Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
MESSAGGIO DI SALUTI DI PAOLO DORIGO E DEL SOCCORSO ROSSO PROLETARIO ALL'ASSEMBLEA DI PARMA
by Paolo Dorigo n.157 progressivo Sunday, Jan. 22, 2006 at 3:24 AM mail: soropro@libero.it contatti@paolodorigo.it

PER UNA GRANDE MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO LA TORTURA IN CARCERE E IL 41 BIS ED IL 270 BIS DA SVOLGERSI TRA LA MANIFESTAZIONE PER LA PALESTINA ED IL 25 APRILE, CHE CONVOGLI TUTTI I MOVIMENTI CHE HAN CONOSCIUTO LA REPRESSIONE DA GENOVA IN POI, E CHE UNISCA IN UN'UNICO BLOCCO PROLETARIO ED ANTAGONISTA CONTRO LA REPRESSIONE A LIVELLO ALTO DI MASSA E CAPACE DI METTERE IN DISCUSSIONE IL "DIRITTO ALLA TORTURA" DEI PRIGIONIERI POLITICI E DI OGNI DETENUTO MESSAGGIO DI SALUTI DI PAOLO DORIGO MILITANTE COMUNISTA PRIGIONIERO M-L-M, A NOME SUO E DEL SOCCORSO ROSSO PROLETARIO ALLA ASSEMBLEA DI PARMA DEL 21 GENNAIO 2006, CONTRO 41 BIS E REPRESSIONE ED ANNIENTAMENTO CARCERARIO

MESSAGGIO DI SALUTI DI PAOLO DORIGO MILITANTE COMUNISTA PRIGIONIERO M-L-M, A NOME SUO E DEL SOCCORSO ROSSO PROLETARIO ALLA ASSEMBLEA DI PARMA DEL 21 GENNAIO 2006, CONTRO 41 BIS E REPRESSIONE ED ANNIENTAMENTO CARCERARIO

Cari/e compagni/e

Porto a Voi in questa forma il saluto mio e dei compagni/e del Soccorso Rosso Proletario, che a causa della preparazione delle assemblee di solidarietà alla lotta del popolo Nepalese, convocate per i prossimi giorni a Palermo, Roma e Massa, non possono essere presenti, alla Assemblea che avete convocato allo scopo di tradurre in una proposta di mobilitazione di classe e di massa, che punti, viste le migliaia di persecuzioni politiche di questi anni, vista la sensibilità di cui vi è traccia anche in settori legalitari del movimento, verso la condizione dei compagni prigionieri e del 41 bis come di tutti gli altri aspetti della repressione nel nostro paese, a realizzare entro aprile una grande gioirnata di lotta con eventuale manifestazione nazionale contro il 41 bis e le forme della repressione capitalista, politica e sociale, che in questi ultimi 15 anni hanno ricreato, di fatto in assenza di una situazione di oggettivo grande rischio per il potere, una emergenza che nulla ha da invidiare alla emergenza contro-rivoluzionaria degli anni settanta.

I problemi da Voi posti, ricordati nella Vostra convocazione, sono oggetto di denunce e controinformazione da tempo di SRP ed altre realtà organizzate su questo terreno.

Oggi però la questione si è palesemente estesa in tutto il carcerario, non solo rispetto ai prigionieri rivoluzionari ma a tutta la popolazione del proletariato prigioniero che è escluso dalle premialità e benefici particolari di cui vi è traccia in alcune situazioni. Una massa di proletari, di proletari immigrati, di sottoproletari, di persone che devono vivere in condizioni inumane per stessa ammissione della borghesia e dei suoi media, di cui l’accatastamento dei prigionieri come nei campi di concentramento nazifascisti, ed i suicidi, sono l’aspetto più grave. Il 41 bis e le "carceri-tomba" all'italiana sono la punta di diamante con centinaia di morti non solo per problemi “di salute” e di età o di sieropositività non scarcerati magari per mancanza di persone di riferimento valutate affidabili dai magistrati, e dei “suicidi” (stile Sulmona con i suoi moltissimi suicidi, ma non è certo l’unico caso: ricordiamo i seguenti “cicli” di suicidati a solo dato di esempio: Busto Arsizio e Padova penale, 1992, 2 coppie di suicidi in un sol giorno, Spoleto 1998, 6 suicidi in un breve periodo, Opera 1998, 2 coppie di detenuti -uomo-donna-) suicidatisi insieme in un anno, Biella 1997-1998 8 suicidi, Rebibbia 2003 2 suicidi nella sezione minorati psichici, Avezzano e Vibo Valentia 2 suicidi in rapida successione, in entrambi i carceri, primavera 2004, Dozza, 2 suicidi in una settimana, 2004, Livorno, 3 suicidi nel 2004, e via dicendo sono solo degli esempi del dato più particolare, la ciclicità mobile del fenomeno), a loro volta i GOM e l’UGAP, la presenza nei carceri speciali di “consiglieri” appartenenti ai ROS ed alla DIA all’interno degli uffici, tutto questo, senza contare le forme di persecuzione e controllo mentale (la prima delle quali non è stata mia, ma proprio a Sulmona di un prigioniero abbastanza noto e che ha avuto visibilità su manifesto e liberazione su altre sue proteste, nell’ottobre 2001, reclamando al magistrato di sorveglianza), rappresentano il quadro di una POLITICA DI ANNIENTAMENTO CARCERARIO di cui il 41 bis è il simbolo ma di cui in effetti i GOM sono la sostanza pratica. Una “realizzazione” - é bene ricordarlo - del ministro Diliberto,..
Il 41 bis ai compagni/e imputati e/o appartenenti alle Brigate rosse è una misura disposta nel dicembre 2002 non a caso dopo mesi ed anni di mistificazioni giudiziarie senza precedenti che vedevano quasi sempre la presenza nelle istruttorie dei famosi “rapporti ROS” o di “informazioni confidenziali” non meglio precisate

Il 41 bis è quindi un simbolo ed una sostanza, poiché la mancanza di diritti permette proprio queste forme di tortura in cui va inserito il mio caso che è solo il più noto ma non è certo l’unico.

CPT, manicomi OPG –1100 detenuti almeno presenti in permanenza-, migliaia di detenuti malati anche gravi nei centri clinici, a mo’ di spazi mengeliani di sperimentazione, carceri per tossicodipendenti, politiche razziste sono la misura della cesura e annientamento anche culturale che la borghesia vuole imporre al proletariato in lotta e sono, viste le posizioni della sinistra riformista e revisionista anche la misura di un tradimento colossale e storico, proprio anche da parte di chi ha mobilitato le proprie forze armate per seguire l’imperialismo principalmente USA nelle sue avventure imperialiste in Medio Oriente,

Le recenti inchieste contro il movimento anarchico, comunista e antagonista con l'uso del 270 bis rappresentano poi la dimostrazione di come si voglia eliminare ogni forma di dissenso organizzato e non solo certo le organizzazioni combattenti.

Lo Stato sta dimostrando cioè che i diritti umani non sono una cosa che interessi loro quando riguardano il proprio territorio.

La grande sensibilità dimostratasi a livello di massa in varie occasioni ( da genova alla stessa la mobilitazione per la mia scarcerazione, ma anche le mobilitazioni contro i CPT, per la verità nel caso Lonzi, contro le specifiche e numerose montature giudiziarie tipiche dei regimi fascisti) dimostra che è possibile praticare a livello di massa una mobilitazione che possa raggiungere una dimensione significativa di partecipazione (anche 20.000 compagni) per una giornata di lotta e manifestazione nazionale da tenersi a Roma sin sotto il Ministero degli interni e quello di Grazia e Giustizia e lo stesso il Parlamento che sostiene nel suo insieme il 41 bis e il 270 bis invitando a parteciparvi in forma aperta e senza steccati o settarismi nel caso specifico in questione, TUTTE LE REALTA’ DI BASE DEL MOVIMENTO PROLETARIO E DELLO STESSO MOVIMENTO ANTAGONISTA, nessuno escluso.
UNITÀ SOLIDARIETÀ E LOTTA A FIANCO DEI PRIGIONIERI POLITICI RIVOLUZIONARI
ABOLIZIONE DEL 41 BIS E 270 BIS

NO ALLA TORTURA
LE LOTTE PROLETARIE NON SI PROCESSANO
ROVESCIARE LO STATO DELLA REPRESSIONE, LO STATO DI POLIZIA E IL MODERNO FASCISMO



Soccorso Rosso Proletario

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9