Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
AHMAD SA'ADAT LIBERO CON I SUOI COMPAGNI DALLE GRINFIE IMPERIALISTE !
by Paolo Dorigo n.156 progressivo Friday, Jan. 20, 2006 at 8:54 PM mail: paolodorigo@alice.it

L'ANP HA DATO DA 4 ANNI IN CUSTODIA AGLI ANGLOAMERICANI NELLA LORO PRIGIONE DI GERICO LA POSSIBILITA' DI TORTURARE ED IMPEDIRE OGNI CONTATTO CON FAMILIARI AVVOCATI AMICI NE' LETTURA DI GIORNALI, AL COMPAGNO AHMAD SA'ADAT SEGRETARIO NAZIONALE DEL FPLP ED A 4 SUOI COMPAGNI CONDANNATI IN 2 ORE PER AVER SECONDO L'ACCUSA GIUSTIZIATO UN MINISTRO SIONISTA. FU ARAFAT AD APPROVARE QUELLA DECISIONE CHE L'ANP DEVE RITIRARE NEL RISPETTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE E PALESTINESE E DELLA DIGNITA' DEL POPOLO PALESTINESE E DEI SUOI MILITANTI IMPRIGIONATI INGIUSTAMENTE

testo di LA CONSCIENCE - mail -
19-01-2006
L'A.N.P. SCARCERI IL COMPAGNO SA'ADAT
ED I SUOI COMPAGNI DAL CARCERE DI GERICO
RIFIUTIAMO L'INTERFERENZA
AMERICANA-INGLESE-SIONISTA
NELLA POLITICA PALESTINESE,
NELLE LEGGI E NELLE ELEZIONI !

Il 12 Gennaio è stato segnato dal 4° anniversario dell’imprigionamento illegale di Ahmad Sa’adat,
Segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), che si trova
detenuto senza accuse dalla autorità palestinese sin dal 2002. L’imprigionamento di Sa’adat
avviene in violazione della legge Palestinese ed internazionale, senza processo, non è legato
ad alcuna accusa di alcun crimine. Egli è un prigioniero politico in senso totale, imprigionato per
volontà degli stati uniti e della gran bretagna e di “israele” per la sua attività e direzione nel FPLP.
Il caso di Sa’adat e dei suoi compagni imprigionati con lui a Gerico è unico, poiché egli non è
detenuto direttamente dallo stato sionista –invece, egli è imprigionato in un carcere dell’autorità
palestinese, controllato da guardie inglesi e americane.
Sa’adat sta ricoprendo attualmente il seggio di Abu Ali Mustafa nelle elezioni dell’autorità
palestinese, che era stato eletto nel nuovo Consiglio Legislativo Palestinese nella Zona
Occidentale e di Gaza. Mentre l’autorità palestinese, con queste elezioni, sta promettendo libertà,
giustizia e trasparenza al popolo Palestinese, a Sa’adat, pur dirigendo una carica nelle elezioni,
viene impedito l’accesso ai media e i contatti con la famiglia, gli amici ed i compagni –non come
prigioniero in un carcere sionista , ma come prigioniero politico della autorità palestinese. È una
regola fondamentale della democrazia garantire la partecipazione elettorale più completa di
Sa’adat, che è invece negata illegalmente. Egli ed i suoi compagni devono essere liberati
immediatamente !
Sa’adat era riunito come prigioniero politico a quattro dei suoi compagni nel FPLP (Hamdi Quran,
Basel Al-Asmar, Majdi Rimawi e Ahed Gholmi) il 25 Aprile 2002, quando i quattro furono processati
da una corte militare improvvisamente costituita dalla Autorità Palestinese –su richiesta degli
stati uniti e della gran bretagna come condizione per la fine dell’assedio israeliano di Muqata’a,
il palazzo presidenziale della autorità palestinese. Con i carri armati israeliani direttamente fuori
da Muqata’a, Quran, Al-Asmar, Rimawi e Gholmi, vennero processati e condannati nel Dicembre
2001 per il [giustiziamento] del ministro del turismo israeliano rehavam ze’evi. In seguito al loro
status civile, i quattro vennero processati davanti ad una corte militare presieduta dal brigadiere
generale ribhi arafat, che non aveva la posizione giuridica per processare. Non gli fu permesso
di avere avvocati o difesa legale propria nel processo che durò in tutto 2 ore. Nessuna prova,
nessuna confessione e nessun documento furono portati in aula per condannarli; tutto venne
stabilito rapidamente e il verdetto immediatamente ratificato dal presidente della a.p. yasser
arafat, e i quattro non ebbero la possibilità di proporre appello.
Dopo la sentenza, i quattro furono trasferiti, con il non accusato e non processato Ahmad Sa’adat,
nella prigione di Gerico, apparentemente sotto il controllo della a.p., ma soggetti alla custodia
delle forze degli inglesi e degli americani. Il direttore della “supervisione” americana/inglese dei
prigionieri al carcere di Gerico era l’ex direttore dell’infame centro di detenzione di Maze gestito
dagli inglesi nel Nord Irlanda [dove morirono molti degli scioperanti della fame fino alla morte di
IRA, INLA e patrioti irlandesi, del 1981].
I prigionieri non sono soggetti alla sovranità ed autorità Palestinese, ma piuttosto alle condizioni
e domande degli stati uniti e gran bretagna. La violazione flagrante delle leggi internazionali
e Palestinesi insieme rappresentata dalla detenzione di Sa’adat e dei suoi compagni mette in
luce la profonda ipocrisia negli appelli degli americani-inglesi per la “riforma” della a.p. e si
rapporta ai tentativi americani ed inglesi di interferire con le elezioni Palestinesi, e minaccia ed
intimidisce i Palestinesi della Zona Occidentale e Gaza a votare per i candidati prescelti dai
regimi americano, inglese e sionista. I loro tentativi di interferire nelle elezioni, accanto al
continuo loro imprigionamento di Sa’adat ed all’impedimento delle sue comunicazioni con i media
ed i suoi compagni –necessarie alla sua campagna- prova quale disprezzo assoluto per la
democrazia Palestinese e la legge Palestinese abbiano costoro, e rivela il loro impegno nel
cercare di reprimere la lotta nazionale Palestinese di liberazione ed autodeterminazione.
Come gli stati uniti cercano di creare un regime fantoccio in Iraq facendo svolgere elezioni, sta
cercando di minare l’autodeterminazione Palestinese e le pratiche di democrazia interna.
L’imprigionamento illegale di Sa’adat e dei suoi compagni è parte e obiettivo della strategia
internazionale della cosiddetta “guerra al terrorismo”, per mezzo della quale gli usa e la gbr
conducono guerre banditesche ed inumane, violando la sovranità nazionale e l’autodeterminazione,
ed incarcerando e reprimendo i prigionieri politici allo scopo di condurre una guerra contro la
resistenza popolare ai loro disegni sulla nazione Araba ed il mondo.
Sa’adat ed i suoi compagni sono sottoposti ad intollerabili condizioni nel carcere di Gerico
–condizioni che sono di molto peggiorate. Loro sono stati impediti l’un l’altro di comunicare.
Loro non possono leggere riviste e libri, non possono ricevere visite da familiari ed amici, non
possono usare il telefono, né a esercitarsi quotidianamente fuori dalle celle. L’acqua e l’elettricità
sono disattivate, e numerose altre misure punitive sono state implementate contro di loro. Per
risposta, Sa’adat ed i suoi compagni si sono impegnati in due scioperi della fame, domandando l
a fine del trattamento inumano ed il loro immediato rilascio.
Ora, durante le elezioni, in un momento in cui l’accesso ai media e l’accesso dei suoi compagni
è importante per la piena partecipazione alle elezioni del CLP, la comunicazione di Sa’adat e dei
suoi compagni verso l’esterno è stata severamente ristretta. Questa è una violazione della
democrazia Palestinese ed un affronto alla autodeterminazione, e la autorità palestinese deve
porre fine a questa ingiustizia.
Il loro imprigionamento continua a causa del fatto che l’Alta Corte Palestinese di Giustizia, gli alti l
ivelli giudiziari Palestinesi, hanno fatto in modo che Sa’adat debba essere ritirato immediatamente;
a causa del fatto che numerose organizzazioni internazionali e Palestinesi per i diritti umani,
compresa Amnesty International, hanno fatto appello per il rilascio di Sa’adat ed il rispetto delle
leggi internazionali e Palestinesi; ed a causa del fatto che tutti i prigionieri sono stati trattati
come prigionieri politici, detenuti illegalmente ed illegalmente trattati e condannati –in violazione
delle leggi Palestinesi ed internazionali, e sotto gli ordini di stati uniti e gran bretagna.
L’imprigionamento di Sa’adat e dei suoi compagni è un affronto alla legge inernazionale,
ai diritti umani ed alla giustizia. E’ un attacco all’abilità dei Palestinesi di organizzare e
resistere all’occupazione ed all’oppressione, e si è risolto anche nell’istituzione di un regime
di carcerazione illegale in diretta violazione della sovranità Palestinese. Questo è un tentativo
di autodeterminazione Palestinese, utilizzando le procedure della Autorità Palestinese per
permettere ad usa, gran bretagna e sionisti di controllare gli affari politici interni Palestinesi.
Noi chiamiamo l’autorità palestinese a ritornare sulla sua decisione di una Alta Corte di Giustizia
Palestinese e sulle linee-guida della legge Palestinese ed internazionale, e di rilasciare
immediatamente Sa’adat ed i suoi compagni. Questo è necessario per assicurare le immediate
condizioni per una piena e democratica partecipazione di Ahmad Sa’adat ed il seggio di Abu Ali
Mustafa nelle elezioni del CLP. Né gli stati uniti, la gran bretagna, né israele, hanno il diritto di
svolgere alcun ruolo nell’amministrazione della giustizia Palestinese, ed il loro coinvolgimento nel
domandare e supportare l’imprigionamento di Sa’adat e dei suoi compagni rese chiaro che la loro
cosiddetta “guerra al terrorismo” ed i loro propositi per le supposte “riforme” Palestinesi impopolari
attraverso la legge internazionale, la democrazia e la giustizia. Sa’adat ed i suoi compagni sono
prigionieri politici della cosiddetta “guerra al terrorismo” guidata dagli stati uniti, e rimangono
imprigionati solo a causa della loro resistenza all’occupazione ed all’oppressione che giornalmente
brutalizza i Palestinesi. Se la a.p. si impegna alla democrazia ed alla trasparenza, non dovrebbe
aiutare a lungo la soppressione della direzione ed attività politica Palestinese, e dovrebbe
aggiornare immediatamente le sue stesse leggi per liberare immediatamente Ahmad Sa’adat ed
i suoi compagni.

LIBERTA’ PER AHMAD SA’ADAT ED I SUOI COMPAGNI DAL CARCERE DI GERICO !

Comitato Internazionale per la Liberazione di Ahmad Sa’adat e dei suoi Compagni

Per maggiori informazioni:
Addameer
Prisoners Support and Human Rights Association
P.O. Box 17338—Jerusalem
Al-Isra' Bldg., 7th floor
Al-Irsal St
Ramallah
Tel: +972-2-2960446
Fax: +972-2-2960447.
E-mail: addameer@planet.edu

Faxare, scrivere, e telefonare per sostenere la scarcerazione di Sa’adat e dei suoi compagni:
Mahmoud Abbas
President, Palestinian Authority
Office of the President
The Beach Forum
Gaza City
Tel: ++972 2 2824834
Fax: ++972 2 2823487

UN High Commissioner for Human Rights
Mr. Sergio Vieira de Mello
OHCHR
8-14 Avenue de la Paix
1211 Geneva 10, Switzerland
Tel. ++41 22 917 9000
Fax. ++41 22 917 9012/9006/9005
E-mail: webadmin.hchr@unog.ch

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 3 commenti visibili (su 9) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
mandante? si? Saturday, Jan. 21, 2006 at 1:23 PM
si, vabbé Pugacev Saturday, Jan. 21, 2006 at 9:30 AM
hanno accoppato un ministro Friday, Jan. 20, 2006 at 9:59 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9