Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
La VERA storia di Berlusconi, documentario norvegese
by Paolo Monday June 21, 2004 at 11:53 AM mail:  

La VERA storia di Berlusconi, documentario norvegese...

Una storia di Silvio Berlusconi che gli italiani non hanno mai visto;
un'analisi scrupolosa ed irriverente dell'ascesa del cavaliere dalla televisione al vertice del governo italiano. Contro questa inchiesta si sono mossi all'estero anche ambienti diplomatici di Roma pur di evitarne la diffusione. È "citizen Berlusconi", un documentario prodotto dalla televisione pubblica norvegese, programmato da diverse emittente americane ed europee, ma che finora nessuna televisione italiana sia pubblica che privata ha voluto mandare in onda. Presidente del consiglio, padre Padrone di Forza italia, magnate della televisione privata con il controllo di quella pubblica, proprietario di giornali, riviste e assicurazioni, uomo leaderanche nel mondo del calciocon il suo Milan, e non da ultimo l'uomo più ricco d'Italia esuperindagato dalla magistratura milanese; questo è Silvio Berlusconi. Dalla sua ascesa nel campo della politica nel 1993 è riuscito ad ipnotizzare la politica italiana, ma senza riuscire a fare altrettanto con i governi, la stampa e l'opionione pubblica straniera, agli occhi della quale continua a figurare come un'ennesima anomalia tutta all'italiana. Proprio per questo è un documentario che propone un cavaliere giudicato all'estero, assume un significato particolarmente interessante.


Nel 1993 Berlusconi sfrutta la televisione per la propaganda e per passare capo del governo in breve tempo. Cosa che fa nel 1994, ma dopo 9 mesi la sua coalizione collassa. E viene coinvolto in inchiestre giudiziarie. Il giornalista Enzo Biagi afferma che Berlusconi gli confessò di essere entrato in politica per cercare di porre rimedio a problemi dovuti alla sua difficile situazione giudiziaria. Berlusconi 7 anni dopo ci riprova, tra gli strumenti della sua campagna elettorale c'è "una storia italiana", un libro di propaganda inviato poco prima delle elezioni a tutte le famiglie italiane. Il fascicolo è centrato tutto sulla figura personale di Silvio Berlusconi, è come se il partito fosse un appendice di Silvio Berlusconi e non viceversa. Per costruire il partito velocemente, Berlusconi si appoggia a strutture che già controlla. Sfrutta la sua azienda (e di conseguenza il personale dell'azienda) per la campagna elettorale. Sfida la rai, creando un network di canali locali che ricoprono tutto il territorio. Questa è la prima pietra per la creazione di Mediaset, il suo impero mediatrico. La rai una volta era una televisione di stato divisa tra i partiti politici, Berlusconi importa dall'america invadenti show fatti di ballerine, film porno ed altri programmi poco educativi che una volta non esistevano. Tutto questo per aumentare gli ascolti e l'attrattività delle sue reti, in modo da favorire maggiori profitti con le pubblicità e diminuire gli ascolti alla rai. Il giornalista Marco Travaglio va alla rai a parlare del suo libro che illustrava tutti i dubbi su Berlusconi ed importanti punti interrogativi sulla provenienza del suo immenso capitale. Questo fu come bestemmiare in chiesa. Berlusconi e i suoi reagirono denunciando Travaglio. Michele Santoro ed Enzo Biagi si occuparono nei loro programmi delle questioni sollevate da Travaglio. 2 mesi dopo la coalizione vince le elezioni assicurandosi il controllo politico della rai. Un anno dopo, Berlusconi attacca i 2 giornalisti che avevano osato criticarlo durante la campagna elettorale e dice ai dirigenti della rai di estrometterli dai palinsesti del canale. Ciò suona come un avvertimento ai restanti giornalisti italiani. Il direttore del corriere della Sera salta a causa di grosse pressioni. Il direttore nega di averle subite ma a seguito di indagini la realtà è un’altra. Informava troppo bene la gente sui suoi processi ed inoltre non sposava la linea politica di Berlusconi. Chi osa contrastare Berlusconi deve far fronte ad innumerevoli cause per risarcimento danni alla sua immagine, aiutato dalla sua ottantina di avvocati che lavorano per lui ogni giorno, altri 720 non a tempo pieno. Giornalisti investigativi che si occupavano di indagare tra i rapporti della politica con la mafia ci hanno rimesso la vita ad insaputa di molti. Berlusconi fa uso delle denunce come un’arma a doppio taglio, anziché difendersi cerca di sfiancare i giornalisti investigativi che cercano la verità con denunce ed a volte ci riesce, ma Berlusconi non fa solo questo, definise spesso le accuse frutto dell’opposizione etichettandola come comunista quando in realtà buona parte dei suoi detrattori sono di destra (e in questo caso ecco che la politica gli è d’aiuto come nelle sue previsioni). Tanti avvocati di Berlusconi sono anche senatori o deputati alla camera. I giornalisti dichiarano di subire pressioni durante la guerra in Iraq, con l'ordine di esprimersi a tutti i costi a favore della guerra in Iraq. La parola pacifisti deve venir sostituita con disubbidienti. Alcune notizie vengono proibite nella messa in onda, altre vengono messe in onda a scopo propagandistico. Una delle caratteristiche dei regimi non dittatoriali consiste nel fatto che “solo” il 20% dei canali di una nazione possono appartenere al capo dello stato. Spesso, dicono in coro alcuni giornalisti, abbiamo ricevuto un messaggio dal direttore che ci diceva, guardate che mi è arrivata una telefonata, questa cosa non si deve più vedere. La priorità delle notizie è spesso scelta con criteri non giornalistici ma politici (particolare riferimento in caso di processi quando la televisione è sempre di parte e sostiene le tesi del cavaliere). In Italia Berlusconi detiene il 50% dei canali. Il suo impero mediatico permette una dittatura senza oppressioni, una dittatura innovativa dei giorni nostri. Rai e mediaset raccolgono il 90% dell’audience. Parte del progetto del governo Berlusconi è di cambiare la legge sui media. La corte costituzionale ha dichiarato che Berlusconi controlla troppo il mercato televisivo, l’attuale legge impedisce che il singolo controlli più del 20% delle reti nazionali ed in almeno 20 sentenze ha chiesto al governo di adottare misure adeguate per rimediare a questo fatto. Il governo ha chiesto tempo, in novembre la corte costituzionale ha detto che il tempo è scaduto. È evidente che il governo non rispetta le leggi con la scusa del tempo, in questo tempo Berlusconi si adopera per modificare le leggi, sfruttando le leggi stesse. È dunque un uomo intelligente che si avvale della burocrazia e della sua influenza politica per modificarle a suo favore. Il parlamento sta per approvare una legge che sospenderebbe il processo SME fino a quando Berlusconi ricopre il ruolo di premier. Passa un po’ di tempo e il senato approva la legge sull’immunità, se passerà anche in parlamento i suoi problemi giudiziari saranno congelati. Una giornalista straniera di origine italiana afferma di aver assistito a sedute del parlamento 20 anni fa, dice che gli scontri erano frequenti. Ora i deputati della coalizione di Berlusconi si comportano come un uomo solo, applaudendo a tempo ed inveendo in modo aggressivo contro coloro che osano mettere in discussione quello che dice Berlusconi, come avvenne con l’ex presidente Scalfaro che ha osato affermare che la legge sull’immunità non è costituzionale. Ma questa è solo la punta dell’iceberg. Immagini davvero ridicole sono state mostrate dal documentario dove si vedono dei parlamentari che allungano i bracci verso i banchi dei vicini assenti e schiacciano dei pulsanti votando al loro posto. Passa un po’ di tempo, e i deputati (tra di essi figuravano molti avvocati di Berlusconi) approvano la legge dell’immunità. Berlusconi è salvo la giustizia in Italia non esiste più. La democrazia in Italia è solo apparente. Berlusconi domina l’opinione pubblica con la TV e buona parte della stampa, il parlamento con il suo partito e cambia le leggi a suo favore. Il popolo italiano crede di vivere in un paese democratico ma vive in un paese il cui regime è autoritario.

Questo è quello che dice il documentario norvegese, pubblicato in gran parte delle televisioni europee

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
qualcuno
by nijnskij Monday June 21, 2004 at 12:39 PM mail:  

qualcuno con tv e/o vcr puo' digitalizzare
su mpeg o mov o avi questo documentario?
e' importante

grazie

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
eccolo
by qui Monday June 21, 2004 at 12:41 PM mail:  

http://www.rtsi.ch/prog/rtsi/welcome.cfm

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
p2p
by fiorfuoco Monday June 21, 2004 at 01:46 PM mail:  


Il documentario si trova già nei vari circuiti p2p: SoulSeek, Emule e via dicendo. Chissà, magari guardando un certo nick risparmiate tempo... ;-)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
non si
by pds Monday June 21, 2004 at 02:23 PM mail:  

riesce a scaricare

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Io direi di piu': Berlusconen e' nazista
by x Paolo Monday June 21, 2004 at 03:37 PM mail:  

Ci sono anche le inconfutabbili prove!

Tu dici: ma Berlusconi non fa solo questo, definise spesso le accuse frutto dell’opposizione etichettandola come comunista quando in realtà buona parte dei suoi detrattori sono di destra (e in questo caso ecco che la politica gli è d’aiuto come nelle sue previsioni).

Non direi solamente che buona parte dei suoi detrattori sono di destra, diciamo che i suoi detrattori appartengono nella stragrande maggioranza ad una destra sociale, popolare se vogliamo.

In poche parole ed alla buona: Republicana.

Berluskonen NAIN, lui uomo duro, lui fare konzigliaren da finen gianfranken, uomen ké leggeren tutten libbren de sturmtruppen et Julius Evola.
Berluskonen non esseren di destra sociale, neanke fascisten duro, lui essere NAZISTEN !

Kiaro sto fatten, no?

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Il vero volto di Silvio Berlusconi
by A parte scherzi Monday June 21, 2004 at 03:43 PM mail:  

Il vero volto di Sil...
malavitoso_milanese.jpg, image/jpeg, 650x895

Questa foto se l'e' fatta scattare lui!

Esprime i suoi desideri imprenditoriali!

Ora immaginatevi solamente quali desideri politici potra' mai avere il nostro (sic) silvio berlusconi e poi ditemi se vale votare per il centro destra!

Vota centro sinistra vota anti mafia.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
altre cose sul passato di Berlusconi Silvio
by e sul perche' votare CentroSinistra Monday June 21, 2004 at 03:50 PM mail:  

altre cose sul passa...
s_i_c_a_r_i_o.jpg, image/jpeg, 300x406

ecco come ha fatto soldi il vostro "cAVALIERE" del 'lavoro in nero' silvio berlusconi per poi potersi comperare influenze politiche, gradi ma$$onici, patentino di ingresso alla P2, partecipazione politika al partito $ociali$ta italiano e alla banda della magliana, maffia, ecc.

era un S I C A R I O

MASSONERIA & FASCISMO

Quante sono le Camicie Nere del vertice Fascista iscritte alla Massoneria?
Tante,quasi tutte, almeno fino al 1925.Tranne una,la più importante, il Capo Supremo,Mussolini.
Il Duce nutre un avversione per la Massoneria che deriva dal fatto che per ben tre volte Mussolini (prima di diventare il Duce del Fascismo) chiese l'ammissione alla Massoneria,e per ben tre volte gli fù opposto un netto rifiuto! preso il potere Mussolini decide di procedere contro i Massoni; ma nelle liste delle due Grandi Logge, di Palazzo Giustiniani e di Piazza del Gesù i Fascisti abbondano,soprattutto i più importanti. Si capisce: vengono dalle libere professioni, dagli alti gradi dell' Esercito dalle poltrone dei Ministeri e della pubblica amministrazione. dalla Magistratura, dove da sempre la Massoneria è stata considerata un' opportuna assicurazione sul futuro, una base fondamentale per la carriera, e non solo questo. L'elenco dei Fascisti affiliati alla Massoneria è lungo e incuriosisce. C'è Giacomo Acerbo,il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e allora braccio destro di Mussolini ,in seguito ministro e nobilitato col titolo di barone dell'Aterno C'è il Capo dell' ufficio stampa del Partito, Cesare Rossi. Ci sono i Quadrumviri: Balbo, al tempo Comandante della Milizia, Bianchi,l'ex sindacalista divenuto Segretario Generale all'Ministero dell'Interno, De Vecchi sottosegretario all'assistenza e alle pensioni di guerra, De Bono, Capo della Polizia. Poi c'è Grandi il vero numero due del Fascismo, tra il 1922 e il 1924 privo di cariche per aver contrastato l'iniziativa Mussoliniana della marcia su Roma.C'è una pletora di Avvocati, Nicola Sansanelli, Capo del Fascio napoletano, Aldo Finzi, Sottosegretario agli Interni, Giuseppe Caradonna Capo dello Sqadrismo in Puglia, aveva organizzato uno squadrone a cavallo, sottosegretario alle Poste e Telegrafi, l'onorevole Giuseppe Bottai, l'onorevole Ferruccio Lantini,il futuro Podestà di Piacenza, lo Squadrista Bernardo Barbiellini Amidei, lo Squadrista e Deputato Alessandro Dudan, Aldo Oviglio Ministro della Giustizia nel primo gabinetto Mussolini,espulso nel 1925 "per scarsa fede Fascista" e riammesso nel 1928 "segno che la fede gli era rapidamente tornata" Francesco Giunta, Roberto Farinacci. Numerosissimi gli alti Gerarchi. Oltre a due Segretari del Partito "Sansanelli e Giunta", tre vicesegretari: il ragioniere Achille Starace,il perugino Giuseppe Bastianini, futuro Segretario dei Fasci all'estero, e Attilio Teruzzi,ex Ufficiale effettivo uscito dalla carriera per entrare nelle Squadre d'azione. Quasi al completo il direttorio del PNF: Gaetano Postiglione, Massimo Rocca, Gino Calza Bini, Alessandro Chiavolini. Nella riunione di Piazza San Sepolcro del marzo 1919, dove viene decisa la fondazione dei Fasci di Combattimento, i Massoni non mancano. per esempio l'avvocato Eucardio Momigliano, Umberto Pasella, primo Segretario del movimento, l'ex fattorino Mario Giampaoli futuro Federale di Milano, il Generale Decio Canzio Garibaldi,Guido Podrecca garibaldino, musicista, poeta, socialista, fondatore e direttore con Gabriele Galantara del periodico anticlericale "L'Asino" interventista al tempo della guerra di Libia,riformista con Bissolati, di nuovo interventista nella prima guerra mondiale e corrispondente dal fronte. Ancora, il dottore Ambrogio Binda, medico personale di Mussolini, il Capo degli Squadristi veronesi Italo Bresciani, il ragioniere Giovanni Marinelli, Segretario Amministrativo del Partito, Benedetto Fasciolo, poi passato con gli antifascisti a Parigi. Altri nomi di rilievo: l'onorevole Edoardo Torre, fondatore del Fascio di Alessandria, il marchese fiorentino Dino Perrone Compagni, e il suo antagonista Tullio Tamburini animatore dello Squadrismo fiorentino, rivale di Balbo Olao Gaggioli, Amerigo Dumini, il torinese Piero Brandimarte, il sindacalista Edmondo Rossoni, Leandro Arpinati, il giornalista del Popolo d'Italia, il Capitano dei bersaglieri Aurelio Padovani. Ecco alcuni Generali Fascisti e Massoni: Sante Ceccherini, Luigi Capello "che si farà coinvolgere per il fallito attentato a Mussolini dell'onorevole Zaniboni", Arturo Cittadini, aiutante di campo del Re, Luigi Fera, l'ammiraglio Costanzo Ciano padre di Galeazzo. E ancora, Renati Ricci fondatore "dell'opera nazionale balilla", Ulisse Igliori, ex legionario fiumano e Comandante della più importante delle Squadre Fasciste durante la marcia su Roma ed Ernesto Civelli che di quella marcia fu uno dei "sovrintendenti". Dunque Mussolini si ritrova l'unico a non potersi fregiare dell'antico e misterioso simbolo "Squadra & Compasso" perciò nutre una profonda avversione nei confronti della Massoneria, ma per ragioni tattiche rimanda ogni decisione persecutoria ai tempi successivi alla presa del potere. Sà perfettamente che la Massoneria sa essere Cattiva con i propri nemici,dimentica però che è anche molto vendicativa e di memoria lunga! Prima si tiene sulle generali, se è disposta ad aiutarlo lui non la respinge. La Massoneria di Piazza del Gesù. nella persona del Gran Maestro Raul Palermi, fù non solo apertamente favorevole, ma concretamente sostenitrice del Fascismo. Di ritorno dal convegno di Napoli dell'ottobre 1922, dove fù decisa l'insurrezione, Mussolini incontra Palermi alla stazione di Roma, durante la sosta del treno diretto a Milano. Si appartano a discutere a lungo. Il Gran Maestro non soltanto ha fornito denari per la riuscita dell'impresa, ma ha garantito l'appoggio degli alti gradi delle Forze Armate di fede Massonica "e quasi tutti gli Ufficiali lo erano". La loro benevola neutralità, quando non l'aperto sostegno all'attività Squadristica, impedirà all'Esercito di spazzare via quei "disperati" in dieci minuti, come aveva preso impegno Badoglio. I rapporti tra Palermo e Mussolini non devono essersi subito guastati, se il primo farà sapere di avere offerto al Duce nel gennaio 1923 un brevetto di iniziazione onoraria, alla Massoneria, con il grado di Gran Maestro. Mussolini l'avrà buttato in qualche cassetto; ma gli conveniva non rompere con chi, per il momento, gli era utile. La politica, notoriamente, giustifica ben altri comportamenti. Meno caloroso il sostegno dell'altra comunione Massonica, quella di Domizio Torrigiani si limita ai soliti telegrammi di congratulazioni, in prospettiva futura. Ottenuto, ciò a cui mirava, l'atteggiameento di Mussolini verso la Massoneria torna in linea con il suo odio. Fin dal congresso socialista di Ancona, quand'era membro di quel Partito, aveva chiesto che fosse sancita l'incompatibilità tra l'appartenenza alla Massoneria e al Socialismo. Fondati i Fasci, ripropone l'alternativa e nella riunione del Gran Consiglio del 15 febbraio 1923 fa approvare un'ordine del giorno con cui ai Fascisti si inibisce l'iscrizione alle Logge. Votano tutti a favore, tranne: Balbo, Rossi, Acerbo e Dudan che non intendono rinnegare le loro adesioni. Grande avversario dei Massoni è invece un'altro Fascista di spicco, il professore Alberto De Stefani, Ministro delle finanze nel primo governo Mussolini. Con lui un futuro Segretario del Partito, Giovanni Giurati, Alfredo Rocco e Giovanni Preziosi. De Stefani, spinto da Mussolini in un convegno dei Segretari Federali del nord, il 28 settembre 1922 a Vicenza, aveva proposto l'incompatibilità tra iscrizione alla Massoneria e al Fascismo. Mussolini inaspettatamente aveva replicato: "Quanto alla Massoneria, verso la quale io ho immutato sentimento di avversione, non mi sembra il momento opportuno per la discussione. Che dovra essere fatta in momenti meno tempestosi." Non sono più tempestosi nel 1925, quando il delitto Matteotti è già stato superato, le leggi eccezionali approvate, e il Fascismo è diventato dittatura. Il 16 Maggio dello stesso anno, Mussolini fa votare la legge contro le associazioni segrete, imponendone lo scioglimento d'autorità a cominciare dalla Massoneria. Al momento di votare si assiste a un notevole squagliamento di Massoni Fascisti dall'aula di Montecitorio, ma la legge passa d'autorità. Tuttavia, se crede di avere ottenuto dai gerarchi Massoni l'ubbidienza cioè la loro effettiva uscita dalla Massoneria, Mussolini si illude. Gli assicurano di essersi dimessi, di non avere più nulla da spartire con le Logge, mentendo poichè dalla Massoneria non si esce mai, ma continueranno a farne parte, da quel momento "coperti" e "in sonno". Il fiume "liberomuratorio"... tra le falde sotterranee del regime... avrebbe continuato a fluire, qui e là trapelando... il Duce deve rendersene conto, se tanti anni dopo accuserà Balbo di essere rimasto "il porco che fù oratore alla Loggia Girolamo Savonarola di Ferrara". Mussolini si illuse per un momento pensando di sver cancellato la Massoneria, la quale secondo lui non costituiva un pericolo perchè non esisteva più. Si accorgerà di aver sbagliato il 25 Luglio. Quasi tutti coloro che gli tolsero improvvisamente la sedia di sotto "ufficiali delle Forze Armate, membri del Gran Consiglio e personaggi della Casa Reale erano rimasti fedeli "al giuramento e all'obbedienza Massonica".

http://www.destranazionale.org/massfasc.html


MASSONERIA:una società iniziatica di persone che professano la fraternità(i massoni)e si riconoscono tra loro per mezzo di segni ed emblemi.Si dividono in gruppi chiamati logge.Una leggenda vuole che la Massoneria sia stata originata da Hiram Abiff,architetto di Salomone

MASSONERIA:una società iniziatica di persone che professano la fraternità(i massoni)e si riconoscono tra loro per mezzo di segni ed emblemi.Si dividono in gruppi chiamati logge.Una leggenda vuole che la Massoneria sia stata originata da Hiram Abiff,architetto di Salomone, che già a quei t’empii aveva diviso i suoi operai in "apprendisti", "compagni" e "maestri".

I COLLEGAMENTI CON L’EVERSIONE

CONTATTI CON L’EVERSIONE NERA

Il periodo che corre tra il 1970 e il 1974 registra la proliferazione di movimenti extraparlamentari, la nascita di sempre nuove organizzazioni eversive paramilitari o terroristiche, la moltiplicazione di gravi delitti politici - secondo forme affatto nuove per il Paese - la rinnovata virulenza della malavita comune e delle sue organizzazioni criminali.
Sono questi gli avvenimenti che formano il quadro entro cui si sviluppa quella che venne definita la "strategia della tensione", favorita dalla crisi economica e dalla crescente instabilità del quadro politico.
Quegli anni, oltre ad essere caratterizzati, come abbiamo già visto, dall'intensa opera di politicizzazione della loggia svolta da Licio Gelli, si contraddistinguono anche per i collegamenti che ci è consentito di identificare tra Licio Gelli, la Loggia P2, suoi qualificati esponenti ed il complesso mondo dell'eversione nera.
Dal materiale in possesso della Commissione si trae infatti la ragionata convinzione, condivisa peraltro da organi giudiziari, che la Loggia P2 attraverso il suo capo o suoi esponenti (le cui iniziative non possono considerarsi sempre soltanto a titolo personale) si collega più volte con gruppi ed organizzazioni eversive, incitandoli e favorendoli nei loro propositi criminosi con una azione che mirava ad inserirsi in quelle aree secondo un disegno politico proprio, da non identificare con le finalità, più o meno esplicite, che quelle forze e quei gruppi ponevano al loro operato.
Al fine di procedere ad una lettura politica di queste relazioni e di questi collegamenti è d'uopo individuare entro la vasta mole di materiale documentale - peraltro ampiamente incompleto: né altrimenti poteva essere, in considerazione della vastità dell'argomento - che alla Commissione è pervenuto, alcuni episodi che si ritengono più significativi ai fini della nostra indagine, secondo il
metodo di analisi espresso nell'introduzione al presente lavoro.
Prima tra tali situazioni nelle quali appare sicuramente documentato un coinvolgimento significativo di Licio Gelli e di uomini della loggia, è il cosiddetto golpe Borghese, attuato nella notte tra il 7 e l'8 dicembre 1970, sotto la spinta degli esponenti oltranzisti del Fronte Nazionale, i quali avevano da ultimo prevalso all'interno dell'organizzazione.
La vicenda ha registrato un lungo e non facile iter processuale, concluso con sentenza passata in giudicato, sul cui esito non è qui il caso di entrare, perché ai fini che a noi interessano quel che più preme è porre l'accento su alcuni aspetti sicuramente documentati che suffragano l'ipotesi prospettata della collusione esistente tra esponenti della loggia con questa situazione eversiva, tale da consentire una valutazione attendibile del rilievo concreto che tali contatti ebbero a rivestire.
E’ così dato rilevare prima di tutto come molti dei personaggi che nel golpe ebbero un ruolo non secondario appartengano alla Loggia P2 o alla massoneria: così infatti troviamo tra gli attori di quella vicenda Vito Miceli, Duilio Fanali, Sandro Saccucci (da più fonti indicato come appartenente alla massoneria) assieme ad altri imputati del golpe quali Lo Vecchio, Casero, De Jorio, che tutti figurano nelle liste di Castiglion Fibocchi. Altre fonti poi riconducono alla massoneria sia Salvatore Drago, accusato di aver disegnato la pianta del Ministero dell'interno, sia il costruttore Remo Orlandini, che l'ispettore Santillo, nella sua terza nota informativa, indica più specificamente come appartenente alla Loggia P2.
Questo primo dato di palese riscontro è suffragato da ulteriori testimonianze, anche documentali, dalle quali si evince come ambienti massonìci si fossero posti in posizione di collateralità o fiancheggiamento con i gruppi che al Borghese facevano capo. Esplicita in questo senso la lettera di Gavino Matta (comunione di Piazza del Gesù) al principe Borghese: "Caro Comandante, debbo comunicarle che la Loggia non intende assecondare la sua iniziativa, essendo per principio fondamentalmente contraria ai metodi violenti. Con la presente, pertanto, vengo autorizzato ad annullare ogni precedente intesa...".
Questi elementi di indubbio riscontro fanno da cornice a situazioni di più puntuale incisività in ordine al ruolo che due personaggi quali Licio Gelli ed il Direttore del SID, Vito Miceli, ebbero a ricoprire durante e dopo il golpe. Come noto, punto cruciale di quella vicenda fu l'inopinato, per gli esecutori, arresto delle operazioni già avviate: Orlandini, stretto collaboratore del Borghese, dirà che non poca fatica gli costò correre ai ripari per fermare quei gruppi che già erano entrati in azione. Lo sconcerto provocato tra i congiurati da quella improvvisa inversione di marcia è del resto ben testimoniato dalla reazione di Sandro Saccucci, che poche settimane dopo ebbe ad esprimere l'auspicio che il responsabile venisse "preso", distinguendo nella vicenda la posizione dei golpisti da quella di "altre piccole manichette, più o meno in divisa". Numerose comunque sono le testimonianze dalle quali si evince la convinzione diffusa tra quanti avevano a vario titolo preso parte all'operazione "che qualcosa non aveva funzionato", o, come affermò Mario Rosa, stretto collaboratore di Borghese "...è la valvola di testa che non ha concorso a quello che doveva concorrere…".
Recentemente alcune deposizioni di appartenenti agli ambienti dell'eversione nera consentono di indirizzare l'attenzione direttamente su Licio Gelli in relazione al contrordine operativo che paralizzò l'azione insurrezionale. Si hanno infatti testimonianze secondo le quali il Venerabile era ritenuto elemento determinante nel contrordine: tale il convincimento di Fabio De Felice, il quale ne fece parte ad un giovane adepto, Paolo Aleandri, che poi provvide a mettere in contatto con Licio Gelli. L'incarico era quello di tenere i contatti tra questi e l'avvocato De Jorio, allora latitante a Montecarlo; e in tale veste l'Aleandri ebbe numerosi incontri con Licio Gelli, che si sarebbe prodigato per "alleggerire" la posizione processuale degli imputati. Le deposizioni dell'Aleandri - che trovano conferma in quelle di altri elementi quali Calore, Sordi, Primicino - hanno il pregio di fornire la prova del contatto diretto tra Licio Gelli e quegli ambienti, aggiungendo un riscontro preciso alle considerazioni generali già espresse.
E’ stato altresì testimoniato che Licio Gelli teneva il contatto con ufficiali dei carabinieri, e certo è che tra i congiurati era diffusa l'opinione che ambienti militari sostenevano o quanto meno tolleravano l'operazione. Certo, il Borghese si esprimeva nel suo proclama con decisione: "Le Forze Armate sono con noi".
A loro volta questi elementi ben si inquadrano nel contesto di una serie di deposizioni dalle quali emerge come la generazione immediatamente successiva a quella direttamente coinvolta nel golpe Borghese vedeva nel Gelli l'espressione di ambienti "che in forma più o meno palese venivano contattati, però non con l'esplicita richiesta di aderire ad un golpe, quanto per avvicinarli a posizioni che implicassero un loro consenso per una svolta autoritaria o comunque per una democrazia forte". Tale almeno l'interpretazione di Fabio De Felice.
Sta di fatto che nell'analisi che questa generazione forniva di quegli eventi si assumeva che un'opera di strumentalizzazione fosse poi stata messa in atto proprio dal Gelli e da coloro che gli erano vicino. Per tali considerazioni venne prospettata persino l'eventualità di eliminare fisicamente il Venerabile della Loggia P2, segno questo che la presenza di Gelli in quegli ambienti aveva assunto un rilievo non secondario, incidendo sulla loro operatività con conseguenze che venivano valutate come deleterie per l'organizzazione.
Accanto alla figura di Licio Gelli, un altro elemento di spicco nell'analisi di questa vicenda è costituito dal generale Vito Miceli, direttore del SID dal 1970 al 1974. In proposito quello che a noi interessa è rilevare come sia accertata l'esistenza di contatti tra il generale Miceli, allora nella sua veste di capo del SIOS, Orlandini e Borghese, contatti da far risalire al 1969, epoca nella quale il
generale entra nella Loggia P2. Tali eventi si accompagnano significativamente alla sua nomina al vertice dei Servizi, che il Gelli si vantò, come sappiamo, di aver favorito e che precede di poco il tentativo insurrezionale guidato dal principe nero.
Contatti aveva altresì il generale Miceli con Lino Salvini, al quale aveva consentito di mettersi in contatto con lui sotto lo pseudonimo di "dottor Firenze".
Questi dati, unitariamente considerati, vanno letti in parallelo con la successiva inerzia del generale nei confronti delle indagini sul Fronte Nazionale, condotte dal reparto D guidato dal generale Maletti. Con questi il Miceli entrò poi in contrasto, avendo richiesto lo scioglimento del nucleo operativo facente capo al capitano La Bruna; e va a tal proposito sottolineata la svalutazione che il direttore del SID faceva dei risultati investigativi raggiunti sul golpe, come non mancò di esternare all'onorevole Andreotti e all'ammiraglio Henke.
Gli elementi conoscitivi indicati, che non esauriscono di certo una situazione oggetto di una contrastata vicenda giudiziaria, debbono essere a questo punto del discorso inquadrati nell'ambito delle considerazioni alle quali siamo pervenuti analizzando il rapporto tra Gelli ed i Servizi segreti.
Il dato relativo all'appartenenza di Licio Gelli a quegli ambienti va considerato alla luce delle successive attività che vedono il Venerabile impegnato a venire in soccorso degli imputati, svolgendo un'azione che si muove significativamente in perfetta sintonia con la documentata inerzia del Direttore del SID. Il minimo che si possa dire è che questi non sembra aver seguito con
particolare accanimento le indagini sul Fronte Nazionale, pur avendo avuto contatti diretti con i suoi massimi dirigenti.
Contatti che peraltro egli aveva giustificato proprio con la necessità di acquisire informazioni, nella sua veste di dirigente di apparati informativi. E’ del pari in tale prospettiva che vanno valutate sia le diffuse convinzioni maturate nell'ambiente golpista sul ruolo di Licio Gellí, quale cerniera di raccordo con gli ambienti militari, che il risentimento maturato per il fallimento dell'operazione.
Come si vede, anche muovendo da questa situazione l’analisi ci conduce alla figura di Licio Gelli, al suo ruolo di elemento intrinseco ai Servizi, come del resto riteneva il De Felice, ma soprattutto alla individuazione della Loggia P2 come struttura nella quale ed attraverso la quale si intrecciano rapporti e si stabiliscono collegamenti la cui ortodossia lascia ampi margini di dubbio, anche
accedendo alla più benevola delle valutazioni.
Elementi di estremo interesse ai nostri fini emergono poi dalla inchiesta condotta dal giudice Tamburino di Padova sul movimento denominato Rosa dei Venti, nel quale troviamo la presenza di uomini iscritti al "Raggruppamento Gelli", secondo quanto affermato dall'ispettore Santillo nelle sue note informative. Venivano in tali documenti considerati come appartenenti all'organizzazione gelliana il generale Ricci, Alberto Ambesi e Francesco Donini. L'inchiesta sulla "Rosa dei Venti" si segnala peraltro alla nostra attenzione per due testimonianze raccolte dal giudice patavino che rivestono per noi un sicuro interesse se poste in relazione ad altri
elementi conoscitivi emersi nel corso del nostro lavoro.
Va ricordato in primo luogo che il giornalista Giorgio Zicari ha testimoniato di aver collaborato con l'Arma dei carabinieri e con i Servizi segreti, entrando in contatto nel 1970 con Carlo Fumagalli e Gaetano Orlando, elementi di spicco del gruppo dei MAR, ed ottenendo da costoro informazioni per i detti apparati investigativi.
Quando nel 1974 lo Zicari venne riservatamente convocato dal giudice Tamburino, gli accadde di ricevere nel giro di poche ore l'invito ad un colloquio con il generale Palumbo nel corso del quale l'alto ufficiale ebbe ad esprimersi nei seguenti termini: "...il tema centrale fu che io non dovevo parlare, che poteva succedermi qualcosa, dei fastidi, che io avevo tutto da perdere dalla vicenda, che i magistrati stavano tentando di sostituirsi allo Stato, riempendo un vuoto di potere, che non si sapeva che cosa il giudice Tamburino volesse cercare, che non ero obbligato a testimoniare...".
Questa iniziativa del generale Palumbo viene a collocarsi in modo preciso a sostegno della già ricordata osservazione del generale Dalla Chiesa sulla collaborazione non particolarmente motivata degli ambienti della divisione Pastrengo nell’azione che il generale conduceva contro il terrorismo. Va altresì rilevato che l'atteggiamento del generale Palumbo riporta alla nostra attenzione il tipo di risposta che l'ammiraglio Casardi, direttore del SID, forniva ai giudici che indagavano sulla strage dell'Italicus quando si rivolsero al Servizio per ottenere notizie su Licio Gelli, ottenendo un rinvio alle notizie apparse sulla stampa.
Sempre nel corso del 1974 il giudice Tamburino raccolse alcuni riferimenti testimoniali sul cosiddetto SID parallelo, il cui procedimento si chiuse infine con la richiesta di archiviazione formulata dal Procuratore della Repubblica di Roma, accolta dal giudice istruttore in data 22 febbraio 1980.
E’ di particolare interesse, nel contesto di tali deposizioni, quanto ebbe a dichiarare il generale Siro Rossetti, uscito nel 1974 dalla Loggia P2 in posizione polemica nei confronti di Licio Gelli.
L'alto ufficiale in ordine al problema dell'esistenza di un'organizzazione parallela ai Servizi affermò: "...la mia esperienza mi consente di affermare che sarebbe assurdo che tutto ciò non esistesse..." ed ancora "...a mio avviso l'organizzazione è tale e talmente vasta da avere capacità operative nel campo politico, militare, della finanza, dell’alta delinquenza organizzata...".
Questa descrizione letta oggi sulla base delle conoscenze acquisite in ordine alla Loggia P2, non può non porsi per noi quale motivo di seria riflessione, soprattutto quando si ponga mente alla sua provenienza da parte di un elemento che conosceva la loggia direttamente dall'interno e che professionalmente si occupava di servizi di informazione.
Passando ad altro argomento di ben più impegnativo rilievo, ricordiamo che i gruppi estremistici toscani compirono parecchi degli attentati (specialmente ai treni) che funestarono l'Italia tra il 1969 e il 1975. Il generale Bittoni (P2), comandante la brigata dei Carabinieri di Firenze, iniziò a svolgere indagini, cercando di dare impulso all'inchiesta e di coordinare le ricerche dei comandi di
Perugia e di Arezzo. L'impegno degli ufficiali aretini si rivelò, peraltro, del tutto insufficiente, come ebbe a lamentare lo stesso Bittoni e come risulta dalle deposizioni dei sottufficiali.
Rilevato come ben due degli ufficiali superiori del comando di Arezzo incaricati delle indagini facessero parte della Loggia P2 (uno di essi parlò della relativa iscrizione come di una "necessità") e che Gelli rivolse al generale Bittoni discorsi sufficientemente equivoci da provocarne una accesa reazione, non sembra azzardato mettere in rapporto di causa ed effetto l’infiltrazione della Loggia
nell'Arma e l'insufficienza dell'indagine. A questo si aggiunga che analoga situazione si verificava per la questura della stessa città, essendosi potuta accertare l'iscrizione alla Loggia non solo di due dei suoi funzionari, ma addirittura del questore pro tempore.
Anche in tal caso appare legittimo mettere in rapporto di causa ed effetto il fenomeno di infiltrazione piduista con disfunzioni "mirate": così, ad esempio, nel caso della informativa su Gelli e Marsili e sui rapporti del primo con il gruppo Sogno e Carmelo Spagnuolo, richiesta dal giudice istruttore di Torino alla questura di Arezzo e mai ottenuta. Fu rinvenuta, però, tra le carte di Castiglion Fibocchi copia dello scritto anonimo che aveva sollecitato alla richiesta i giudici torinesi: il Venerabile era stato quindi tempestivamente informato ed aveva potuto predisporre le sue difese. In definitiva, sembra potersi concludere sul punto che le infiltrazioni piduistiche ad Arezzo nella Polizia e nei Carabinieri (ed il sospetto di infiltrazione anche nella magistratura, come si vedrà in seguito) servirono in quegli anni a conferire al Gelli un'aura di intangibilità, lasciandogli mano libera per tutte le proprie - non certo lecite - attività.
Un discorso a parte merita, poi, la strage perpetrata con la collocazione di un ordigno esplosivo sul treno Italicus, ordigno esploso nella notte fra il 3 ed il 4 agosto 1974.
I fatti relativi sono stati già giudicati in primo grado dalla corte d'assise di Bologna con sentenza assolutoria dubitativa che, pur se non passata in cosa giudicata, costituisce per la Commissione doveroso - anche se non esclusivo - punto di' riferimento.
Le istruttorie di una Commissione di inchiesta e quelle dell'autorità giudiziaria penale hanno infatti la comune caratteristica di utilizzare prove storiche e prove critiche per giungere, attraverso un processo logico esternato di libero convincimento, a determinate conclusioni. Gli elementi differenziali riguardano invece l'oggetto e lo scopo dell'indagine. Quanto al primo occorre rilevare
che la giustizia penale ha come limite di accertamento realtà oggettivate od oggettivabili, mentre la Commissione parlamentare può (e deve) tener conto anche di più soggettive emergenze come modi di pensare, opinioni e convincimenti diffusi(1).
Quanto al secondo appare evidente che, mentre la giustizia penale ha un compito di accertamento strumentale rispetto ad affermazioni di responsabilità personali, la Commissione ha invece quello di un accertamento funzionalizzato ad un più puntuale futuro esercizio dell'attività legislativa, e in esso vi è dunque spazio per affermazioni di responsabilità che siano di tipo morale o politico, secondo la natura propria dell'istituto.
Tanto doverosamente premesso ed anticipando le conclusioni dell'analisi che ci si appresta a svolgere, si può affermare che gli accertamenti compiuti dai giudici bolognesi, così come sono stati base per una sentenza assolutoria per non sufficientemente provate responsabilità personali degli imputati, costituiscono altresì base quanto mai solida, quando vengano integrati con ulteriori
elementi in possesso della Commissione, per affermare:

che la strage dell'Italicus è ascrivibile ad una organizzazione terroristica di ispirazione neofascista o neonazista operante in Toscana;
che la Loggia P2 svolse opera di istigazione agli attentati e di finanziamento nei confronti dei gruppi della destra extraparlamentare toscana;
che la Loggia P2 è quindi gravemente coinvolta nella strage dell'Italicus e può ritenersene anzi addirittura responsabile in termini non giudiziari ma storico-politici, quale essenziale retroterra economico, organizzativo e morale.
Gioverà a tal fine riportarsi direttamente agli accertamenti giudiziari. Già nella sentenzaordinanza bolognese di rinvio a giudizio (14. 4. 1980) si leggeva: "Dati, fatti e circostanze autorizzano l'interprete a fondatamente ritenere essere quella istituzione (la Loggia P2 n.d.r.), all'epoca degli eventi considerati, il più dotato arsenale di pericolosi e validi strumenti di eversione politica e morale: e ciò in
incontestabile contrasto con le proclamate finalità statutarie dell'istituzione".
Più puntualmente nella sentenza assolutoria d'Assise 20.7.1983-19.3.1984 si legge (i numeri tra parentesi indicano le pagine del testo dattiloscritto della sentenza):
"(182) A giudizio delle parti civili, gli attuali imputati, membri dell'Ordine Nero, avrebbero eseguito la strage in quanto ispirati, armati e finanziati dalla massoneria, che dell'eversione e del terrorismo di destra si sarebbe avvalsa, nell'ambito della cosiddetta "strategia della tensione" del paese creando anche i presupposti per un eventuale colpo di Stato. La tesi di cui sopra ha invero trovato nel processo, soprattutto con riferimento alla ben nota Loggia massonica P2, gravi e sconcertanti riscontri, pur dovendosi riconoscere una sostanziale insufficienza degli elementi di prova acquisiti sia in ordine all'addebitalità della strage a Tuti Mario e compagni, sia circa la loro appartenenza ad Ordine Nero e sia quanto alla ricorrenza di un vero e proprio concorso di elementi massonici nel delitto per cui è processato".
Significativamente, poi, si precisa in proposito:
" (183-184) Peraltro risulta adeguatamente dimostrato:

come la Loggia P2, e per essa il suo capo Gelli Licio (dapprima "delegato" dal Gran Maestro della famiglia massonica di Palazzo Giustiniani, poi - dal dicembre 1971 - segretario organizzativo della Loggia, quindi - dal maggio 1975 - Maestro Venerabile della stessa), nutrissero evidenti propensioni al golpismo;
come tale formazione aiutasse e finanziasse non solo esponenti della destra parlamentare (all'udienza in data 27.10.1982 il generale Rosseti Siro, già tesoriere della Loggia, ha ricordato come quest'ultima avesse, tra l'altro, sovvenzionato la campagna elettorale del "fratello" ammiraglio Birindelli), ma anche giovani della destra extraparlamentare, quanto meno di Arezzo (ove risiedeva appunto il Gelli);
come esponenti non identificati della massoneria avessero offerto alla dirigenza di Ordine Nuovo la cospicua cifra di L. 50 milioni al dichiarato scopo di finanziare il giornale del movimento (vedansi sul punto le deposizioni di Marco Affatigato, il quale ha specificato essere stata tale offerta declinata da Clemente Graziani);
come nel periodo ottobre-novembre 1972 un sedicente massone della "Loggia del Gesù" (si ricordi che a Roma, in Piazza del Gesù, aveva sede un'importante "famiglia massonica" poi fusasi con quella di Palazzo Giustiniani), alla guida di un'auto azzurra targata Arezzo, avesse cercato di spingere gli ordinovisti di Lucca a compiere atti di terrorismo, promettendo a Tomei e ad Affatigato armi, esplosivi ed una sovvenzione di L. 500.000".
Aggiunge significativamente il magistrato: "appare quanto meno estremamente probabile" - si legge a pag. 193 - che anche tale "fantomatico massone appartenesse alla Loggia P2".
La conclusione, su questo punto corre - significativamente - come segue: "(194) Peraltro tali importanti dati storici non sembrano ulteriormente elaborabili ai fini della costruzione di una indiscutibile prova di colpevolezza dei prevenuti circa la strage del treno Italicus".
La statuizione - che non spetta alla Commissione valutare - appare ispirata al principio di personalità della responsabilità penale ed a quello di presunzione di innocenza: letta in controluce e con riferimento alla responsabilità storico-politica delle organizzazioni che stanno dietro agli esecutori essa suona ad indiscutibile condanna della Loggia P2. Una condanna rafforzata dalle enunciazioni contenute nella prima parte della sentenza ove si esterna il convincimento del giudice sulla matrice ideologica ed organizzativa dell'attentato, una matrice ovviamente irrilevante in sede penale finché non si individuino mandanti, organizzatori od esecutori ma
preziosa in questa sede.
Scrivono ancora, infatti, i giudici bolognesi: "(13-14) Premesso doversi ritenere manifesta la natura politica dell'orrendo crimine di che trattasi (anche in assenza di inequivoche rivendicazioni), data la natura dell'obiettivo colpito e la gravità delle prevedibili conseguenze della strage sul piano della pacifica convivenza civile (fortunatamente poi risultate assai modeste per la “tenuta” della collettività) e dato l'inserimento dell'attentato in un contesto di analoghi crimini politici verificatisi in Italia negli anni 1974-1975 (si pensi alla strage di Piazza della Loggia ed alle bombe di Ordine Nero)"; ed ancora: "(15) è pacifica l'immediata ascrivibilità del fatto ad un'organizazzione terroristica che intendeva creare insicurezza generale, lacerazioni sociali, disordini violenti e comunque (nell'ottica della cosiddetta strategia della tensione) predisporre il terreno adatto per interventi traumatici, interruttivi della normale, fisiologica e
pacifica evoluzione della vita politica del Paese.
Ebbene, non è dubbio che, nel variegato quadro delle organizzazioni terroristiche operanti in Italia negli anni in cui fu eseguito il crimine al nostro esame, l'impiego delle bombe e la loro collocazione preferenziale su obiettivi "ferroviari" caratterizzasse, usualmente, gruppi di ispirazione neofascista e neonazista (si ricordino gli attentati sulla linea ferroviaria Roma-Reggio Calabria in occasione dei disordini di Reggio Calabria e dei successivi raduni, il mancato attentato in cui venne ferito Nico Azzi, l'attentato di Vaíano, rivendicato dalle Brigate Popolari Ordine Nuovo, gli attentati dicembre 1974-gennaio 1975, per cui furono condannati dalla
corte di assise di Arezzo proprio Tuti e Franci) e che fra tali gruppi debba annoverarsi come già vivo e vitale, nell'agosto 1974, quello ricomprendente Tuti e Franci".
Concludono peraltro malinconicamente i giudici bolognesi con la constatazione di un limite invalicabile alla loro indagine, costituito dal fatto che "l'imputazione riguarda solo esecutori materiali e non, ahimè, lontani mandanti".
Già tanto potrebbe bastare per legittimare le conclusioni sopra anticipate. A ciò si aggiunga che sospetti di protezione dell'ultra-destra eversiva gravano su ben individuati uffici della magistratura aretina. Persino la sentenza di Bologna (pag. 191) ne riferisce, confermando il convincimento degli eversori neri di poter contare sull'importante protezione di un magistrato affiliato ad una potentissima loggia massonica, e risultano agli atti dichiarazioni assai gravi relative ad autorizzazioni di intercettazioni telefoniche non concesse ed ordini di cattura non emessi(2). Il dato - al di là di responsabilità individuali su cui non è questa la sede per disquisire – è dimostrativo di una di quelle "opinioni" o "stati d'animo" significativi - fondati o meno che siano - che legittimamente una commissione d'inchiesta accerta e da cui altrettanto legittimamente trae motivi di convincimento.
Le affermazioni dei giudici competenti vanno adesso riportate alle conoscenze proprie della Commissione ed in particolare a due dati di conoscenza emersi con particolare significato in questa relazione.
Il primo è che la pista della Loggia P2 e di Licio Gelli fu seguita in fase istruttoria dai magistrati bolognesi che indagavano sulla strage dell'Italicus e che chiesero notizie in proposito al SID: il Servizio, che, come ben messo in risalto in altra parte della relazione, era assai più che documentato in proposito, altra risposta non forni se non quella, già ricordata, di nulla sapere riportandosi a quanto diffuso dalla stampa.
Secondo elemento di estremo interesse è quello riguardante i rapporti fra l'Ispettorato antiterrorismo ed i già ricordati ambienti della magistratura aretina. Il commissario De Francesco che, per incarico di Santillo, seguiva la pista piduistica di Arezzo, in stretta collaborazione con i magistrati bolognesi, ebbe uno scontro violentissimo con un magistrato aretino che lo accusò – convocandolo in questura nel cuore della notte - di violare il segreto istruttorio(3). L'incidente, che comprometteva in loco i rapporti tra magistratura e polizia, condusse al richiamo a Roma del commissario De Francesco da parte di Santillo per ordine superiore (cfr. deposizione del De Francesco al dott. Persico 9-6-1981), con conseguente accantonamento di una "pista" pur così sagacemente fiutata dal capo dell'antiterrorismo.
Non è difficile vedere sulla base degli elementi sinora riportati come le considerazioni svolte dai giudici bolognesi si pongano in piena armonia con le conclusioni alle quali il presente lavoro è pervenuto in altra sezione. Non è chi non veda infatti che, ricondotte ad un singolo episodio concreto quale quello in esame, le affermazioni prima argomentate trovano puntuale conferma.
Emerge infatti che in primo luogo venne dai Servizi negata ai giudici bolognesi la conoscenza delle notizie su Licio Gelli che essi detenevano e che nei loro confronti venne attivato quel cordone sanitario informativo le cui ragioni abbiamo prima individuato, e che adesso vediamo operante nei confronti del giudice inquirente che indagava sul caso dell'Italicus. Appare in secondo luogo che il filone investigativo Gelli-Loggia P2 venne anche in questo caso specifico individuato dall'unico apparato investigativo - l'ispettore Santillo - che autonomamente arrivò ad intuire il valore di questa organizzazione e del suo capo perseguendola con costanza nel tempo.
Quanto sopra esposto ci mostra che, alla certezza raggiunta dai giudici bolognesi sul coinvolgimento piduista nella strage dell'Italicus attraverso prove storiche, si aggiungono i risultati ai quali la Commissione è pervenuta attraverso prove critiche tutte gravi, precise, concordanti e che quella certezza già acquisita, quindi, corroborano ed arricchiscono di particolari.
Nel periodo compreso tra la fine del 1973 ed il marzo del 1974 viene ad evidenziarsi un'altra iniziativa nella quale si trovano coinvolti uomini risultati iscritti alla P2 o indicati, nella più volte ricordata relazione Santillo del 1976, come aderenti alla stessa quali Edgardo Sogno, Remo Orlandini, Salvatore Drago e Ugo Ricci.
Dai documenti in nostro possesso si può avanzare l'ipotesi che il gruppo facente capo a Sogno, pur non ignorando le iniziative più tipicamente eversive, abbia sviluppato sin dalla fine degli anni Sessanta, per proseguire nella prima metà degli anni settanta, una linea più legalitaria, che però muove sempre dalle premesse di un grave pericolo delle istituzioni provocato dagli opposti estremismi e dalla incapacità delle forze politiche di farvi fronte. Tale linea quindi si pone gli obiettivi di realizzare riforme anche costituzionali e mutamenti degli equilibri - politici al fine di dare vita ad un governo forte e capace di resistere alle minacce incombenti sul, paese. Possono citarsi in questo contesto la costituzione dei Comitati di resistenza democratica sorti nel 1971 per iniziativa di Edgardo Sogno e le proposte avanzate nei periodici Resistenza democratica e Progetto 80.
Quello che più interessa ai fini della nostra indagine è che la complessa tematica legata al gruppo Sogno, le proposte di riforme costituzionali avanzate, come pure, in parte, la strategia adottata, rivelano punti di contatto con il Piano di rinascita democratica e la strategia di Gelli dopo il 1974.
Ricordiamo infine che nella busta "Riservata personale" che Gelli custodiva a Castiglion Fibocchi era custodita copia di un anonimo, per il quale ci fu richiesta di informativa su Gelli inviata alla questura di Arezzo nel marzo del 1975 dal giudice Violante che indagava sulla eversione di destra. Nell'anonimo leggiamo tra l'altro:
"Il Gelli sembra inoltre collegato al gruppo Sogno e ad altri ambienti che fanno capo all'ex procuratore
Spagnuolo oltre che ad ambienti finanziari internazionali".
Un'ultima notazione sul delitto del giudice Occorsio, il quale avrebbe iniziato ad investigare sui possibili collegamenti tra l'Anonima sequestri ed ambienti massonici ed ambienti dell'eversione.
Tale almeno fu la confidenza che Occorsio fece ad un giornalista il giorno prima di essere, ucciso.
Per quanto a nostra conoscenza il questore Cioppa, iscritto alla Loggia P2, ha dichiarato alla Commissione di aver incontrato Licio Gelli nell'anticamera del giudice Occorsio, due giorni prima dell'omicidio del magistrato. L'esito dell'istruttoria relativa esclude collegamenti tra la Loggia P2 ed il delitto; rimane peraltro da spiegare per quale motivo il giudice avesse convocato il Gelli,
secondo il dato in nostro possesso.

NOTE:

Corte costituzionale, sentenza 231/75
Deposizioni Cherubini e Carlucci. Vedasi anche deposizione Filastò 3 luglio 1981 resa al dott. Cappelli della Procura
della Repubblica di Arezzo
Vedansi la deposizione Zanda 23 novembre 1982 al sostituto procuratore della Repubblica di Bologna e Carlucci 10
febbraio 1982 alla Assise di Bologna, per non citarne che due
http://www.strano.net/stragi/tstragi/relmp2/rel14p2.htm
-------------------------------------------------------------
I RAPPORTI INTERNAZIONALI
Lo studio dei rapporti internazionali della Loggia P2 e dell'attività di Licio Gelli in tale contesto non può che essere di circoscritte dimensioni in considerazione della difficoltà, per non dire della impossibilità, per la Commissione, di indagare su queste situazioni che trovano sviluppo al di fuori delle frontiere nazionali. Né si può sottacere che la presenza di Licio Gelli in paesi stranieri non ha lasciato praticamente traccia, con riferimento evidentemente al periodo antecedente al sequestro di Castiglion Fibocchi, presso gli archivi delle nostre ambasciate, nonostante di essa esistano numerose ed autorevoli testimonianze che tutte convergono ad indicare l'intrinseca dimestichezza di questo cittadino italiano con personaggi stranieri di altissimo livello politico.
Muovendo da queste premesse, la Commissione è in grado di affermare, in base ai documenti ed alle testimonianze in suo possesso, che il rilievo dell'attività internazionale del Maestro Venerabile è di segno certamente non inferiore a quello della sua presenza italiana, anche se l'analisi di questo versante della sua personalità non può essere in pari modo approfondito per le oggettive ragioni già indicate.
Si pone in primo luogo, come dato di sicura constatazione, che Licio Gelli pervenne ad inserire l'organizzazione da lui guidata in più ampio contesto organizzativo di respiro internazionale.
Rilievo questo che si pone del resto in armonia con la natura in certo qual senso internazionale della massoneria, la quale, come abbiamo già rilevato, aspira a porsi e concretamente si muove come un'organizzazione che, assumendo a sua base premesse filosofiche di portata generale, tende a stabilire legami fra gli affiliati che travalicano le frontiere. Nell'ambito di questa dimensione
sovranazionale, Licio Gelli appare interessato a due iniziative la cui esistenza è documentata in modo certo. La prima è la cosiddetta Loggia di Montecarlo, per la cui esistenza la Commissione è in possesso di scarsi, ma inequivocabili elementi documentali. E’ agli atti un modulo di iscrizione (le indicazioni sono in tre lingue e cioè nell'ordine: inglese, francese ed italiano), per un Comitato esecutivo massonico che aveva sede nel Principato di Monaco e che dal contestuale riepilogo delle finalità associative risulta porsi come una sorta di organizzazione di livello superiore rispetto alle tradizionali strutture massoniche. La finalità reale dell'organismo traspare dal documento, pur condito dagli abituali generici richiami a superiori motivazioni, nel quale è dato leggere: "...scopo è quello di realizzare...una forza di governo universale..." ed ancora: "...La Massoneria è l'organismo più qualificato a governare, perciò se non governa manca alla sua vera ragion d'essere...".
Schede di iscrizione già compilate e corrispondenza agli atti dimostrano che il Comitato di Montecarlo ebbe pratica attuazione, superando la fase progettuale; ma non ci è dato di sapere quale consistenza esso venne a raggiungere. In sede interpretativa si può affermare che esso si pose certamente come un momento qualificante dell'operazione piduista; e particolare interesse suscita la circostanza che ad esso Licio Gelli pose mano in quel periodo, alla fine degli anni Settanta, che abbiamo indicato come contrassegnato da un inizio di incrinamento del potere del Venerabile Maestro. In questa prospettiva l'iniziativa di creare una organizzazione posta a ridosso dei confini nazionali, ma al di fuori della portata delle autorità italiane, potrebbe inserirsi come
elemento di arricchimento e conferma al quadro delineato.
Altra iniziativa di respiro internazionale è quella dell'ONPAM, una istituzione a carattere sovranazionale rivolta con particolare riferimento ai paesi dell'America latina, la cui esistenza è documentata in modo certo e il cui significato appare, allo stato degli atti, ancor più difficile da interpretare.
La Commissione è in possesso di una tessera intestata a Roberto Calvi, rilasciata nel 1975 e sottoscritta da Licio Gelli in qualità di Segretario. Si ha inoltre notizia che al Gamberini era stato affidato il compito di tenere i contatti tra l'organizzazione ed il Grande Oriente. Risulta che di questa organizzazione esiste ampia documentazione nel materiale sequestrato presso la villa uruguaiana di Licio Gelli e certo la sua conoscenza aprirebbe squarci di notevole interesse su tutta la vicenda della Loggia P2, la cui dimensione internazionale, una volta conosciuta in modo meno sommario, consentirebbe una valutazione più completa del valore politico di questa organizzazione, che del resto era stato intuito dall'ispettore Santillo nella sua terza nota informativa.
Appare infine dalla documentazione che il Venerabile della Loggia P2 godeva egli stesso di un prestigio internazionale proprio nell'ambiente massonico. Non solo egli era infatti tramite dei rapporti tra la massoneria italiana e quella argentina, ma già nel
1968 appare accreditato presso il Grande Oriente quale garante di amicizia di una loggia estera, elemento questo che conferma la precocità della carriera massonìca di Licio Gelli, ampiamente analizzata nel capitolo primo.
L'attività personale di Licio Gelli del resto appare sicuramente documentata come ampiamente proiettata fuori dell'Italia, attraverso una fitta rete di contatti, anche esterni alla massoneria, tutti di alto livello per il rango delle personalità con le quali il Venerabile intratteneva rapporti. In questo senso l'epistolario rinvenuto apre uno spaccato, parziale ma efficace, delle relazioni che Licio Gelli
intratteneva con un’opera di conntinuo contatto e costante aggiornamento; ne emerge il ritratto di un accorto professionista nell'arte dei rapporti sociali, comunque non certo confinabile all'interpretazione di uno spregiudicato arrampicatore sociale, come dal tono generale delle lettere si evince in modo non equivoco.
L'ambito di interessi di Licio Gelli appare in questo panorama rivolto eminentemente ai paesi d'oltre Atlantico. Sicure e documentate sono le relazioni di Gelli con i paesi del Sudamerica ed in particolare l'Argentina, paese nel quale egli era in relazione con l'ammiraglio Massera, ma soprattutto con Peron e il suo entourage, nel quale grande rilievo aveva Lopez Rega, interessato
anch’egli alla iniziativa dell'ONPAM.
Giancarlo Elia Valori(1), iscritto alla Loggia P2 e da questa espulso, ha testimoniato di aver ricevuto una confidenza del Presidente Frondizi, che si domandava quale ruolo un privato cittadino svolgesse per i Servizi segreti italiani ed argentini. In proposito di estremo interesse è la deposizione del generale Grassini, Direttore del SISDE, il quale davanti alla Commissione ha dichiarato: "...Non avevamo nessun rapporto con i Servizi dell'America latina...Sapendo bene che Gelli aveva grandissime possibilità per quanto riguarda l'Argentina, gli chiesi se mi poteva mettere in contatto con gli argentini. Egli aderì a questa richiesta e l'indomani mattina puntualmente il Capo del Servizio argentino in Italia, all'Ambasciata argentina in Italia, si presentò nel mio ufficio, dicendosi pronto a
collaborare per qualsiasi cosa. Da quel momento nacque un contatto perenne e continuo tra il nostro Servizio e il Servizio argentino, che si impegnò anche a fare da tramite tra noi ed i Servizi degli altri paesi dell'America latina dove erano stati segnalati dei fuoriusciti, fu impostato quindi un sistema idoneo per la ricerca di questi fuoriusciti".
Si ricorda al proposito che Gelli ricopriva un incarico ufficiale presso l'Ambasciata argentina in Italia in qualità di consigliere economico e in tale veste intratteneva rapporti con autorità italiane, in particolare in occasione di visite di Stato.
Altra importante direttrice degli interessi di Licio Gelli è costituita dagli Stati Uniti, per ì quali appare accertato un solido legame con Philip Guarino in relazione alla vicenda Sindona. Gelli si mette a disposizione di Guarino, membro del comitato organizzatore della campagnia elettorale del Presidente Reagan, e da questi viene invitato all'insediamento del nuovo Presidente americano.
Certo è che, come la vicenda degli affidavit raccolti in favore di Sindona ampiamente dimostra, Licio Gelli era in contatto con gli ambienti politici e finanziari che costituivano il retroterra del finanziere siciliano con una rete di rapporti di livello altamente qualificato.
La componente affaristica, assolutamente da non sottovalutare nella interpretazione del personaggio Gelli, non gli impediva peraltro di avere contatti con la Romania, paese con il quale l'azienda di Gelli aveva instaurato un importante rapporto di collaborazione produttiva.
Gli elementi esposti, pur nella loro sommarietà, consentono alla Commissione di affermare che la dimensione del personaggio Gelli, sotto il profilo indagato, è certamente di peso non minore rispetto a quello pure rilevante già documentato con riferimento al nostro Paese. Se l'articolazione dei rapporti e delle conoscenze è necessariamente conosciuta, allo stato degli atti, in modo sommario, quello che appare sicuro in questo contesto è non solo il rilievo assunto dal Venerabile della Loggia P2, ma soprattutto, oltre la dimensione affaristica pur rilevante, il valore politico indubitabile che le relazioni intrattenute denunciano.
NOTE:
Uscito indenne dalla tempesta della P2, ricoprirà incarichi importanti nell’amministrazione pubblica, fino a diventare presidente della Società Autostrade. (La nota è nostra)
http://www.strano.net/stragi/tstragi/relmp2/rel20p2.htm
--------------------------------------------------------------
LA LOGGIA P2 E IL MONDO POLITICO
Dall'esame delle liste di Castiglion Fibocchi risulta che in esse sono ricompresi 36 membri del Parlamento, più un certo numero di ex parlamentari e di esponenti politici di rilievo locale, nonché personaggi che, se in apparenza sembrano porsi in posizione marginale rispetto al mondo politico propriamente detto, potevano in realtà essere di grande aiuto per i disegni e le attività della loggia, quali appunto segretari personali e capi di gabinetto di Ministri.
Particolare questo da non trascurare, come ha sottolineato il Commissario Andò, perché dimostra l'esistenza di un disegno di penetrazione che identificava determinate situazioni da occupare in ogni modo, quale che fosse il livello al quale si riusciva a pervenire.
L'area degli appartenenti al mondo politico iscritti alla Loggia P2 raggruppa in totale meno di un centinaio di nominativi, tra i quali è dato trovare anche figure di primo piano che ricoprivano incarichi di rilievo quali ministro, segretario di partito, capogruppo parlamentare, responsabile di importanti uffici di partito.
La Commissione ha ascoltato membri ed ex membri del Parlamento, registrando una generale forma di diniego sull'appartenenza alla Loggia P2 - sola eccezione, quella dell'onorevole Cicchitto - sulla quale non si ritiene in questa sede di esprimere giudizio diverso da quello già formulato in via generale in ordine al problema della autenticità ed attendibilità degli elenchi. In conformità, infatti, alle premesse generali del presente lavoro, nessuna disamina particolare dei dati concernenti le varie iscrizioni è stata sin qui operata, né per singoli, né per categorie unitariamente considerate: analoga scelta viene quindi adottata, anche per evidenti ragioni dì
parità di trattamento, per gli appartenenti al mondo politico, per nessuno dei quali si ritiene di entrare nel dettaglio della specifica posizione e che ai fini della nostra analisi consideriamo come iscritti alla Loggia P2, o comunque come rientranti nella sua orbita di influenza, secondo le conclusioni alle quali siamo pervenuti nel capitolo secondo.
Coerentemente al metodo sinora seguito, cercheremo piuttosto di individuare e descrivere il fenomenoo dei rapporti tra Loggia P2 mondo politico propriamente detto, al fine di accertare se essi siano da interpretare all'insegna di un connotato specifico che ci porti a conclusioni di ordine più generale sulla loggia e sulla personale attività dì Licio Gelli; a tal fine rileviamo, come dato di prima evidenza, che emergono dagli atti alcuni episodi che sono accomunati dalla caratteristica di costituire vere e proprie forme di ingerenza e dì pressione nella vita dei partiti politici, attraverso contatti instaurati con dirigenti anche di primo piano.
In questa direzione emblematica appare la vicenda che vede un iscritto alla Loggia P2, Giampiero Del Gamba, farsi latore, per conto di Gelli, di un messaggio intimidatorio diretto all'onorevole Piccoli.
L'episodio è verosimilmente da porsi in connessione con la presa di posizione pubblicamente assunta dall'onorevole Piccoli, il quale alla fine dell'anno 1980 ebbe a denunciare l'esistenza di una congiura massonica; e testimonia in modo eloquente una determinazione di mezzi e tattiche adottate della quale possono essere forniti ulteriori esempi, anche di maggior respiro.
E’ accertato infatti che vennero esercitate forti pressioni da parte del Salvini - non distinguibile, come abbiamo visto, nel suo operato dal Gelli sotto molti profili - nei confronti del partito repubblicano, in occasione dei congresso tenuto a Genova nel 1975. Il Salvini si fece promotore in quell'occasione di riunioni di massoni iscritti a tale partito sostenendo la necessità di formulare una linea di attacco all'onorevole La Malfa in sede congressuale. Le motivazioni dell'operato del Salvini sono verosimilmente da cercare nel ruolo determinante ricoperto dall'esponente repubblicano nella vicenda sindoniana quando, nella sua qualità di ministro del Tesoro, si era
opposto all'aumento di capitale della FINAMBRO richiesto dal Sindona.
L'episodio genovese costituisce una significativa controprova dei legami tra Gelli e Salvini da un lato, e tra Gelli e Sindona dall'altro, dimostrando che, alla bisogna, Gelli era in grado di mobilitare a tutela dei suoi interessi e delle sue operazioni non solo l'organizzazione da lui direttamente guidata, ma altresì i vertici del Grande Oriente estendendo, loro tramite e grazie la loro connivenza, la propria sfera di influenza ben oltre i limiti propri della loggia.
Altri due episodi di ingerenza nella vita dei partiti sono quelli della scissione del MSI e del tentativo di creazione di un secondo partito cattolico.
L'operazione di scissione del MSI, consumata dal gruppo di Democrazia Nazionale, sembra si possa collocare nell'ambito delle previsioni politiche formulate nel piano di rinascita democratica, nel quale si fa riferimento ai democratici della Destra Nazionale.
L'operazione fu inizialmente proposta al Presidente dal partito, poi uscito dallo stesso nel 1974, onorevole Birindelli, che figura assieme ad altri membri del suo partito - rimasti nel MSI dopo la scissione - tra gli iscritti alla Loggia P2 e che ha ammesso, in sede di testimonianza giudiziaria, di aver non solo conosciuto il Gelli, ma di aver da questi ascoltato discorsi relativi alla opportunità di
una "contrapposizione alla linea politica della segreteria, per poi arrivare alla scissione ed eventualmente alla promozione di un ampio gruppo nel quale avrebbero potuto convergere esponenti di altri partiti tra cui liberali e DC".
Si deve in proposito sottolineare la coincidenza tra tale assunto e il piano di rinascita democratica, laddove si afferma: "...usare gli strumenti finanziari stessi per l'immediata nascita di due movimenti l'uno...e l'altro sulla destra (a cavallo fra DC conservatori, liberali e democratici della Destra Nazionale)".
Sono queste indicazioni programmatiche che trovano puntuale riscontro, oltre che nella vicenda del MSI-Destra Nazionale, nell'operazione documentata dal fascicolo di intercettazioni, conosciuto sotto la sigla M.FO.BIALI, dal quale emerge una esauriente ricostruzione del tentativo di dar vita ad un secondo partito cattolico, di stampo conservatore, finanziato attraverso non chiare
operazioni di importazione di greggio dalla Libia.
L'operazione, attesa anche la qualità delle persone coinvolte, sembra scarsamente credibile nel suo complesso, ma va valutata nel contesto delle tecniche intimidatorie proprie della Loggia P2 ed interpretata, pertanto, piuttosto come un segnale di preciso contenuto politico diretto verso quel partito.
Il documento, frutto di una operazione condotta dai Servizi segreti, meriterebbe una trattazione a parte, sia per la sorte riservatagli - finisce tra l'altro in mano al giornalista Pecorelli - sia per l'allarmante spaccato di corruzione e di infedeltà alle istituzioni (in esso sono pesantemente coinvolti ufficiali di rango superiore quali l'ex comandante generale della Guardia di Finanza, generale Giudice) che lascia intravedere. Ai nostri fini quello che preme rilevare è la documentazione di una operazione di preciso segno politico, puntualmente inquadrata in quella strategia di medio e lungo termine formulata dal piano di rinascita democratica.
Secondo gli esempi documentali sinora illustrati, appare come, da parte della Loggia P2, si delinei un approccio nei confronti del sistema dei partiti che non recede dall'uso di mezzi di aggressione sia diretta - con l'esercizio di attività a carattere intimidatorio - sia indiretta, tentando la via dei condizionamento interno (ingerenza nella vita degli organi direttivi) ed esterno, attraverso la creazione di poli alternativi concorrenziali.
L'onorevole Craxi ha del resto testimoniato alla Commissione che il Gelli – fattosi ricevere da lui all'inizio degli anni Ottanta – non si peritò di affermare di essere a capo di un'organizzazione in grado di influire sulla sorte del capo dello Stato. Questa affermazione si può collegare a quanto dichiarato dal senatore Leone alla Commissione e cioè di aver avvertito in varie occasioni, nell’esercizio del suo mandato di Presidente della Repubblica, un'azione di condizionamento sulle cui origini egli non aveva notizie sicure, ma che riteneva di poter far risalire ad ambienti dei Servizi segreti, rilevando che solo a posteriori ha potuto rendersi conto della presenza, intorno a lui, di persone non completamente affidabili.
L'individuazione di questa metodologia non esaurisce peraltro l'analisi del fenomeno che vede, accanto ai mezzi di pressione indicati, modelli di ingerenza e di intromissione più suasivi, seppure di non minore efficacia.
Così ad esempio è dato trovare tracce di attività di finanziamento a singoli esponenti politici nelle deposizioní di Angelo Rizzoli e Bruno Tassan Din che inducono a ritenere come la Rizzoli, soprattutto nell'ultimo tumultuoso periodo del suo intreccio con la Loggia P2, abbia in qualche modo adempiuto la funzione di centrale per operazioni di pubbliche relazioni nel confronti dell'ambiente politico. Una rappresentazione questa non priva di verosimiglianza, tenuto conto delle difficoltà nelle quali si dibatteva il gruppo e della portata dei disegni di espansione progettati ed attuati all'insegna di una operazione che, per i suoi connotati di immediata valenza politica,
non poteva non suscitare l'attenzione della classe dirigente.
Né mancano in atti documenti che ci illustrano attività di sostegno e di intervento in occasione di competizioni elettorali. Questa forma di esercizio di solidarietà è riferibile in primo luogo alla massoneria in via generale, come ci dimostrano le lettere rinvenute presso varie famiglie massoniche contenenti l'invito agli iscritti ad esprimere il loro voto preferenziale per i fratelli candidati.
La generalità del fenomeno è rilevata in particolare dalla lettera con la quale il Gran Maestro di una famiglia di minore importanza, Vigorito, invita gli iscritti a votare per il Cosentino (indicato come grado 33), pur non risultando lo stesso agli atti come appartenente a quella famiglia. Può dirsi pertanto in armonia con una tendenza generalizzata e solidamente radicata nel costume massonico il Gelli quando ci appare come finanziatore della campagna elettorale di candidati democristiani e socialisti in Toscana.
Va infine ricordato che la stessa opera di reclutamento operata nell'ambito dei partiti, testimoniata dagli elenchi, costituisce una indubbia forma di ingerenza la cui portata in ordine agli effetti non siamo in grado di valutare, ma la cui consistenza è dato di evidenza immediata.
http://www.strano.net/stragi/tstragi/relmp2/rel21p2.htm
http://members.xoom.virgilio.it/desnaz/DestraNazionale.htm

http://italy.indymedia.org/news/2002/12/132366_comment.php#132428
L’OMICIDIO DI SAMUELE E L’IPOTESI ESOTERICA
http://cosco-giuseppe.tripod.com/esoterismo/samuele.htm

Jack lo Squartatore e il Mostro di Firenze: inquietanti analogie
http://cosco-giuseppe.tripod.com/esoterismo/jack_lo_squartatore.htm

IL MOSTRO DI FIRENZE:la pista esoterica
http://cosco-giuseppe.tripod.com/esoterismo/il_mostro_di_firenze.htm
http://www.aspide.org/sommario.htm


INDAGINE SUL SATANISMO IN CALABRIA
http://cosco-giuseppe.tripod.com/mitologia/doc19.htm

C’E’ UN LEGAME TRA EFFERATI OMICIDI SERIALI E LE IDEOLOGIE SATANICHE? FORSE SI.
http://cosco-giuseppe.tripod.com/mitologia/serial_killer.htm
http://italy.indymedia.org/news/2002/12/132384.php

-----------------------------------
http://cosco-giuseppe.tripod.com/mitologia/sesso.htm
Intervista a Giuseppe Cosco tratta da "Il Quotidiano" (della Calabria) di mercoledì 10

http://italy.indymedia.org/news/2002/12/132625.php

Altri crimini atroci !
Nei quali sarebbero coinvolte logge maSSoniche,cosche malavitose (la banda della 1 bianca),P2,serVIZI segreti(servi dei loro stessi VIZI a quanto pare:e poco segreti,tanto poSSono agire in tutta e sfacciata impuni´tá!) ;o(

Leggetevi i seguenti articolini dai:

http://italy.indymedia.org/news/2002/12/132340_comment.php#132572

Affiora un mosaico di orrori
http://www.italy.indymedia.org/news/2002/12/132433.php

EMANUELA ORLANDI
http://italy.indymedia.org/news/2002/12/132442.php

Vi piacciono le notizie 'forti'?
http://www.lapadania.com/1998/giugno/26/260698p02a3.htm
http://www.italy.indymedia.org/news/2002/12/132433.php

volete una notizia 'schok'?
http://www.strano.net/stragi/tstragi/relmp2/index.html
http://www.italy.indymedia.org

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
belle foto da cammorrista
by io non lo appoggio mica uno come lui Tuesday June 22, 2004 at 06:28 PM mail:  

per me nessuno ha scancellato le sue skede, per me gli elettori, QUELLI ke ERANO I SUOI STESSI PROVATI E FIDI ELETTORI, lo hanno voluto cancellare con un voto, IL loro stesso voto!

diritto innegabile che anche io esercitero' indefessamente

vota con me vota centro sinistra ai ballottaggi

vicini all'Europa,
distanti dall' Amerika http://italy.indymedia.org/news/2004/05/553561.php

http://italy.indymedia.org/news/2004/06/574530_comment.php#574538

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9