Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Arrestati 7 anarchici, «sono terroristi»
by dal manifesto Saturday, May. 21, 2005 at 11:50 AM mail:

Ai domiciliari sono finiti esponenti del circolo Fraria di Cagliari. Il teorema di Pisanu.

«Mi auguro che l'operazione di oggi consenta alla magistratura di individuare i legami organizzativi e i programmi operativi che possono qualificare i cosiddetti gruppi di affinità degli anarco-insurrezionalisti come vere e proprie associazioni eversive». La Digos e i Ros arrestano anarchici in Sardegna, in Liguria, in Lazio e in Puglia e Giuseppe Pisanu va subito oltre. Non solo loda polizia e carabinieri, cosa che da un ministro dell'Interno ci si può aspettare, ma traccia anche la strada per il futuro lavoro dei giudici. E qui la cosa è un po' più irrituale, dato che la magistratura conserva ancora la sua autonomia. «La conferma dei magistrati - dice Pisanu, - sarebbe un altro importante passo in avanti nella lotta al nuovo terrorismo interno che le forze dell'ordine stanno sviluppando». L'invito di Pisanu ai magistrati è arrivato ieri al termine di un'operazione, partita da indagini avviate dalla procura distrettuale e dalla Digos di Cagliari, tra gruppi anarchici e dell'area antagonista. Sono state arrestate sette persone, accusate di aver promosso, costituito e organizzato un'associazione sovversiva. Agli arresti domiciliari sono finiti ****, 26 anni di Foggia, ****, 33 anni di Genova, ****, 40 anni di Dolianova, ****, 34 anni di Cagliari, ****, 35 anni di Barisardo, ****, 47 anni di Cagliari e ****, 44 anni di Cagliari. Tutti iscritti al circolo anarchico «Fraria» di Cagliari. Nel corso dell'operazione, Digos e carabinieri hanno perquisito cinquantesei appartamenti, in Sardegna, a Roma, a Viterbo, a Genova e a Foggia. A parte gli arrestati, altre 19 persone sono state denunciate per reati minori: attitività di propaganda e proselitismo. L'episodio da cui è partita l'indagine risale al 2 ottobre del 2003, quando alla stazione dei carabinieri di Stampace, nel centro storico di Cagliari, fu inviato uno dei tre pacchi-bomba recapitati in quello stesso giorno (gli altri due furono inviati al ministero del lavoro e alla sede di rappresentanza della Regione Sardegna a Roma). Digos e Ros hanno citato altre tre date: il 16 marzo 2004, quando a Cagliari fu bruciata un'auto dei carabinieri; il 20 marzo dello stesso anno, quando nel corso di una manifestazione furono lanciati slogan contro i militari morti a Nassyria; il 12 giugno sempre 2004, quando a Quartu, città a pochi chilometri da Cagliari, fu fatta esplodere una bomba a basso potenziale nella sede di Forza Italia. In quest'ultima occasione, la polizia aveva fermato tre iscritti al circolo «Fraria»: ***********.
Tutti e tre sono nell'elenco degli arrestati di ieri. «Abbiamo trovato», ha detto Loris Anchesi, comandante provinciale dei carabinieri, «una serie di riscontri a ipotesi investigative che avevamo già avviato. Lo stesso arresto, il 3 febbraio dello scorso anno, di un giovane, ****, che si è assunto la responsabilità di attentati e di atti intimidatori rivendicati da sigle anarchiche, rientra in questo filone». Tanto basta a far scattare l'allarme terrorismo e l'accusa di associazione sovversiva: il pacco bomba, un'auto bruciata, slogan durante un corteo, il rudimentale ordigno contro la sede di Forza Italia e la confessione di Farris. Queste sono le azioni che, secondo le parole di Pisanu - il teorema Pisanu - «possono qualificare i cosiddetti gruppi di affinità degli anarco-insurrezionalisti come vere e proprie associazioni eversive». Ora la parola passa ai giudici.



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 2 commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
anarco el paso Thursday, May. 11, 2006 at 12:29 PM
Liberi tutti Per pisanu Saturday, May. 21, 2005 at 11:14 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9