Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Bloccata la linea ferroviaria. Il posto di lavoro non si tocca!
by Paola Station Saturday, Jul. 16, 2005 at 5:07 PM mail:

Dalle 15.40 i binari della Stazione Ferroviaria di Paola sono occupati, in difesa del posto di lavoro per gli operai dello scalo merci di vaglio lise (cosenza). E' stato fatto il volantinaggio per sensibilizzare gli utenti e i cittadini.

PER LA DIFESA DEI POSTI DI LAVORO E PER IL DIRITTO ALLA MOBILITA'

La giornata di mobilitazione di oggi è organizzata per frenare la chiusura dello scalo merci di cosenza e difendere i posti di lavoro a rischio. Lo scalo e l'intera rete ferroviaria della nostra provincia rappresentano, nei piani di Trenitalia, dei “rami secchi” da tagliare. Queste scelte favoriscono esclusivamente il trasporto privato su gomma e mettono a rischio centinaia di posti di lavoro.
La lotta di Vagliolise, cominciata nell'indifferenza generale, comincia ora a trovare appoggi nella città ed in provincia; si è formato un comitato di lotta con la partecipazione di diverse realtà del territorio; si sta aprendo una prospettiva più favorevole per creare attorno a questa vertenza un vasto fronte di soldarietà. La manifestazione di Paola è un primo, importante passo in questa direzione.

Siamo coscenti che potremo vincere questa battaglia se sapremo unire la decisione nellla mobilitazione alla capacità di allargare il fronte. La scelta di Trenitalia si inserisce in un piano generale di vero e proprio abbandono del trasporto su ferro nella provincia di Cosenza: una provincia che conta 750.000 abitanti, con enorme bisogno di mobilità (a partire dalla presenza dell'università con migliaia di studenti fuori sede) e che rischia di non avere più un vero collegamento ferroviario ne per le merci, ne per i passeggeri. La più importante trasversale calabrese (la Paola-Cosenza-Sibari), dopo gli enormi investimenti del passato, non rientra più nei progetti di Trenitalia, nonostante rimanga la tratta più vantaggiosa per collegare lo Ionio con il Tirreno, Gioia Tauro con Taranto. Il Ministero dei Trasporti pensa ad investire centinaia di milioni di euro nei binari del fantomatico ponte sullo stretto, mentre nel resto della regione assistiamo alla chiusura di stazioni, ridimensionamenti degli organici, mobilità forzata per centinaia di ferrovieri. Nella sola stazione di Paola, negli ultimi dieci anni , lavorano 700 ferrovieri in meno!

Questa lotta si inserisce in un contesto occupazionale sempre più drammatico. È di questi giorni la notizia che la PoltiSud, fabbrica di circa 200 dipendenti situata a Rogliano, dopo aver messo in cassa integrazione 190 lavoratori sta tentando di smantellare i macchinari ed ha addirittura rifiutato di pagare gli anticipi ai dipendenti. Gli operai della Polti si erano resi protagonisti circa un anno fa di una dura lotta conclusasi vittoriaosamente contro il licenziamento di tre lavoratori, fra i quali un delegato Fiom.
Oggi la Polti, dopo aver incassato milioni di euro di contributi pubblici per la costruzione della fabbrica (Legge 488/92), si appresta a smantellare spostano la produzione verso paesi più “convenienti”, unendo all'tile economico anche la volontà di farla pagare a quegli operai che avevano osato alzare la testa durante quei 15 giorni di sciopero ad oltranza. I lavoratori stanno riunendosi per discutere come rispondere; un primo passo è la presenza dei delegati della Polti alla manifestazione di oggi.

È quindi decisivo che si prosegue sulla strada intrapresa: creare un fronte cche unifichi le diverse vertenze per il lavoro nella regione, rompere l'isolamento e la frammentazione e mettere in campo una lotta generale che possa fermare un padronato predatore che della nostra regione sta facendo un vero e proprio deserto industriale.

La manifestazione proseguirà con una assemblea pubblica presso il dopolavoro ferroviario di Paola.

Comitato di lotta per Vaglio Lise
(Lavoratori scalo commerciale – Federazione Provinciale Rifondazione Comunista – la Kasbah – Filt CGIL – Slai Cobas – Sult – Unicobas)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 2 commenti visibili (su 2) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
occupare la fabbrica! operaio Tuesday, Jul. 19, 2005 at 8:28 PM
okkupiamo_la_ferrovia S Sunday, Jul. 17, 2005 at 10:34 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9