Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

GeVsG8: Genova a fumetti contro il G8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
La storia del Vajont nella storia d'Italia
by dal manifesto Thursday, Oct. 09, 2003 at 12:47 PM mail:

Una ricostruzione di avidità, ambizione, ingiustizia, di molti; e coraggio e generosità di qualcuno. Parla Guido Crainz. Un'intervista con l'autore del «Paese mancato», storia dell'Italietta degli anni del Vajont, diventata grande ma non saggia né giusta. Un'Italia in cui i potenti fanno quel che vogliono, i processi non fanno giustizia, ma a volte i giornali aiutano a capire e a cambiare un po' lo stato delle cose.


Nel suo volume «Il paese mancato» (pubblicato da Donzelli) che è in libreria da pochi giorni, Guido Crainz racconta l'Italia contemporanea, quella nella quale abbiamo vissuto, quella che, brutta o bella che sia, abbiamo fatto anche noi. Crainz che è uno storico di professione, appunta e rilegge di fatti e persone ben noti, di movimenti che erano anche nostri, di notizie che hanno fatto sensazione e cita quotidiani, telegiornali, riviste, film che abbiamo letto, che abbiamo visto e ascoltato, musiche che ci hanno detto qualcosa. La storia siamo noi: e mai come leggendo le sue pagine la canzone sembra appropriata. Per dirla tutta, le pagine che scorrono ci mostrano quanto abbiamo dimenticato e poi gli errori, i fraintendimenti, le debolezze, i silenzi: Piazza Fontana e il rapimento di Aldo Moro. Alla fine del 1963, Crainz aveva una quindicina di anni e viveva a Udine, poco lontano dal Vajont.

Il suo libro comincia in pratica dal Vajont, dal «terribile autunno». C'è una persona che parla in dialetto: «Da due ani se saveva che veniva giù la montagna». Chi era?

Uno degli scampati. Allora lo ho visto alla televisione e più tardi, quando ho cominciato a lavorare con questi materiali, ho ritrovato la trasmissione nelle teche della Rai. Era Tv7, un programma di informazione e approfondimento della televisione in bianco e nero di allora. Quel servizio faceva parlare i superstiti, lasciava che il pubblico, in tutta l'Italia potesse ascoltare le loro denunce. Un programma straordinario; tanto coraggioso che l'autore, Antonello Branca, fu messo all'indice per moltissimo tempo. La direzione della Rai di allora non poteva tollerare. Simili attacchi ai poteri costituiti, erano veri e propri attentati. Il pubblico non doveva sapere, non si doveva lasciare che fosse turbato da tali barbare calunnie....

Era il rifiuto di mostrare verità eccessive a un pubblico che si giudicava impreparato...

C'era qualcosa di più. Un Italia da rimuovere, da sgombrare. L'aspetto di classe della strage del Vajont sta anche in questo. Ho trovato il primo rapporto del 1964 del prefetto di Belluno che lamenta i blocchi stradali dei superstiti di Longarone. Questi, che avevano potuto ripescare i corpi con arnesi di fortuna, non erano ancora contenti. Il 31 dicembre e per tre giorni consecutivi a metà febbraio «hanno provocato vasto malumore tra la popolazione del Cadore». Il prefetto evidentemente aveva a cuore il Capodanno e le settimane bianche. L'intuisce Ranuccio Bianchi Bandinelli. Già il due gennaio egli annota nel suo «Diario di un borghese»: «Bello il blocco stradale dei superstiti del Vajont... avrà disturbato tanta gente bene che se ne andava a Cortina a festeggiare».

Nel «Paese mancato» lei parla anche del processo per la strage del Vajont.

E' un aspetto concreto di rimozione. Il disastro è rifiutato dal potere che vuole dimenticarlo e farlo dimenticare e se questo non è possibile, vuole nasconderlo. Così il processo si svolge all'Aquila, per legittima suspicione, proprio come i processi per Piazza Fontana o per le schedature alla Fiat. All'Aquila il processo si trascina per mesi e mesi, e lascia dietro di sé la convinzione dei giovani dell'Aquila di assistere a un'ingiustizia. La sentenza è di assoluzione per cinque degli otto imputati e le condanne non colpiscono i grossi calibri. Non per niente Giovanni Leone che da presidente del consiglio era corso tra i superstiti a promettere giustizia, rivestita la toga di principe del foro si schiera come perito dalla parte della Sade, la società elettrica che aveva costruito la diga e il resto e contribuisce alla sostanziale assoluzione. Entusiasta, il procuratore generale dell'Aquila dichiara che la sentenza: «fa indubbiamente onore alla Corte aquilana». E qui accade un fatto strano. Qualcuno, nella stampa, attacca non tanto la sentenza quanto il sistema giudiziario. Marco Nozza elenca sul Giorno le ingiustizie del processo per la «Strage degli innocenti», sottratto ai giudici naturali e «praticamente inaccessibile alla gente di Longarone»; poi parla della «strategia dei tempi lunghi» per ridurre di molti grafdi l'attenzione e la «commozione» del pubblico; e conclude mostrando di aver capito tutto: questo processo potrebbe diventare l'esempio di tutti i processi futuri. E Nozza scrive prima della sentenza.

Lei da un giudizio positivo della stampa - una parte della stampa - di quaranta anni fa. Che del resto è un oggetto dei suoi studi.

Devo dire che ho archiviato nella mia mente, o potrei dire nel mio cuore, qualche articolo di valore; e anche altre forme d'intervento. Occorre non dimenticare che anche allora i giornali erano di proprietà della classe dirigente, molto disposta a perdonare e a simpatizzare con i padroni della Sade. Dopo tutto la diga aveva o no tenuto? e la frana era o no un evento imprevedibile? Se questa era la vulgata, c'erano anche i dissidenti. Mi ricordo per esempio l'attacco di un articolo di Pansa che allora doveva essere giovanissimo e scriveva per la Stampa di Torino «Scrivo da un paese che non esiste più...». E' un passo che Alberto Papuzzi ha inserito come modello nel suo Manuale del giornalista...Ma quella che merita più di tutti di essere ricordata è Tina Merlin che cominciò tre o quattro anni prima della frana a scrivere dei rischi cui la popolazione andava incontro se la diga fosse stata completata e l'invaso fosse stato riempito di acqua. Merlin era diventata tanto insistente e molesta con i suoi articoli sull'Unità che la Sade le fece causa; e tra l'altro il tribunale di Milano diede ragione alla giornalista. Venti anni dopo scrisse anche un libro sulla catastrofe, dal titolo Sulla pelle viva che allora ebbe difficoltà a trovare un editore. Ora l'Unità lo ripubblica. Bel tipo questa giornalista comunista. Dopo aver fatto la staffetta partigiana e aver tentato di salvare la gente del Vajont si è occupata di lotte operaie nel Veneto, scrivendone in un altro libro sull'Avanguardia di classe. Ma non posso dimenticare Marco Paolini, che con il suo spettacolo teatrale Racconto del Vajont, passato anche per gli schermi televisivi, offre un eccellente esempio di come si fa la comunicazione storica.



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
A proposito di Vajont....
by Tiziano Dal Farra Sunday, Apr. 30, 2006 at 6:57 PM mail: inf251k1@ud.nettuno.it

Ciao.
Col tempo ho messo assieme il sito di materiali e info sul "Vajont" più vasto al mondo. Se qualcuno ci troverà informazioni degne di questo nome, lo scopo sarà stato raggiunto. Grazie.

Lo si trova QUI: http://www.wineathomeit.com/vajont2003/indice.html

Ciao!!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9