Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
Reggio Calabria. corteo per una città diversa
by samuele Friday, Dec. 06, 2002 at 2:01 PM mail: danger4@email.it

Domani tutte le anime della sinistra accanto agli attivisti del centro sociale "Cartella". "Una risposta democratica alla violenza ed al malaffare"

Reggio Calabria - Una manifestazione contro il neofascismo e per ribadire l'importanza della democrazia. Quella di domani, che alle 9 riunirà in Piazza Garibaldi tutte le anime della sinistra accanto al centro sociale "Angelina Cartella", si prospetta come "un punto fondamentale dal quale ripartire per una città diversa". Ovvero, "una Reggio che risponda con la non violenza e con la dialettica all'estrema destra, alla mafia, al malaffare, alle leggi regionali per parenti ed amici, al fumo negli occhi del Ponte sullo Stretto, ai principi antidemocratici ed alla repressione delle opinioni e degli ideali. Una Reggio che incarichi i suoi amministratori ad assumersi le proprie responsabilità".
Questo il succo dell'incontro con la stampa che, ieri mattina nella sala "Tartaruga" del Dopolavoro Ferroviario, è servito, al comitato organizzativo della manifestazione, a spiegare i motivi e le fasi del corteo.
Csoa "Cartella", Arciragazzi, Calabria civica, Centro comunitario Agape, Legambiente, Libera, Cgil, Fiom/Cgil Calabria, Giovani Comunisti, Sinistra Giovanile, Verdi, Democratici di sinistra, Comunisti Italiani, Rifondazione Comunista, Uniti per la città, Messina Social Forum, Social Forum della Piana e tanti consiglieri comunali, in questi giorni, si sono dati da fare per realizzare "un'imponente e significativa mobilitazione".
Durante la discussione, i telefonini degli organizzatori registravano continue richieste di adesione. Ed ecco che, domani sfileranno anche: Studenti.net, la Sinistra Giovanile di Villa San Giovanni, L'Arci nuova associazione di Reggio, Aprile per la sinistra, i Cobas della scuola, i centri sociali cosentini, siciliani e di gran parte del meridione e, non ultimi, i lavoratori del Polo Tessile di San Gregorio. Questi ultimi, come noto, da diversi giorni hanno occupato l'aula consiliare di Palazzo San Giorgio [il palazzo del Comune].
Quindi l'attentato al centro sociale di Gallico [RC] ha offerto lo spunto, ai politici della sinistra reggina, per guardarsi in faccia e ragionare insieme. Insomma, tutti pezzi di uno stesso puzzle.
"Dopo la morte di Falcomatà [ex sindaco reggino, DS] - hanno detto i militanti del "Cartella" - avevamo subìto un momento di sbandamento. Poi, l'attentato. Adesso, stiamo riuscendo a trovare un percorso comune di risposta democratica. E, nonostante l'attualità ci dica che siamo governati da un sindaco di destra ed ex presidente nazionale del Fronte della Gioventù, siamo certi che si possa lavorare per costruire una seria alternativa all'esistente. Scopelliti [attuale sindaco di Reggio Cal.] deve dare risposta ai cittadini sulla base dei problemi che, di volta in volta, gli si presentano. Non può fare l'epigono di Berlusconi ed affibbiare le difficoltà al passato".
Per questo, durante il tragitto che porterà i manifestanti a Piazza Indipendenza, una sosta verrà fatta a Palazzo San Giorgio [sede del comune]. Qui, una delegazione si staccherà dal gruppo e andrà a bussare alla porta del primo cittadino al quale verrà consegnata una copia del manifesto di dissenso. Ma soprattutto, dopo l'attentato, vogliono ottenere un chiarimento. Vogliono sapere se, il sindaco, "sta dalla parte di chi è stato violentato o da quella di chi si è armato per cucire la bocca a quelli che remano contro la logica imperialista e guerrafondaia. Ancora non si è espresso". Al microfono si alternano quasi tutti. Chiunque ha voglia di esprimere la propria idea e la propria partecipazione.
Ci sono Nino Costantino, presidente della Cgil reggina, il consigliere comunale Nino De Gaetano, il segretario provinciale del Pdci, Enzo Infantino, Mimmo Nasone di Libera, Luigi Carrano dei Verdi, Peppe Meduri dell'Arci e coordinatore dei Ds, la sociologa Rita Libri e l'anarchico Filippo Sorgonà. Ma, tra il pubblico sono presenti anche numerosi esponenti della minoranza, tra i quali Nuccio Barillà e Demetrio Naccari, e del mondo dell'associazionismo. E, unanimemente, si dicono convinti che: "Una Reggio diversa è possibile".

fonte: il Quotidiano - venerdì 6 dicembre 2002 (pag. 18)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
altre precisazioni
by samuele Friday, Dec. 06, 2002 at 2:05 PM mail: danger4@email.it

1. l'attentato di cui si parla nell'articolo è stato subito dal centro sociale "A. Cartella" qualche settimana fa e ci sono forti sospetti che dietro ci sia Forza Nuova, visto che dopo l'attentato sono stati trovati dei manifesti inneggianti al neofascismo proprio dentro i locali del centro sociale.
2. serpeggia la notizia che Forza Nuova stia organizzando una contro-manifestazione nello stesso giorno.
3. anche qui a Reggio Calabria pochi giorni fa è stata arrestata una persona nell'ambito delle indagini condotte dalla Procura di Genova.

sosteneteci!!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
organizziamoci!
by Libero Friday, Dec. 06, 2002 at 2:40 PM mail: m.a.r.@katamail.com

La morte di Falcomatà ha segnato la fine della "primavera reggina" consegnando la cittànelle mani dei poteri forti, massoneria-imprenditoria mafiosa-politica eversiva.Noi non possiamo stare fermi perchè non voglòiamo ritornare agli anni bui di reggio quando si trovavano cumuli di immondizia alposto dei cassonetti e quando no esisteva una striscia pedonale sull'asfalto.Non vogliamo avere ache fare con un Sindaco ignorante ed arrogante quale è Scopelliti.Non vogliamo avere a che fare con i Forzanovisti fuoriusciti dallo stadio e dalla scuola di esaltati criminali presenti in curva sud.Non volgiamo avere a che fare con la mafia in ogni sua forma e soprattutto con la cappa di violenza che ha fatto calare in passato su reggio.Vogliamo vedere solo il sole forte e radiante sullo stretto dalla nostra splendida via marina e il sole della nostra convinzione che la libertà in ogni suo aspetto deve essere ed è l'unico pilastro su cui fondare una società.

ANARCHICI REGGIO.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
CHI SONO
by Lucio Friday, Dec. 06, 2002 at 3:41 PM mail:

Cari amici forse è meglio far sapere un po' a tutti chi è a Reggio Forza Nuova.
Non bisogna dimenticareinfatti che questo gruppo è espressione diretta di un gruppo di nazi ospitato dalla curva sud di reggio tra i cucn che ogni domenica espone svastiche e croci uncinate e che nel tempo ha ottenuto quei consensi necessari a costituire un vero e proprio gruppo politico.Gli stesi sono stati educati da eccellenti personlaità criminali della curva ben noti alle forze dell' ordine per reati di vario genere. Inoltreva capito che il fenomeno è già vecchio di 6 o 7 anni e che solo ora è venuto fuori con l'appoggio istituzionale della destra al Comune.Inoltre c'è chi metterebbe la mano sul fuoco per identificare nell'assessore ai lavori pubblici Germanò (noto ex squadrista cittadino) il mandante dei primi attentati al centro sociale quali l'aggressione ad opera di un gruppo di facinorosi e l'imbrattamento di alcuni murales oltre ad alcune bombe molotov .
Tornando a Forza Nuova ed ai suoi "educatori" c'è da rilevare il fatto che in Curva vi sono per l'appunto personaggi con le mani sempre "pulite" che sistematicamente in passato cercavanolo scontro fisico con polizia e tifoserie avversarie.
Inoltre una dei motivi di rivalità profonda con la tifoseria cosentina è proprio l'appartenenza politica della stessa all'are della sinistra-sociale.
Detto questo rimbocchiamoci le maniche per costruire una vera città democratica.

Reggio Civile.



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
CHI SONO
by Lucio Friday, Dec. 06, 2002 at 3:43 PM mail:

Cari amici forse è meglio far sapere un po' a tutti chi è a Reggio Forza Nuova.
Non bisogna dimenticareinfatti che questo gruppo è espressione diretta di un gruppo di nazi ospitato dalla curva sud di reggio tra i cucn che ogni domenica espone svastiche e croci uncinate e che nel tempo ha ottenuto quei consensi necessari a costituire un vero e proprio gruppo politico.Gli stessi sono stati educati da eccellenti personlità criminali della curva ben noti alle forze dell' ordine per reati di vario genere. Inoltre va capito che il fenomeno è già vecchio di 6 o 7 anni e che solo ora è venuto fuori con l'appoggio istituzionale della destra al Comune.Inoltre c'è chi metterebbe la mano sul fuoco per identificare nell'assessore ai lavori pubblici Germanò (noto ex squadrista cittadino) il mandante dei primi attentati al centro sociale quali l'aggressione ad opera di un gruppo di facinorosi e l'imbrattamento di alcuni murales oltre ad alcune bombe molotov .
Tornando a Forza Nuova ed ai suoi "educatori" c'è da rilevare il fatto che in Curva vi sono per l'appunto personaggi con le mani sempre "pulite" che sistematicamente in passato cercavano lo scontro fisico con polizia e tifoserie avversarie.
Inoltre uno dei motivi di rivalità profonda con la tifoseria cosentina è proprio l'appartenenza politica della stessa all'are della sinistra-sociale.
Detto questo rimbocchiamoci le maniche per costruire una vera città democratica.

Reggio Civile.



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9