Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
SCIOPERO DELLA FAME DI MAGISTRATI, AVVOCATI, E DI UN DIRIGENTE COMUNISTA, IN TUNISIA
by Paolo Dorigo n.90 progressivo Wednesday, Nov. 09, 2005 at 7:29 PM mail: paolodorigo@alice.it

SCIOPERO DELLA FAME SENZA LIMITI DI TEMPO DI MAGISTRATI, AVVOCATI, E DI UN DIRIGENTE COMUNISTA, IN TUNISIA

09 nov 2005, 11:25:52

RE: Le Conscience, greve du faim Tunisie. paolo, ton site est très très bien.Merci pour le link direct sur le site "laconscience". voici un article court mais qui résume bien la situation en tunisie (segue traduzione):
SCIOPERO DELLA FAME DI MAGISTRATI, AVVOCATI, E DI UN DIRIGENTE COMUNISTA, IN TUNISIA

8 magistrati, avvocati e politici in sciopero della fame senza limiti di tempo.

Tunisia : Delle personalità politiche hanno iniziato da tempo uno sciopero della fame illimitato. Sette figure della società civile e della scena politica tunisina hanno annunciato martedì, durante una conferenza stampa, di aver iniziato lo stesso giorno uno sciopero della fame senza termine di tempo "per esprimere il proprio rifiuto all’arbitrarietà ed esigere il rispetto dei diritti politici ed umani del popolo tunisino". In un comunicato, gli scioperanti, dei dirigenti di associazioni e di partiti politici legali e non riconosciuti, giustificano la loro decisione con il “deterioramento della situazione politica, sociale e culturale”. Loro ricordano a questo riguardo, i problemi in cui si dibattono l’Associazione tunisina dei magistrati (ATM), la Lega tunisina dei Diritti dell’Uomo (LTDH) ed il Sindacato dei giournalisti tunisini (SJT) e la situazione "allarmante" dei detenuti politici (riconosciuti tali da loro).

I firmatari del documento si sollevano contro la volontà del potere di "ignorare deliberatamente l’aspirazione di interi settori della società civile a maggiore libertà e partecipazione” e lo accusano di aver "accresciuto le loro misure repressive" a un mese dal Summit mondiale sulla società dell’informazione (SMSI) previsto a novembre a Tunisi.

Attraverso il loro sciopero, gli oppositori si prefiggono tre obiettivi. Reclamano la libertà di associazione per il riconoscimento di tutte le associazioni e di tutti i partiti che aspirano ad una esigenza legale e l’abolizione degli impedimenti che bloccano l’attività di quelle e quelli che sono legalmente riconosciuti.

Concernente la libertà di stampa, fanno appello a che sia tolta la censura, ala cessazione delle pressioni esercitate sui giornalisti ed all’apertura dei media audiovisivi a tutte le correnti di pensiero.

Reclamano infine "la liberazione dei prigionieri politici, islamici, internauti, giovani ingiustamente accusati del terrorismo così come la liberazione dell’avvocato dissidente Mohamed Abbou e l’adozione di una legge di amnistia generale". Secondo il capo del Partito democratico progressista (PDP), Avv.Nejib Chebbi, questo sciopero mira ad attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla "situazione in un paese senza libertà e senza rispetto dei diritti più elementari dell’Uomo".

"Questo per dire anche ai nostri amici che arrivano per partecipare al SMSI che voi non potete celebrare la libertà di espressione su internet in un paese dove l’élite cessa di alimentarsi a causa dell’assenza di libertà”, ha aggiunto.

Il presidente del SJT (non riconosciuto), Lotfi Hajji, si è difeso lui ed i suoi compagni di sciopero dall’accusa di voler turbare il summit mondiale, perché, fa notare, "le nostre doglianze sono datate e noi vi siamo legati”.

Il portavoce del Partito comunista operaio tunisino (POCT, non riconosciuto), Hamma Hammami, ed il "giudice ribelle" Mokhtar Yahyaoui, l’Avv. Ayachi Hammami, presidente del comitato di sostegno, e dell’avvocato dissidente Mohamed Abbou, rileva dando eco a questi fatti, la determinazione dei membri del gruppo a proseguire lo sciopero della fame "per cambiare la situazione".

I due altri scioperanti sono gli Avvocati Abderraouf Ayadi, vice-presidente del partito Congresso per la Repubblica (CPR/non riconosciuto), e Mohamed Nouri, presidente dell’Associazione internazionale di sostegno ai prigionieri politici (AISPP) qui ha riportato della situazione di oltre cento scioperanti della fame fra circa 500 detenuti islamisti.

Le autorità negano loro la qualità di prigionieri politici, mettendo avanti i delitti di diritto comune per i quali li hanno condannati.

Voi potete contattarli per telefono: per ogni intrattenimento che voi valuterete sostenibile ed appropriato.

Studio legale dell’Avvocato Ayachi Hammami : +216 71 241 722, +216 71 335 801 (fixes) Avvocato Ahmed Néjib Chebbi (PDP) : +216 22 25 45 45 (cellulaire) Hamma Hammami (PCOT) : +216 22 79 57 79 (cellulaire) Avvocato Abderraouf Ayadi (CPR) : +216 98 31 71 92 (cellulaire) Le juge Mokhtar Yahyaoui (CIJ-T) : +216 98 66 74 63 (cellulaire) Avvocato Mohamed Nouri (AISPP) : ... ... ... Avvocato Ayachi Hammami (Comité de défense de Me Abbou) : +216 21 39 03 50 (cellulaire) Lotfi Hajji (SJT) : +216 98 352 262 (cellulaire)

merci à touTEs de les soutenir
--------------------------------------------------------------------------------
i comunisti del nostro paese possono telefonare ad Hammami quanto prima … e se vogliono fare una protesta sit-in, che me lo dicano (mail Le Conscience) perché io possa metterli su tutti i siti.

Io non so se oggi li espellono dal locale. Se questo accade te lo faccio sapere.

E sharon, shalom, ... è in Tunisia che vogliono arrivare. LA VERGOGNA !

--------------------------------------------------------------------------------

Essere prigioniero, non è questa la questione. L’importante è non arrendersi.Ecco qua. (N. Hikmet)


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9