Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
UN NUOVO LIBRO SULLA TORTURA E' IN ARRIVO ... ed.MALATEMPORA
by Paolo Dorigo n.182 progressivo Tuesday, Jan. 31, 2006 at 11:45 PM mail: info@associazionevittimearmielettroniche-mentali.org

La tortura umanitaria Romano Nobile 30 gennaio 2006 Pubblichiamo un'anticipazione del libro "La tortura nel Bel paese" [Malatempora: www.malatempora.com].

Mentre il nostro Ministro dell'interno Pisanu era impegnato nella caccia agli anarchici insurrezionalisti sardi che aimè si sarebbero infiltrati nei gruppi di montanari anti TAV della Val di Susa; mentre il nostro ministro degli esteri Fini, tra un viaggio e l'altro in Israele, era occupato a mangiar telline e filetti di aragosta nel più rinomato ristorante di Anzio , accadevano cose alquanto strane, che potrebbero avere qualche riflesso sull'ordine interno e su quello internazionale.
Si da il caso che su piccoli aeroporti italiani, in scali locali, in basi militari, ma anche , a volte in aeroporti civili come Fiumicino o Malpensa, negli ultimi tempi atterrino dei jet bianchi con qualche linea colorata lungo la carlinga o sul timone di coda.
Nell'ambiente dell'"intelligence" li chiamano i "Guantanamo Express"Sono gli aerei usati dalla CIA per le consegne speciali, e cioè il trasferimento di presunti terroristi in paesi amici al di fuori delle procedure legali. Chiunque li guardi dall'esterno, non ha il minimo indizio della loro provenienza o destinazione. Non c'è il nome della compagnia, solo una piccola sigla sul timone:un numeretto e qualche lettera (facilmente sostituibili). Naturalmente alle torri di controllo hanno l'ordine di chiudere un occhio, e possibilmente anche due. Cosicchè i piccoli aerei, pur rispettando le regole e i piani di volo, si rendono quasi invisibili, si parcheggiano in piazzole discoste, ed i contatti con il personale tecnico per l'assistenza al volo sono estremamente ridotti.
Difficile dire quanti siano. Si suppone una trentina di esemplari. La rotta è quasi sempre la stessa: partono da scali americani, raggiungono un punto geografico dell'Europa (o del Medio Oriente), e quindi poi compiono l'ultimo balzo per la chiusura del contratto. La meta finale è Guantanamo , dove c'è Camp X Ray, destinato ai quedisti, oppure in quegli altri paesi forniti di carceri speciali dove poter usare senza problemi quei metodi spicci destinati a far chiacchierare i prigionieri.
Guido Olimpio, il giornalista del Corriere autore del libro "Operazione Hotel California (Serie Bianca Feltrinelli), cita una serie di casi in cui aerei fantasma sono stati impiegati. Un B737 avrebbe partecipato alla consegna speciale di Khaled El Masri, nel gennaio 2004. Cittadino tedesco nato in Kuwait, El Masri viene arrestato in Macedonia, consegnato alla Cia, che lo porta prima a Baghdad e infine a Kabul. Nel settembre 2003 lo stesso aereo avrebbe fatto scalo nella Repubblica Ceca durante un viaggio verso l'Uzbekistan, dove avrebbe condotto alcuni sospetti, poi interrogati con sistemi brutali dalla polizia segreta di Taskent. Un altro aereo, il Gulfstream N829MG è al centro di uno dei casi più controversi di " extraordinary rendition": quello di Maher Arar, canadese di origine siriana, bloccato all'aereoporto di New York e spedito a marcire per dieci mesi in una prigione in Siria, dove è stato pestato e brutalizzato. Quando si sono accorti che Arar non aveva nulla a che fare con il terrorismo, lo hanno rilasciato.
Ma torniamo a noi, al nostro bel paese.
Squarci sempre più ampi si vanno aprendo sul cielo di piombo fatto di espulsioni, sevizie, violazioni delle norme internazionali ad opera della Cia ma con il coinvolgimento stretto dell'Italia e di altri paesi europei.
Il 17 febbraio 2003 viene sequestrato a Milano da agenti della Cia, Hassan Mustafa Osama Nasr, 42 anni, più conosciuto come Abu Omar, imam egiziano. Il sequestro avviene per consegnare l'imam all'Egitto. Ebbene, una Commissione d'inchiesta del Parlamento Europeo sulle operazioni segrete della Cia in Europa, avrebbe accertato che Abu Omar non solo venne sequestrato illegittimamente, ma, prima del trasferimento in Germania e successivamente in Egitto, venne torturato in una base degli Stati Uniti in territorio italiano.
La base era quella di Aviano dove, secondo le testimonianze raccolte dal procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro, Abu Omar è stato "interrogato, picchiato e torturato dalle 17 all'alba".
Sempre secondo le testimonianze, due dei sequestratori e presumibilmente dei torturatori, parlavano in perfetto italiano. Il 18 febbraio l'imam viene poi trasferito alla base di Ramsteein (Germania) e poi in Egitto, in un altro carcere segreto dove si tortura. La Commissione dovrà accertare se per quanto avvenuto in Europa vi siano responsabilità del governo italiano. Intanto, sempre per il caso dell'imam Omar, la magistratura milanese ha disposto 22 mandati di arresto europei contro i rapitori della Cia. A questa richiesta se ne è aggiunta un'altra, quella di una rogatoria internazionale per assumere prove contro i 22 agenti che con ogni probabilità sono tornati in patria dopo l'azione del 2003 sul territorio europeo.
Grazie all'affermarsi di un clima culturale che mette all'ordine del giorno il problema della sicurezza e relega in secondo piano quello della tutela dei diritti umani, a partire dall'11 settembre si è aperto negli Stati Uniti (e non solo) un dibattito sulla tortura nel contesto della guerra asimmetrica scatenata dal terrorismo. (cfr. Maria Paternò in "Tortura di Stato" ed. Carocci). La tesi neo-conservatrice del giurista Alberto Gonzales, già consigliere del presidente americano ed ora nominato Ministro della giustizia, si può riassumere così:" L'America non può lasciarsi intimorire dal rispetto dei diritti umani". E così la pensano anche molti politici e giornalisti nostrani.
Tanto che il pericolo sembra addirittura questo. Come per giustificare gli interventi militari si parla ormai comunemente, e senza scandalo, di guerre umanitarie o per la democrazia, perché non ci si potrebbe abituare all'"idea" di una "tortura umanitaria"?


IL LIBRO E' IN USCITA CON PREFAZIONE DI GIOVANNI RUSSO SPENA E PARLA ANCHE DELLA TORTURA DEL CONTROLLO MENTALE

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9