Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
«Diana Blefari rischia di morire in carcere»
by articolo integrale Wednesday, Mar. 22, 2006 at 3:30 PM mail:

LIBERTA' PER I PRIGIONIERI RIVOLUZIONARI!

41 BIS

«Diana Blefari rischia di morire in carcere»

SA. M.

Non si alza praticamente mai dal letto, mangia poco e non rivolge la parola a nessuno. Soprattutto non esce mai dalla sua cella. Se a Bologna in questi giorni si discute con qualche polemica di come e quando onorare l'assurda morte del professor Marco Biagi, nel super carcere dell'Aquila una delle donne che contribuì ad ammazzarlo, stando alla condanna di primo grado basata quasi esclusivamente sulla testimonianza della pentita Banelli, si lascia morire un po' ogni giorno. Diana Blefari Melazzi, la «compagna Maria» non ha nemmeno quarant'anni, ed è arrivata al braccio del 41 bis cinque mesi fa. Da allora si è lasciata andare ogni giorno un po' più a fondo. Prima ha cominciato a rifiutare i colloqui con la famiglia, poi quelli con l'avvocato, infine si è ficcata nel letto sotto le coperte. Prima per molte ore ogni giorno, poi per giornate intere. Dalla sua cella, due metri per tre, al pian terreno con una piccola finestra buia, non esce più. «Negli ultimi mesi sono stato a trovarla tre volte, l'ultima una settimana fa - dice il segretario del Prc aquilano Giulio Petrilli - e l'ho trovata sempre nel letto con le coperte tirate fin sul viso. Non risponde alle domande e in generale non parla con nessuno». I limiti imposti dal regime carcerario del 41 bis erano già strettissimi. Due ore d'aria al giorno e due di socialità. Un ora di colloquio al mese con i familiari solo attraverso un vetro, censura della posta. La condanna più pesante, ergastolo, l'ha ricevuta dal tribunale di Bologna. Secondo il racconto della pentita Cinzia Banelli sarebbe stata lei a pedinare in alcune occasioni il professor Biagi durante le lezioni all'università di Modena e a seguirlo come «staffetta» la notte dell'omicidio. Durante il processo dell'anno scorso nel suo portatile è stato trovato un file contenente la rivendicazione dell'omicidio datato 17 marzo 2002. Il professor Marco Biagi sarebbe stato freddato sull'uscio di casa appena due giorni dopo. A Roma l'ha inguaiata l'affitto del covo di via Montecuccoli, quello in cui le nuove Br raccoglievano tutti i documenti maniacalmente archiviati, oltre alla dichiarazione di «militanza» nelle Br letta in aula: dieci anni.

Un mese fa, dopo averla vista peggiorare tanto rapidamente, il direttore del carcere delle Costarelle ha deciso di inviare Diana nell'ospedale di Sollicciano per una visita psichiatrica. Nella lettera che accompagnava il suo ritorno all'Aquila i medici fiorentini, che spiegavano anche di non aver potuto fare una vera e propria visita visto che la donna rifiutava di rispondere a ogni domanda, hanno dato un'indicazione molto chiara: deve essere trasferita prima possibile in un carcere ordinario. Solo lì sarà possibile seguirla in modo stabile. Da quella lettera è passato più di un mese senza che nessuno intervenisse. Eppure provare a mettere Diana a contatto con operatori sanitari e in un contesto sociale sarebbe, hanno scritto i medici, l'unico modo per provare a tirarla fuori dal buco nero in cui si è infilata e da cui potrebbe non riuscire più ad uscire.

il manifesto
16 Marzo 2006

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
SOLIDARIETA' CON DIANA !
by - Wednesday, Mar. 22, 2006 at 3:33 PM mail:

SOLIDARIETA' CON DIANA !
by Paolo Dorigo n.215 progressivo Sunday, Mar. 19, 2006 at 12:07 AM mail:




http://www.ilmanifesto.it/ricerca/ric_view.php3?page=/Quotidiano-archivio/16-Marzo-2006/art67.html&word=Diana;Blefari

41 BIS
«Diana Blefari rischia di morire in carcere»
SA. M.
Non si alza praticamente mai dal letto, mangia poco e non rivolge la parola a nessuno. Soprattutto non esce mai dalla sua cella. (...) si lascia morire un po' ogni giorno. Diana Blefari Melazzi, la «compagna Maria» non ha nemmeno quarant'anni, ed è arrivata al braccio del 41 bis cinque mesi fa. Da allora si è lasciata andare ogni giorno un po' più a fondo. Prima ha cominciato a rifiutare i colloqui con la famiglia, poi quelli con l'avvocato, infine si è ficcata nel letto sotto le coperte. Prima per molte ore ogni giorno, poi per giornate intere. Dalla sua cella, due metri per tre, al pian terreno con una piccola finestra buia, non esce più. «Negli ultimi mesi sono stato a trovarla tre volte, l'ultima una settimana fa - dice il segretario del Prc aquilano Giulio Petrilli - e l'ho trovata sempre nel letto con le coperte tirate fin sul viso. Non risponde alle domande e in generale non parla con nessuno». I limiti imposti dal regime carcerario del 41 bis erano già strettissimi. Due ore d'aria al giorno e due di socialità. Un ora di colloquio al mese con i familiari solo attraverso un vetro, censura della posta. (...)
Un mese fa, dopo averla vista peggiorare tanto rapidamente, il direttore del carcere delle Costarelle ha deciso di inviare Diana nell'ospedale di Sollicciano per una visita psichiatrica. Nella lettera che accompagnava il suo ritorno all'Aquila i medici fiorentini, che spiegavano anche di non aver potuto fare una vera e propria visita visto che la donna rifiutava di rispondere a ogni domanda, hanno dato un'indicazione molto chiara: deve essere trasferita prima possibile in un carcere ordinario. Solo lì sarà possibile seguirla in modo stabile. Da quella lettera è passato più di un mese senza che nessuno intervenisse. Eppure provare a mettere Diana a contatto con operatori sanitari e in un contesto sociale sarebbe, hanno scritto i medici, l'unico modo per provare a tirarla fuori dal buco nero in cui si è infilata e da cui potrebbe non riuscire più ad uscire.


FIN QUI LA CRONACA DEL MANIFESTO

CONOSCENDO IL FATTO DI COME E' GESTITO IL CARCERE DE
L'AQUILA DOVE CI SONO SIA SEZIONI PER INFAMI BASTARDI
STUPRATORI E PENTITI COME MANIERO, E COMPAGNE IN 41 BIS,
COME ALL'AQUILA
INVITIAMO IL DAP A PROVVEDERE A METTERE LA COMPAGNA
IN CONDIZIONI DI SOPRAVVIVENZA DECENTE E DECOROSA COME
A LEI NECESSARIO.
OGNI SITUAZIONE CONSEGUENTE A CIO' CHE SEGRATAMENTE IL
DAP OPERA NELLE CARCERI SPECIALI NON SARA' IMPUNITO !
PAOLO DORIGO
E CON NOI MILIONI DI PROLETARI !


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
NO al 41 bis
by prolet Wednesday, Mar. 22, 2006 at 4:39 PM mail:

No al 41 bis per Diana come per tutti/e gli altri proleri e rivoluzionari.
La battaglia per Diana non è un atto di pietà ma contro le conseguenze del 41 bis, e per la sua abolizione

41 bis ne' per Diana nè per nessuno

Non dimentichiamoci neanche chi è stato condannato a 4 anni come Luigi e gli altri per le dichiarazioni del solito o della solita pentita di turno

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
zu
by baba Wednesday, Mar. 22, 2006 at 5:42 PM mail:

dimentichi toto' riina: l'unico che abbia fatto qualcosa contro lo Stato, a differenza di voi rivoluzionari da tastiera!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Scegliere
by Giovanni Wednesday, Mar. 22, 2006 at 5:53 PM mail:

Beh, almeno lei può scegliere di lasciarsi morire: Marco Biagi ha avuto questa possibilità?

Ognuno deve fare i conti con le proprie scelte...

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
x Giovanni
by studia! Wednesday, Mar. 22, 2006 at 7:17 PM mail:

http://www.wumingfoundation.com/italiano/Giap/carcajada.html

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
speriamo
by speriamo Wednesday, Mar. 22, 2006 at 8:15 PM mail:

speriamo che si lasci veramente morire....non sentiremo la sua mancanza

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9