Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
aggiornamenti sciopero della fame cpt di Pian del Lago(Cl)
by Rete Antirazzista Siciliana Saturday, Jul. 23, 2005 at 1:00 AM mail:

Aggiornamento del 21 luglio sullo scipero della fame.



Oggi è il terzo giorno di digiuno per Nicola.
E' in condizioni di salute buone, nonostante il caldo molto pesante nelle
ore centrali della giornata. Ieri è stato visitato da un medico.
Da ieri 140 migranti trattenuti dentro il CPT di Pian del Lago hanno iniziato
lo sciopero della fame. Facciamo appello ai parlamentari affinchè una delegazione
faccia ingresso nel CPT per verificare le condizioni di salute e di trattamento
delle persone in sciopero.

I mezzi d'informazione pare che tendano a tenere la sordina sul presidio e sullo sciopero della fame. E' uscito un articolo sul Giornale di Sicilia di ieri, edizione nissena, in cui non si fa cenno al digiuno ma solo ad un generico presidio. Nulla sui quotidiani nazionali fino ad oggi, persino "il manifesto", nonostante i ripetuti solleciti, non ha ancora dato spazio alla notizia, neppure nella sezione Lettere. Preghiamo tute le persone raggiunte da questa mail di darsi da fare per diffondere il più possibile le informazioni sullo sciopero della fame intrapreso da Nicola e dai fratelli migranti, anche e soprattutto fra gli asilanti e i richiedenti asilo, i rifugiati, migranti in attesa di riconoscimento dello status di rifugiati e i migranti
tutti in genere.


Aggiornamento del 18 luglio sullo sciopero della fame.

Dal 19 al 30 luglio la protesta si svolgerà davanti al CPT di Pian del Lago a Caltanissetta. Dal 31 luglio al 6 agosto sarà invece a Licata, in collaborazione con il campeggio della Ras, con presidio nei pressi della capitaneria di porto dove vengono convogliati i migranti appena sbarcati. Dal 7 agosto in poi, se non si sarà ottenuto ancora nulla, si deciderà se e dove continuare lo sciopero della fame e la protesta.

Da Lecce a Milano, da Bologna a Torino... scioperi della fame, proteste, presidi contro i CPT, la legge Bossi-Fini e le deportazioni in Libia. E' l'ora di dare tutta la nostra energia per farli chiudere e per cambiare la politica disumnana del governo italiano.
Basta carceri, botte e umiliazioni. Dopo la fame e il saccheggio dei paesi del sud, ora l'espulsione e la prigione.
Dal 19 luglio inizierò uno scippero della fame di minimo 20 giorni davanti al CPT di Pian del Lago a Caltanissetta. Sto cercando altre persone che digiunino con me e altri che partecipino al presidio permanente fino alla chiusura
dei CPT (turni, presenza continua, iniziative).
Musicisti, teatranti, danzatori, attivisti, famiglie per creare una forte opposizione capace di ottenere i nostri giusti obiettivi.
Perchè lo sciopero della fame' Perchè è una delle vie che abbiamo per testimoniare quanto il nostro sistema (il governo, le multinanzionali e il nostro stile di vita complice dei primi due) stia affamando, lasciando morire, incarcerando l'umanità.
E' un grido di disperazione per dire batsta, buttare sotto gli occhi di tutti l'assurdità di questa legge, l'assurdità dei CPT, delle deportazioni e di questo sistema economico e sociale che sta dietro.
Provare la fame, la debolezza, la paura e l'impotenza di chi è dentro, di chi è perseguitato e deportato, provare tutto ciò affinchè nessuno debba più provarlo.
Per essere concreti, c'è bisogno di:
a) Persone che mi accompagnino nello sciopero della fame.
Ottimo sarebbe ci fosse uno o più migranti che hanno già ottenuto una situazione legale stabile (asilo politico per esempio);
b) Persone che stiano al presidio permanente magari a turno.
Sono graditi musicisti che possano animere le giornate e le serate, dare fotrza alla lotta, addolcire le ore dei fratelli e sorelle rinchiusi nel CPT.
Teatranti, danzatori, artisti che facciano sensibilizzazione a Caltanissetta e nei dintorni (si potrebbe magari scrivere un testo per una petizione popolare da far firmare).
Importantissimo che tutti coloro che vogliono partecipare comunichino le adesioni, i tempi e i modi di partecipazione e di presenza alla mail qui sotto;

Una storia per animarci (liberamente tratta da 'Vene aperte dell'America Latina' di Eduardo Galeano)
Nel 1977, 14 donne e 4 bambini delle miniere boliviane arrivarono a La Paz per fare uno sciopero della fame e ottenere la liberazione dei prigionieri politici, migliori condizioni di vita per i minatori, il reintegro dei minatori
licenziati e il rientro degli esuli politici. In piena dittatura di Hugo Banzer tutti li sconsigliarono e li invitarono a scegliere un momento più opportuno. Loro risposero che non erano venuti a chiedere un parere e che tanto morivano di fame tutti i giorni nella miniera... dopo una settimana 1400 studenti, operai, contadini, donne e uomini si erano uniti allo sciopero della fame e il governo dovette cedere a tutte le loro richieste.


La scelta del 19 luglio è dovuta al fatto che siamo in piena estate e quindi è un buon momento per coinvolgere persone.
Il 19 luglio è anche una data augurale in quanto è l'anniversario della rivoluzione sandinista, una rivoluzione piena di amore, entusiasmo e dedizione.
Che tutti gli esseri siano felici.

Nicola Arboscelli (libero contadino in Sicilia, cooperante internazionale in Messico, Nicaragua, Palestina - su Palestina vedi "il manifesto" del 12 Aprile 2003 )

mail to: ramaribia@tiscali.it
stefanopalermo@katamail.com

Adesioni pervenute:
padre Baldassare Meli
padre Alex Zanotelli
Laici Comboniani
Centro sociale S.Saverio, Palermo
Agnese Ginochio, cantautrice, Movimento non violento, Caserta
Enrico Caldara, San Biagio Platani
Fernando Grassi, Palermo
Massimo Lo Cascio, Palermo,
Vincenzo Mercurio, Palermo
Associazione Ellai Illai ' Per un mondo senza Frontiere
Federazione Anarchica Siciliana
Rete Antirazzista Siciliana
Cobas Caltanissetta

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9