Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
LA LIBERAZIONE IN TUNISIA DI 1657 PRIGIONIERI
by Paolo Dorigo n.199 progressivo Monday, Feb. 27, 2006 at 9:52 PM mail: contatti@paolodorigo.it

LA LIBERAZIONE DI 1657 PRIGIONIERI IN TUNISIA IN ASSENZA DI PARTICOLARI RICORRENZE (il 20 marzo però è il 50° dell'indipendenza)

http://www.paolodorigo.it

(La Conscience 26-2-2006)



NOTIZIA 1 [da una notizia AP 25.02.06]

NOTIZIA 2 (un primo elenco di liberati)



1

TUNISIA

IL PRESIDENTE BEN ALI GRAZIA 1.657 DETENUTI

Il presidente tunisino Zine El Abidine Ben Ali ha deciso sabato di graziare 1.657 detenuti, ha annunciato l’agenzia di stampa tunisina TAP.

Questa misura è stata decisa nel corso di un’incontro del capo dello Stato con il ministro degli interni,

Rafik Belhaj Kacem e della Giustizia e dei diritti dell’Uomo, Béchir Tekkari.

L’agenzia non precisa in che ricorrenza sia stata decisa questa grazia ma ella interviene in prossimità del 50° dell’indipendenza della Tunisia, che sarà celebrato fra circa un mese, il 20 marzo.

Abitualmente, tali misure coincidono con le feste nazionali e religiose.

In virtu di questa grazia presidenziale, 1.298 detenuti sono stati liberati e 359 altri hanno beneficiato della libertà condizionale –il più importante numero di detenuti interessati contemporaneamente ad una misura simile.

Si spiega da fonte ben informata che un “numero consistente” di islamici figura tra i liberati, ma non vi sono indicazioni in qualche modo precise sull’identità dei prigionieri graziati.

Secondo le organizzazioni non governative locali ed internazionali, tra cui Amnesty International ed Human Rights Watch, le prigioni tunisine contavano prima dell’annuncio di questa misura, circa 4.000 detenuti “politici”, contro circa un migliaio di qualche anno fa. La maggior parte sono dirigenti o membri del movimento islamico vietato “Ennahdha”. Le autorità, citano i delitti per i quali loro sono stati condannati, li considerano come dei prigionieri di diritto comune.







2

[laconscience 26 feb 2006]

Nomi dei prigionieri tunisino che sono stati libetrati (la lista non è completa)

Grazia presidenziale in Tunisia:

Liberazione di dozzine di islamici



Hamadan wa Choukran Lillahip



La buona notizia della liberazione il 25 febbraio 2005, di circa settanta prigionieri politici in Tunisia tra cui Hamadi Jebali, i 5 giovani di Zarzis (internauti di Zarzis) e di numerosi altri, mi raggiunge e mi riempie di felicità. In questa occasione, io presento loro le mie felicitazioni così come alle loro famiglie e agli uomini di buona volontà, a tutte le organizzazioni tunisine, arabe ed internazionali che li hanno sostenuti lungo tutto il loro calvario. Io oso sperare che la loro liberazione sarà seguita presto da quella di numerosi altri fratelli, amici e compagni che li hanno lasciati da lì dietro e che sia liberato anche l’Avvocato Mohamed Abbou in occasione del cinquantesimo anniversario dell’indipendenza. Questo non è che un inizio !

E per accoglierli io riproduco la testimonianza di Ali La Pointe da elkhadra.net di questa domenica 26 febbraio, che io ringrazio pure.

Ahmed Manaï



« In carcere io posso testimoniare che loro sono molto maltrattati più che in qualsiasi parte del mondo, e pertanto non hanno potuto minimamente sgarrare; i venduti, i giudici ed i potenti non li hanno aiutati; grazie alla loro solidarietà, e anche, si si, del loro alto grado di riflessione politica e della loro cultura politica molto realistica e molto eclettica, la maggior parte dei tunisini che non appartengono ad Ennahda hanno trovato il conforto e l’aiuto da parte dei loro militanti, da parte mia io fui schoccato da certe violenze gratuite, alcuni di quelli che mostrano una crisi di gioia ipocrita da oggi non saranno mai più credibili. Pazienza e vigilanza …

Io non avrò mai fiducia verso un animale così astioso come Ben Ali, ne ad una alienazione riverenzosa e calcolatrice, io direi che la liberazione dei prigionieri politici oggi in Tunisia nasconde forse in realtà qualcosa di più profondo, l’avvenire ce lo dirà».



Io ritornerò più tardi su queste liberazioni e noi diamo qui sotto per i francofoni la lista delle persone liberate:

Gli internauti di Zarzis:

MAHROUG Hamza, BEL HAJJ IBRAHIM Ridha, GUIZA

Abdelghaffar, RACHED Omar, MCHAREK Aymen, CHLENDI

Omar.

I prigionieri di Nahdha:

Lista delle persone liberate:

1) Brahim Zoghlami ;

2) Ahmed Abdelli ;

3) Amine Zidi ;

4) Bilel Beldi ;

5) Taoufik Fatnassi ;

6) Jaber Maaroufi ;

7) Habib Saïdi ;

8) Hammadi Jebali ;

9) Khaled Riahi ;

10) Khaled El Kout ;

11) Khaled El Kaouach ;

12) Rachid Jaïdane ;

13) Ridha Echine ;

14) Sassi Almay ;

15) Samir Ayadi ;

16) Soufiène Derouiche ;

17) Selim Gritli ;

18) Selim Ben Romdhane ;

19) Samir Bennour ;

20) Chedly Ben Cheikh ;

21) Chokri Zoughlami ;

22) Chokri Oueddei ;

23) Saber Hamrouni ;

24) Salah Eddine Dhouaifi ;

25) Taha Bagga ;

26) Adel Zerrouk ;

27) Abdel magid Abboud ;

28) Abdel Hamid Médiouni ;

29) Abdel Hamid Abdel Krim ;

30) Abderraouf Draouil ;

31) Abderrahmane Mediouni ;

32) Abdel Magid Ghidhaoui ;

33) Larbi Oueslati ;

34) Iriène Mbazzaa ;

35) Azzeddine Hammami ;

36) Ali Lahrabi ;

37) Ali Oueslati;

38) Imed Naouar ;

39) Omar Ferchichi ;

40) Fayçal Ayadi ;

41) Kaïs Ben saïd ;

42) Kamel Hajjar ;

43) Kamel Ben Rejeb ;

44) Kilani Mountasser ;

45) Lassad El Hani ;

46) Mabrouk Chniter ;

47) Mohamed Habib Ayachi ;

48) Mohamed Hachani ;

49) Mohamed El Moncef El Ouergui ;

50) Mohamed Ali M'hedhbi ;

51) Mohamed Ali Ben Rjeb ;

52) Mohamed Néjib Gharbi ;

53) Mohamed Chennaoui ;

54) Mahmoud Balti ;

55) Mourad Tayeb ;

56) Mourad Hammami ;

57) Mokdad Arbaoui ;

58) Monji Khalfi;

59) Mounir Chekir ;

60) Néji Fatnassi ;

61) Nacer Bjaoui ;

62) Nacer Adouani ;

63) Noureddine Lassoued ;

64) Hédi Jerbi ;

65) Hichem Sâadi ;

66) Lotfi Farhat (quest’ultimo è stato liberato nel luglio 2005 ed ha potuto lasciare la Tunisia)



Vedere il sito nahdha.net



http://www.tunisitri.net il sito web dell’Istituto tunisino dei rapporti internazionali : un indirizzo da aggiungere ai vostri preferiti !

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9