Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
student*, formazione, saperi:   1 pagina successiva | Archivi delle feature una a una | Archivio settimana per settimana
FRANCIA: UNIVERSITA' IN RIVOLTA 19/03/2006

LIBERTA' DI LICENZIARE? NO GRAZIE!

ALT
Nella mattina dell'11 marzo le forze di polizia francesi hanno sgomberato l'università Sorbona di Parigi dove era in atto un'occupazione da parte di vari studenti iniziata il 9 marzo. Nei giorni precedenti ci sono stati altri tentativi di sgombero nei quali sono stati feriti 31 studenti.
Il motivo dell'occupazione sta nella protesta contro la recente emanazione da parte del governo francese di un nuovo contratto di lavoro tendente a precarizzare sempre di piu i giovani lavoratori. A seguito di ciò, si era verificata anche una manifestazione nazionale il 7 marzo, e l'occupazione di vari atenei francesi.La protesta prosegue nei giorni successivi , con altri scontri tra manifestanti e forze dell'ordine davanti alla Sorbona. A tentare di fermare il mondo del sapere in rivolta non si impegnano solo i gendarmi francesi, ma anche bande di fascisti della capitale francese che tentano di assaltare i cortei, i presidi e le occupazioni degli Universitari. Alla lotta degli Studenti universitari, si affianca anche quella dei sindacati, che si uniscono alla protesta contro il decreto, dando man forte agli universitari.
Il 16 marzo si è tenuta una manifestazione nazionale a Parigi sempre contro il nuovo contratto di lavoro ,dove si sono verificati altri scontri in vari sobborghi della città e davanti alle università. Altre proteste si sono svolte in varie città francesi, dove non sono mancati gli scontri tra le due parti.
Il 18 marzo un milione e mezzo di studenti e precari hanno manifestato ancora nelle piazze in tutta la Francia, dando un ultimatum di 48 ore al governo per il ritiro del progetto. [b]Dal Newswire:[/b] Comunicato 11/3 | Volantino | [b]Riflessioni[/b] [1, 2, 3, 4>] | Foto [1, 2, 3 | Video

[b]Link:[/b] Indymedia Paris | Stop CPE, Unef

[b]AGGIORNA QUESTA FEATURE[/B]
commentra e contribuisci alla ftr!
LIMITROFO A CHI? 01/27/2006
ALT

Imc sicilia si autosospende

Ci risiamo.
Indymedia Sicilia (o meglio, attivisti definiti "limitrofi" ad essa) e' stata accusata per l'ennesima volta di non essere in grado di "gestire il newswire". Non e' la prima volta.
Vani, fin ora i tentativi di spiegare il funzionamento e la policy che Indy s'e' data come network (e che quindi non dipende dai singoli admin): invece di confrontarsi su pratiche e metodi, c'e' chi da tempo preferisce pretendere comportamenti che poco hanno a che vedere con indymedia e i suoi principi fondanti.
Nell'attesa che chi ha minacciato di aggredire fisicamente gli "attivisti limitrofi" capisca che non esistono gestori ne' redazioni di indymedia, abbiamo condiviso il problema con tutto il network e scelto di sospendere la categoria Imc Sicilia...

:: Continua in Imc Sicilia ::
No Moratti 29/09/2004

Una riforma da gettare

ALT
Il 1 ottobre è una giornata nazionale contro la riforma Moratti.In tutta Italia si stanno organizzando feste e scioperi per protestare contro i decreti,chiedere il loro ritiro e abrogare una riforma che stravolge la scuola pubblica dal punto di vista didattico e da quello dell’organizzazione sociale dalle elementari alle superiori fino all'università.
L'opposizione che per tutto l'anno scorso ha attraversato le scuole e le piazze italiane e che unisce genitori, studenti e personale della scuola , ricercatori universitari ha rallentato ovunque l'applicazione della riforma Moratti. Molte scuole sono riuscite a difendere gli organici, il tempo scuola, i piani dell'offerta formativa, a rifiutare la figura del tutor. Quella che doveva essere una marcia trionfale e’ diventata una strada irta e tormentata,e infatti non sono mancate reazioni che poco hanno a che fare con la democrazia. Dei circa 10 decreti attuativi che devono accompagnare la "riforma" (e che devono essere approvati a tutti gli effetti entro il 19 marzo 2005, pena la decadenza di tutta la legge), solo 1, quello sulle materne-elementari-medie, e’ stato effettivamente varato.
UNIVERSITA' 11/05/2004
ALT

Tre giorni universitari

Il 2004 è stato caratterizzato da una ripresa delle lotte all’interno degli atenei: precari della ricerca, studenti, parte dei docenti di ruolo e personale tecnico-amministrativo si sono mobilitati contro le iniziative del governo ed in particolare contro il DDL Moratti che riorganizza e estende la precarizzazione del personale della ricerca e della didattica e rilancia le tendenze alla privatizzazione.
In questo contesto, si terrà a torino un incontro che si pone come momento collettivo di elaborazione e confronto tra vari soggetti che si sono mobilitati a livello nazionale.

Sulle pagine di indymedia, sulle frequenze di Radio Black Out e naturalmente sul sito che verrà approntato per l'occasione saranno via via dati gli aggiornamenti e pubblicate le conclusioni.

In questo articolo si trovano il manifesto e il testo di presentazione dell'iniziativa
CONTRO LE RIFORME DI SCUOLA E UNIVERSITA' 14/05/2004
ALT

Tutti contro Moratti

Mentre il ministro Moratti sta riformando l'intero sistema formativo italiano, dalla scuola elementare all'università monta un'ondata di protesta dal basso, a difesa del carattere pubblico della formazione. La conoscenza è una risorsa economica e sociale sempre più importante, e la libera diffusione dei saperi e della cultura è una rivendicazione che attraversa tutta la società, dalla formazione alla proprietà intellettuale.

Al contrario, le riforme Moratti intendono destrutturare l'attuale organizzazione pedagogica del tempo pieno, garantendo per le 40 ore attuali, e solo in alcune scuole, solo l'accudimento dei bambini. L'intenzione è quella di migliorare la formazione ritagliandola sull'individuo, con l'introduzione del "tutor" e del "portfolio" formativo. In compenso si tagliano finanziamenti e organici ricorrendo all'uso massiccio di personale precario.

Per quanto riguarda l'universita', diverse misure stanno per entrare in vigore. Il DDL Moratti sul riordino della docenza condanna i ricercatori alla precarieta', sostituendo il contratto a tempo indeterminato con un co.co.co. di ben dieci anni, come se i 55000 precari su cui si reggono ricerca e didattica non bastassero. Il governo Berlusconi prevede anche di aumentare la selezione per l'accesso alle borse di studio e degli alloggi, limitando il diritto allo studio e privilegiando un sistema meritocratico a discapito della condizione socio-economica dello studente e della studentessa.

Sia nella scuola che nell'università, e in tutta Italia, l'opposizione ai provvedimenti del governo è nata dall'auto-organizzazione degli insegnanti, dei genitori, degli studenti e precari. Queste mobilitazioni spontanee hanno indetto una manifestazione nazionale a Roma, il 15 maggio, a cui ha aderito un numero molto ampio di organizzazioni politiche e sindacali e di associazioni. E il 22 maggio, tutti ad Arcore a fare la festa alla Moratti.

I treni da Genova | Milano | Trieste
ReteScuole | Documento riassuntivo su Riforma Moratti,conseguenze e lotte | Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno | Coordinamento Scuole Roma | Ricercatori Precari

student*, formazione, saperi:   1 pagina successiva | Archivi delle feature una a una | Archivio settimana per settimana
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9