Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Cani e Microchip
by tav.laici Friday, Dec. 16, 2005 at 11:38 AM mail: tav.laici@libero.it

CONTROLLO SOCIALE




Cari amici di INDYMEDIA.leggete,se vi va,questo articolo(per me)da brivido.
Ognuno fara' poi le sue riflessioni in materia.
Per me è agghiacciante.
E' estratto,pensa te,dalla rivista sulla SALUTE dell ULSS 17 della provincia di Padova(http://www.bussolasalute.it).
Io non dico altro.....
gianni
.





------------------------
IL CANILE SANITARIO:
PREVENZIONE E CONTROLLO DEL RANDAGISMO
CANINO



CHE COS’È IL CANILE SANITARIO?
La prevenzione ed il controllo del randagismo canino costituiscono la principale attività del canile sanitario dell’Azienda ULSS 17. La prevenzione del randagismo si attua principalmente mediante l’identificazione dei cani con microchip, che, applicato sotto la pelle del collo con una normale iniezione, permette, in caso di ritrovamento dell’animale, di avvisare in pochi minuti il proprietario.
Nella nostra regione l’utilizzo del microchip come strumento di riconoscimento dei cani è iniziato nell’anno 1999 ed attualmente sono stati applicati nella nostra ULSS oltre 16.000 microchips.
Il controllo del randagismo si attua anche mediante la cattura dei cani vaganti, che nella maggior parte dei casi, vengono restituiti ai proprietari o affidati ai privati che diano sufficienti garanzie di trattarli in modo adeguato.


IN CHE MISURA L’APPLICAZIONE DEL MICROCHIP HA INFLUITO SULLA DIMINUZIONE DEL RANDAGISMO?
La raccolta sistematica dei dati che riguardano la cattura e la riconsegna
dei cani ai proprietari, o l’affidamento a nuovi proprietari ha consentito di valutare come l’introduzione del microchip, abbia modificato l’andamento del feno-meno dei cani vaganti nel nostro territorio. Per poter comprendere i dati esposti nelle tabelle, è necessario fare alcune premesse:

CATTURA O CONSEGNA DEI CANI VAGANTI
La cattura dei cani vaganti nel nostro territorio viene effettuata da personale convenzionato con l’ULSS 17, da volontari delle associazioni protezionistiche (LNDC - Lega Nazionale Difesa del Cane, ecc.) e da privati cittadini che, quando incontrano un cane vagante, lo portano al canile.
Questa azione sinergica fa sì che, nel territorio dell’ULSS 17, il randagismo canino sia un fenomeno praticamente sconosciuto.
Il numero di cani che vengono condotti al canile, molto elevato in rapporto al territorio se confrontato con altre realtà della regione, non significa che ci siano molti cani vaganti, ma piuttosto che l’elevata sensibilità delle persone fa sì che ogni cane libero senza il proprietario venga rapidamente tolto dalla strada e condotto al canile.

DESTINAZIONE DEI CANI ACCALAPPIATI
Contrariamente a quanto alcuni credono, i cani che entrano in canile non vengono mai soppressi, salvo i rarissimi casi in cui siano realmente pericolosi o gravemente ammalati e senza speranza di guarigione.
In realtà, a parte i cani che vengono restituiti ai proprietari, che sono in continuo aumento, gli altri, vengono per lo più affidati a privati cittadini che, piuttosto che comprare un cane, preferiscono adottare un animale abbandonato.
Gli animali catturati e non riscattati dai proprietari, dopo un periodo di dieci giorni di osservazione nel canile sanitario, vengono inviati alla struttura di ricovero (rifugio) convenzionata con i comuni, essendo responsabilità di questi ultimi il mantenimento dei cani abbandonati. Nell’ULSS 17 non esistono canili comunali, ma un canile convenzionato gestito dalla LNDC che dispone di una capienza purtroppo insufficiente alle attuali esigenze.
Negli ultimi 5 anni il numero totale di ingressi nel canile sanitario è aumentato con una progressione lineare.
Si è passati dai 308 ingressi del 2000 ai 629 del 2004 mentre nel primo semestre 2005 la tendenza è leggermente al ribasso.
Se si considera che il canile sanitario dispone di soli dieci box, ci si può facilmente rendere conto come, se tale tendenza dovesse continuare, si arriverà inevitabilmente al collasso della struttura.
Fortunatamente, ad un aumento così marcato del numero di ingressi è corrisposta una notevole diminuzione del tempo di permanenza media dei cani. Ciò dipende soprattutto dalla maggiore rapidità con cui i cani dotati di microchip vengono restituiti ai proprietari.
(Per i dati e le tabelle relative è possibile consultare il sito http://www.bussolasalute.com) Attualmente si restituiscono ai proprietari il 53-55% dei cani catturati rispetto al 39,1% del 2001 proprio grazie alla presenza del microchip. Questo metodo ha permesso di ridurre anche il tempo di permanenza dei cani al canile.

COME VARIA IL NUMERO DEI CANI ENTRATI AL CANILE NEL CORSO DELL’ANNO?
È opinione comune che il numero di cani abbandonati aumenti significativamente in prossimità del periodo delle ferie estive, tra fine luglio e ferragosto. In ambito nazionale questo è senz’altro vero, ma nella nostra realtà locale il fenomeno è meno marcato, anche in conseguenza del fatto che la percentuale di cani che vengono restituiti al proprietario è aumentata.
Si passa dai circa 20-30 cani dei mesi con meno ingressi ai 50-60 tra agosto e settembre e in prossimità del capodanno.
Non è difficile immaginare come una concentrazione di così tanti animali in una struttura così piccola come il canile sanitario dell’ULSS 17, e per di più in periodi dell’anno in cui è particolarmente difficile affidare i cani a nuovi proprietari, crei non pochi problemi tanto agli animali che agli addetti che operano nel canile.

CONCLUSIONI
Dall’esame dei dati relativi agli ingressi e uscite dei cani dal canile sanitario negli ultimi 5 anni risulta evidente da un lato, il costante aumento dei cani ricoverati in canile, dall’altro i benefici derivanti dall’applicazione ai cani del microchip,
che permettendone una immediata identificazione, scoraggia l’abbandono degli animali, e ne favorisce una rapida restituzione ai proprietari. Poiché la riduzione al minimo della permanenza degli animali nelle strutture di ricovero rientra tra gli obiettivi primari della lotta al randagismo, è pertanto auspicabile il coinvolgimento dei Comuni dell’ULSS17 nel programmare i necessari interventi di sensibilizzazione dei proprietari di cani nei confronti dell’anagrafe canina specie in quelle realtà territoriali dimostratesi meno sensibili al problema.
Risulta anche chiaro che il costante aumento delle presenze dei cani nel canile sanitario, giunto ad una media di 9 cani al giorno, con punte di oltre 20 animali, comincia a creare delle criticità cui bisognerà porre quanto prima rimedio, soprattutto
con un più rapido allontanamento degli animali dopo il periodo di osservazione sanitaria di 10 giorni, trascorso il quale la responsabilità e la cura dei cani abbandonati sono a carico dei comuni di provenienza degli animali. Purtroppo attualmente il numero di cani che devono essere detenuti in canile sanitario dopo il decimo giorno per l’insufficiente ricettività della struttura privata convenzionata con i Comuni, è nuovamente in aumento, dopo una leggera diminuzione nel 2002, ed ha raggiunto il numero di 92 cani nel corso del 2004.

STATISTICHE DEL CANILE: GRAFICI


Agostino Sinigaglia
Servizio di Sanità Animale
ULSS 17



CANILE SANITARIO ULSS 17
Via Erbecè, 9/B - Monselice
Tel. 0429.748.28 - 347.035.765
Fax 0429.748.28

Veterinario di turno:
Tel. 329.210.41.43

Orario per il pubblico:
Mercoledì e Venerdì
dalle 15.00 alle 17.00
Sabato dalle 10.00 alle 12.00
































versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 10 commenti visibili (su 15) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
un link al solito da correggere Paolo Dorigo n.151 progressivo Thursday, Jan. 19, 2006 at 11:09 AM
altri articoli come quello citato in Vergogna ! Paolo Dorigo n.150 progressivo Thursday, Jan. 19, 2006 at 11:07 AM
VERGOGNA!!!! tav.laici Wednesday, Dec. 21, 2005 at 12:24 PM
grande fratello sospettoso Monday, Dec. 19, 2005 at 3:57 PM
appena è disponibile.... appena è disponibile.... Monday, Dec. 19, 2005 at 3:17 PM
PER AMERICANO v Monday, Dec. 19, 2005 at 2:41 PM
ma andate!!!! tav.laici Monday, Dec. 19, 2005 at 12:10 PM
boh? Americano Saturday, Dec. 17, 2005 at 3:45 PM
balle galattiche v Saturday, Dec. 17, 2005 at 2:06 AM
ma Americano Saturday, Dec. 17, 2005 at 12:19 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9