Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
REPORTER SENZA FRONTIERE FRANCE E LA CIA - da Reseau Voltaire
by Paolo Dorigo n.118 progressivo Wednesday, Nov. 23, 2005 at 1:56 PM mail: paolodorigo@alice.it

UNA TRADUZIONE DI NOTEVOLE INTERESSE

ONG QUANDO REPORTER SENZA FRONTIERE COPRE LA CIA *
Reporter senza frontiere ha in Francia una onorevole reputazione, tanto che i media latino-americani la accusano di essere al soldo della NED/CIA. L’associazione raccoglie oltre 2 milioni di euro presso il pubblico francese per venire in aiuto dei giornalisti perseguitati nel mondo. In realtà solo il 7% del bilancio generale di RSF è dedicato alla sua missione principale. La vera attività dell’associazione, è la lotta contro i regimi progressisti latino-americani (Cuba, Haïti, Venezuela).
da RESEAU VOLTAIRE
per motivi tecnici non sono stato in grado per tempo di tradurre anche le note contenute nei link numerici sottolineati; (rispetto alla critica qui fatta dal traduttore –dal francese all’italiano- ai termini “Senza frontiere”, c’è da dire sia che tale espressione si attaglia oggi solo alla classe operaia mondiale, sia che la dipendenza economica dal mondo occidentale di fronte all’oppressione esercitata da questo mondo soggetto al dominio del capitale, sulla maggioranza stragrande della popolazione mondiale, la rende ipocrita e fasulla) ndT.
Robert Ménard, direttore di Reporter senza frontiere
All’epoca del processo a L’Avana, nel 2003, Nestor Baguer ha pubblicamente chiamato in causa Robert Ménard, che ha accusato di collusione con i servizi segreti statunitensi. Nello stesso periodo, Reporter “senza frontiere” (R”SF”) [virgolette del traduttore, ndT dal 1994], di cui M. Ménard è il direttore esecutivo, ha condotto una campagna contro il governo cubano, che lo accusa di imprigionare i giornalisti dissidenti. Da allora, la polemica non ha cessato di inasprirsi fino a quando la giornalista statunitense Diana Barahona, del Northern California Media Guild, fece un passo in avanti accusando Reporter “senza frontiere” di essere finanziata dalla NED/CIA e di scrivere i suoi rapporti sotto l’influenza dell’amministrazione bush [minuscolo del traduttore, ndT].
Noi abbiamo girato questa controversia sul nostro sito spagnolo, Red Voltaire, e abbiamo rifiutato di averlo fatto senza sfumature. In effetti, l’inchiesta del nostro corrispondente canadese, Jean-Guy Allard, e le verifiche del nostro ufficio francese, mostrano che il finanziamento diretto di R”SF” da parte della NED/CIA è anedottico e recente, sicché egli non ha potuto avere peso sulla sua attività. Noi presentiamo le nostre scuse a Reporter “senza frontiere”. Noi rifiutiamo, tanto più che questo errore maschera dei fatti molto più sorprendenti.
Inizialmente convinta per inviare dei giornalisti a testimoniare l’azione delle ONG umanitarie, Reporter “senza frontiere” è passata a diventare una organizzazione internazionale di sostegno ai giornalisti perseguitati.
L’associazione è stata riconosciuta di utilità pubblica per decreto del Primo ministro Alain Juppé, il 19 settembre 1995. Questo statuto gli ha dato un accesso più facile ai finanziamenti pubblici che rappresentano, negli ultimi conti pubblici [1] 778 000 €.
Loro provengono dai servizi del Primo ministro francese, del ministero francese degli Affari esteri, dell’Agenzia intergovernativa francofona, della Commissione europea, dell’OCSE-OCDE e dell’UNESCO. R”SF” può anche contare su mecenati privati (FNAC, CFAO, Hewlett Packard*, Fondazione Hachette, Fondazione EDF etc.) per circa 285 000 €. Ad ogni buon modo, l’essenziale del bilancio proviene dalla generosità del pubblico, notoriamente al momento della vendita dell’album annuale per la libertà di stampa e di operazioni speciali, ossia 2 125 000 € su di un bilancio totale di 3 474 122 €.
Ora, l’attività concreta di Reporter “senza frontiere” è molto più allineata di quanto i donatori credono di finanziare. I fondi di assistenza ai giornalisti oppressi, vale a dire il pagamento di onorari di avvocati dei giornalisti imprigionati, il sostegno materiale alle loro famiglie [ed a loro stessi speriamo, ndT], lo sviluppo delle Case dei giornalisti, tutto questo rappresenta il cuore dell’attività ufficiale dell’associazione e la ragione della generosità del pubblico non costituiscono che il … 7% del bilancio generale ! Voi avete ben letto: per 1 € dato ai giornalisti perseguitati, solo 7 centesimi arrivano a destinazione.
Dove finisce dunque il resto ?
La vera attività di Reporter “senza frontiere” è quella di condurre delle campagne politiche su obiettivi determinati. [Non sappiamo se anche contro la sterilizzazione forzata di 250.000 donne peruviane indie, almeno, ndT].
Loro sarebbero legittime se, come la Fondation Soros [2], non strumentalizzassero la libertà di stampa al punto di evocarla per giustificare delle gravi violazioni del diritto internazionale. A titolo d’esempio, R”SF” si è felicitata del sequestro del presidente costituzionale di Haiti da parte delle Forze speciali statunitense, con l’appoggio della logistica francese [3], a causa del fatto che Jean-Bertrand Aristide sarebbe stato un predatore della libertà di stampa; un qualificativo puntellato da una visione troncata degli avvenimenti che mirava a far passare il presidente haitiano come il mandante della morte di giornalisti. È d’obbligo osservare che, così facendo, Reporter “senza frontiere” sosteneva mediaticamente una operazione in cui il governo francese si era fuorviato, mentre quello stesso governo francese sovvenzionava l’associazione.
Il carattere ideologico delle campagne di Reporter “senza frontiere” arriva persino al ridicolo. Così l’associazione si è indignata del progetto di legge venezuelano mirante a sottoporre i media al diritto generale, ma non so è preoccupata del ruolo del magnate dei media audiovisivi Gustavo Cisneros e del ruolo delle sue catene televisive nel tentativo di colpo di Stato militre per rovesciare il presidente costituzionale Hugo Chavez [4].
Manifesto di una campagna anticubana di R”SF”
Realizzato dall’agenzia Rampazzo & Associés
In definitiva a proposito di Cuba c’è da dire che la polemica si è cristallizzata, tanto è vero che R”SF” ha fatto della denuncia del regime castrista l’asse principale delle sue campagne. Secondo l’associazione, i 21 giornalisti imprigionati nell’isola sarebbero stati accusati abusivamente di spionaggio a favore degli usa e sarebbero in realtà vittime della repressione governativa. Per lottare contro questo governo, R”SF” ha organizzato diverse manifestazioni, di cui una è andata male, il le 14 aprile 2003 davanti all’ambasciata di Cuba a Parigi. Nel suo entusiasmo, l’associazione ha ugualmente turbato la sessione della Commissione dei diritti dell’uomo, nella sede dell’ONU a Ginevra. I suoi militanti avevano preso parte alla presidenza libica della Commissione e molestato dei diplomatici. Di conseguenza, Reporter “senza frontiere” è stata sospesa per un anno dal suo status di osservatore al Consiglio economico e sociale (Ecosoc) dell’ONU. Robert Ménard non ha mancato di stigmatizzare la deriva di questa commissione, secondo lui si trova nelle grinfie degli specialisti stessi delle violazioni dei diritti dell’uomo. Pertanto, le sanzioni verso R”SF” sono stati votati dagli Stati perfettamente democratici come l’Africa del Sud, il Brasile, o il Benin.
Interrogato al telefono, Robert Ménard ricusa gli allegati secondo cui R”SF” sarebbe stato comperato dal denaro della NED/CIA [5] per condurre una campagna contro Cuba. Lui spiega che l’associazione ha richiesto una sovvenzione all’Agenzia statunitense per venire in aiuto ai giornalisti perseguitati in Africa e che in questo caso ella ha raccolto in definitiva solo 40 000 dollari alla metà di gennaio 2005. È provato.
Proseguendo la discussione, M. Ménard rifiuta analogamente le accuse del nostro collaboratore Jean-Guy Allard, all’epoca giornalista nell’agenzia nazionale Granma Internacional. Nella sua opera, Le Dossier Robert Ménard. Pourquoi Reporters sans frontières s’acharne sur Cuba, costui relaziona i legami personali stretti che il direttore esecutivo dell’associazione intrattengono con gli ambienti dell’estrema destra anticastrista a Miami**, notoriamente con Nancy Pérez Crespo. Alzando la voce, ci accusa di progettare dei presupposti ideologici sulle cose, mentre lui e la sua associazione si atterrebbero alla più grande neutralità. Poi, ci accusa di dar credito a della propaganda comunista (sic).
La cosa è stata verificata, Robert Ménard frequenta bene l’ambiente dell’estrema destra di Miami e di R”SF” è ben finanziata dalle lobbyes anticastriste per condurre la campagna contro Cuba. Nel 2002, Reporter senza frontiere ha firmato un contratto, di cui i termini non sono noti, con il Centro per una “libera Cuba” in seguito al quale ha ricevuto una prima sovvenzione di 24.970 €. Questa è aumentata a 59 201 € per il 2003. L’ammontare per il 2004 non è noto.
Il Centro per una « libera Cuba » è una organizzazione creata per rovesciare la rivoluzione cubana e restaurare il regime del [dittatore borghese filoamericano, ndT] Battista [6]. Questo centro è presieduto dal padrone del Rhum Bacardi, diretto dall’ex terrorista Frank Calzon, ed articolato in un ufficio della CIA, la “Casa Libera” [7].
Il contratto firmato con il Centro per una “libera Cuba” è stato negoziato nel 2001 con la responsabile dell’epoca di questa organizzazione: Otto Reich, il campione della contro-rivoluzione in tutta l’America latina [8]. Lo stesso Otto Reich, diventato segretario di Stato aggiunto per l’emisfero occidentale, fu l’organizzatore del colpo di Stato mancato contro il presidente eletto Hugo Chavez ; poi, diventato emissario speciale del presidente bush, supervisiona l’operazione di sequestro del presidente Jean-Bertrand Aristide.
R”SF”, questo è il 7 % de sostegno ai giornalisti oppressi ed il 93 % di propaganda imperiale statunitense.
Thierry Meyssan
Journaliste et écrivain, président du Réseau Voltaire

TRADUZIONE NON UFFICIALE



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 3 commenti visibili (su 3) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
libri sul tema RSF vs CUBA marcelo Wednesday, Nov. 23, 2005 at 4:09 PM
dossier su RSF cubainforma Wednesday, Nov. 23, 2005 at 3:03 PM
link sbagliato correzione Wednesday, Nov. 23, 2005 at 2:50 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9