Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Guerra di tortura
by speedoflife Monday, May. 10, 2004 at 7:55 PM mail:

Gli articoli del 9 e 10 maggio 2004

Guerra di tortura
Le torture di Abu Ghraib non sono un momento qualsiasi della planetaria pratica della tortura che Amnesty International documenta con assiduità. Esse muovono dall'interno di una guerra con una sua proclamata specificità che non può non aver toccato anche i più abietti esercizi di potere sui corpi dei prigionieri. Che Rumsfeld si scusi e prometta il risarcimento del danno come se fosse un automobilista distratto che ha spaccato un fanalino, è offensivo fumo negli occhi.

La rivolta si estende a Bassora
Le milizie di Muqtada all'attacco del sud dopo il sermone infuocato dell'imam Abdul Sattar al Bahadli e le accuse ai soldati britannici, scontri anche a Amarah, molte le vittime.

«E' disgustoso quello che è successo ad Abu Ghraib»
Intervista a Mohammed Said Saggar, famoso maestro di calligrafia araba, tornato a Baghdad dopo 26 anni di esilio.

Era un ordine della Cia: torturateli
Una direttiva del Pentagono aveva dato ordine di «cambiare le procedure» per ottenere la «massima cooperazione» durante gli interrogatori: è una nuova rivelazione. Una soldatessa: ci avevano ordinato di «rendergli la vita un inferno». La situazione del segretario alla difesa Rumsfeld è critica, nei circoli interni della Casa Bianca qualcuno comincia a mollarlo. La consigliera Condoleeza Rice «non sarebbe scontenta» della sue dimissioni: «è diventato di peso al presidente».

Neanche il Papa vuole Bush a Roma
Per il 4 giugno a rischio l'incontro con Wojtyla. Respinta la prima richiesta, ufficialmente per motivi tecnici. La sinistra divisa. Rutelli e D'Alema: «Bandiere arcobaleno alle finestre ma niente cortei». Prc, Pdci e Verdi in piazza con i movimenti.

Un thè caldo nel carcere dei taleban
Visita alla famigerata prigione di Shebarghan dalla quale devono essere evacuati 450 prigionieri in trasferimento a Kabul. Racconto di un luogo sinistro, di uno sciopero della fame e di un viaggio con i ferri attraverso l'Afghanistan. Emergency. La spesa per il noleggio dei pullman e per l'acquisto del cibo e delle bevande indispensabili alla sopravvivenza di tutti, nel corso del lungo viaggio di trasferimento dei prigionieri incatenati, dal carcere lontano a quello della capitale sono stati pagati dall'organizzazione umanitaria.

Stati uniti a stelle e sbarre
Sette milioni di prigionieri. Tanti sono negli Usa. Oltre due milioni nelle varie carceri federali, statali, distrettuali e minorili, gli altri in libertà condizionata. Situazione insostenibile anche economicamente.

Abu Ghraib, il dossier della Croce Rossa
Abu Ghraib, abusi sui prigionieri erano «parte del procedimento». Nel rapporto della Croce Rossa la «giustificazione» dell'ufficiale Usa responsabile degli interrogatori. Il rapporto era stato consegnato a Bremer e Sanchez. «Gravi violazioni del diritto internazionale e umanitario».

Siamo tutti iracheni
«Nous sommes tous Américains», scrisse Jean-Marie Colombani, direttore di Le Monde, all'indomani dell'11 settembre. De Bortoli, direttore del Corriere delle Sera, riecheggiò. Quasi un manifesto, una dichiarazione di principio, molto più che l'evidente pietà per i morti: il bisogno di reagire alla paura, all'ignoto, al sorprendente, all'orribile.

[Forum | Newsgroups | Gallerie di immagini]

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 4 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
al ballottaggio movimento c.c.c.c.c. campo anti imperiali$ta Wednesday, Jun. 16, 2004 at 7:49 PM
I soldati nord americani hanno filmato materiale cosi' compromettente: eccovi il perche' tinti brass Tuesday, May. 11, 2004 at 3:36 PM
bah! BaH Tuesday, May. 11, 2004 at 2:32 AM
È ritornata alla ribalta la paura di una grande congiura ordita contro il mondo compagno Stalin Monday, May. 10, 2004 at 8:31 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9