà Proletaria (ASP) Saturday, Oct. 29, 2005 at 1:10 AM mail: aspilbollettino@virgilio.it

Comunicato contro il 41 bis

Associazione Solidarietà Proletaria (ASP)
aspilbollettino@virgilio.it

Comunicato contro il 41 bis
27-10-2005

Il razzista Castelli, ministro della giustizia del governo reazionario, clericale e fascista di Berlusconi, annunciava ai media nazionali a inizio mese l’applicazione del 41 bis ai prigionieri delle nuove Br. Il motivo di questa barbara misura blaterata dal ministro leghista, mirava ad evitare che questi detenuti continuassero a commettere reati di terrorismo. Una dichiarazione questa del ministro veramente ipocrita. Ma soprattutto una dichiarazione arrogante degna di chi, forte del potere politico ed economico e al comando del monopolio della violenza (lo Stato e tutti i suoi apparati repressivi), in questi anni hanno scatenato una campagna vasta e sistematica di repressione e persecuzione contro i comunisti, i rivoluzionari, gli antimperialisti, gli anarchici, gli arabi democratici, gli islamici antimperialisti, le avanguardie di lotta dei movimenti rivendicativi, i sindacalisti combattivi e in generale contro i lavoratori, gli immigrati, le masse popolari, i giovani e le donne in lotta contro le politiche antipopolari e liberticide della borghesia imperialista.

Il governo italiano, naturalmente in primo luogo il ministro degli Interni Pisanu che non manca mai di lanciare studiati allarmi sul terrorismo che incombe, perseguono la strategia della paura e della violenza contro chiunque in Italia si pone alla testa delle masse popolari che si ribellano contro la guerra di sterminio non dichiarata della borghesia. Questa guerra non dichiarata che ha le sue fondamenta nel sistema capitalista in crisi, uccide veramente quotidianamente milioni di uomini, donne, vecchi e bambini: sono milioni di morti per fame, per malattie curabili, per miseria, per disoccupazione, per infortuni sul lavoro, per disastri naturali prevedibili e causati dallo sfruttamento selvaggio dei capitalisti.
Milioni di esseri umani muoiono inoltre ammazzati dalle vere guerre, che gli imperialisti conducono in ogni angolo del pianeta, per soffocare popoli e nazioni e razziare le loro risorse come sta avvenendo in Iraq, in Afganistan e in Palestina ad opera degli imperialisti USA e Britannici, appoggiati alloro volta in questa politica criminale dalla banda Berlusconi, notoriamente super inquisita per vari reati da codice penali ai danni delle masse, ma nei fatti, guarda caso, mai finita in galera.

Nel nostro Paese la repressione è sempre più asfissiante e le carcerazioni politiche sono sempre più frequenti. Il trattamento speciale applicato ai prigionieri politici è più che palese nel suo obiettivo di annientamento. L’annientamento è contro coloro che non vogliono rinunciare alle idee rivoluzionarie e alle idee di vera solidarietà e giustizia sociale.
Il 41 bis, misura restrittiva estrema applicata ai prigionieri delle Br e ad altri prigionieri accusati di terrorismo, non è altro che una pura tortura e di fatto una violazione dei principi fondamentali dell’uomo, che contrasta apertamente con le stesse Costituzioni democratiche borghesi e le Convenzioni internazionali sui diritti umani.
Non è vero che con l’applicazione del 41 bis si vuole impedire al prigioniero politico di commettere altri “reati di terrorismo”, questa è una panzana che racconta il ministro Castelli, è un’affermazione semplicemente ridicola, vergognosa e offensiva per la ragione umana. La verità è che con una misura così coercitiva e disumana come il 41 bis, si vuole esercitare una vendetta, si vuole castigare ulteriormente chi non sottomette la propria coscienza rivoluzionaria all’ordinamento infame di sfruttamento della borghesia. Come se non bastassero i processi e le condanne esemplari a cui vengono sottoposti i prigionieri politici, i tribunali borghesi aggiungono agli anni maggiorati di pena, la tortura del 41 bis per rendere ancora più orribile la condanna.
Questo metodo giudiziario serve a mostrare e a terrificare quanti fuori ancora dalle carceri pensano o potrebbero incominciare a pensare, che è ora di cambiare le cose, di rivoluzionare il mondo, di costruire il socialismo o nuove democrazie, perché della barbarie borghese le masse popolari e il proletariato non ne possono proprio più.
Le condanne eccezionali contro i prigionieri politici vengono comminate oggi da una reale magistratura speciale, come ai tempi dei tribunali del tristemente ventennio fascista in cui centinaia di comunisti, anarchici, rivoluzionari e democratici venivano condannati al carcere e al confino. In quei tribunali e in quelle carceri fasciste dove Antonio Gramsci, dirigente del vecchio partito comunista italiano, fu lasciato ammalare e fatto morire.
Il giudice speciale (inquirente o giudicante) chiede ed elargisce le pene non per il reato in se, per un reato più o meno grave commesso da un singolo o da un gruppo, ma chiaramente chiede e condanna in base a ciò per cui il reato è stato commesso: per una società senza classi, per il socialismo, per la liberazione di un popolo oppresso o per l’indipendenza del proprio paese da uno Stato oppressore. È questo ciò che qualifica il prigioniero politico. L’oggetto della condanna o della persecuzione è il fine e non il mezzo. Ciò è confermato dalle leggi sul pentitismo e sulla dissociazione dalla lotta di classe. Tra queste leggi, la Gozzini è quella che si basa sul premio della “libertà” ai prigionieri che si allontanano dagli ambienti della politica rivoluzionaria.

A guardare le carceri della tortura gestite dagli imperialisti USA e dal loro capo banda Bush a Guantanamo, Abugraib, Bagram, o quelle gestite dal boia Sharon nel deserto del Neghev della Palestina occupata dai sionisti, o le carceri dell’isolamento di tipo “F” per migliaia di prigionieri politici della Turchia, gestite dal governo fascista del boia Erdogan; osservando le carceri di massima sicurezza europee come in Francia dove ci sono ormai oltre 350 prigionieri politici tra baschi, bretoni, corsi, comunisti e anarchici; e ancora come in Spagna che conta un migliaio di prigionieri prevalentemente indipendentisti baschi; e per finire l’Italia dell’oscurantista governo Berlusconi con un centinaio di detenuti politici in regime di EIV (elevato indice di vigilanza), di 41 bis, e le detenzioni amministrative (vale a dire carcere senza aver commesso reati e ricevuto condanne) per migliaia di immigrati tenuti in condizioni di vita disumane nei CTP (Centri di Permanenza Temporanea) pronti ad essere espulsi; se guardiamo a tutto ciò, probabilmente anche Cesare Beccaria avrebbe avuto da dire qualcosa di critico nel suo famoso trattato “Dei delitti e delle pene” pubblicato in forma anonima nel 1764. Ma allora, 250 anni fa circa, la borghesia era progressista e in lotta contro i regimi ecclesiastici e feudali. Dal momento che la classe operaia da ben 150 anni ha preso coscienza di se e ha incominciato ad essere indipendente e a lottare per la propria emancipazione, la borghesia è tornata al metodo della giustizia feudale per reprimere con il carcere, la tortura, la pena di morte dichiarata o meno, le temute avanguardie delle classi subalterne che alla fine vinceranno la lotta per il nuovo mondo senza classi.

Noi dobbiamo combattere la barbarie del 41 bis e per questo che vogliamo partecipare attivamente alla campagna di lotta avviata di fatti, da più parti e da più organismi, per l’immediata abolizione di questa misura carceraria.
Per tutto ciò diciamo che assemblee pubbliche e di massa, presidi e manifestazioni sono necessarie per rafforzare la campagna per l’abolizione del 41 bis, per la chiusura dei CTP, per denunciare le leggi e i tribunali speciali contro i prigionieri politici, per rivendicare lo Status dei prigionieri politici, per lottare contro la persecuzione dei comunisti, dei rivoluzionari e di tutti coloro che lottano contro il regime reazionario della borghesia.
Ovunque siamo presenti promuoveremo o parteciperemo alle iniziative che intendono denunciare questo stato di barbarie e in difesa dell’integrità psicofisica dei rivoluzionari prigioni, in difesa della loro dignità umana e soprattutto della loro identità politica ed ideologica.
Per essere più concreti, l’ASP a breve organizzerà un primo presidio di lotta presso il carcere di Secondigliano (NA) in cui è rinchiuso in regime di 41 bis il prigioniero politico delle Br Marco Mezzasalma. Invitiamo anche tutti gli altri a partecipare a questo presidio o ad organizzarne altri dove sono detenuti compagni e prigionieri politici a regime di 41 bis come a Sollicciano e altrove.


Mobilitiamo le masse popolari contro il 41 bis!
Rafforziamo la resistenza dei rivoluzionari prigionieri contro le vessazioni infami dei carcerieri della borghesia imperialista!
Lottiamo per il riconoscimento dello Status dei prigionieri politici, per i loro raggruppamento e contro il regime d’isolamento a cui vengono sottoposti!
Allarghiamo la battaglia di solidarietà a livello europeo!
Costruiamo un fronte ampio contro la repressione, le liste nere e le leggi speciali che perseguitano comunisti, rivoluzionari, anarchici, indipendentisti e i democratici delle nazioni oppresse!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
COMUNQUE IL COMPAGNO GRAMSCI E' MORTO IN OSPEDALE
by Paolo Dorigo n.76 progressivo Sunday, Oct. 30, 2005 at 11:40 PM mail: paolodorigo@alice.it

Comunque il compagno Gramsci è morto in ospedale. Il che significa che persino mussolini in certe condizioni non ammazzava le persone il che è grave dato che lo stato borghese uccide ogni giorno con il controllo mentale.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
OVVIAMENTE LA COLPA NON ERA SOLO DI MUSSOLINI MA ANCHE DEI SABAUDI
by Paolo Dorigo n.77 progressivo Sunday, Oct. 30, 2005 at 11:48 PM mail: paolodorigo@alice.it

Ovviamente le sue condizioni di salute furono rese precarie e lo portarono alla morte in breve tempo dopo la scarcerazione, anche in virtù della politica di annientamento fatta di dispersione ed isolamento per lunghi periodi dagli altri prigionieri politici comunisti, e dai numerosissimi trasferimenti. In http://www.paolodorigo.it/Letture.html tre piccole letture di questo genio rivoluzionario di nome Antonio Gramsci, intellettuale e dirigente che si sacrificò e non fece a tempo a salvarsi riparando in Urss come altri riuscirono a fare. Quindi la responsabilità era anche dell'istituzione carceraria in sè, che era pregressa al mussolini del 1922-1924-1926 (tribunali speciali), e quindi era dello Stato Sabaudo.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9