Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[Milano] Estratti dall' ordinanza del GIP
by zitkjz Wednesday, Mar. 15, 2006 at 3:06 PM mail:

Hanno tutte le intenzioni di non fare il minimo sconto. Gli avvocati della difesa avranno un bel da fare e si mette male anche in generale, perché qui si crea un precedente pericolosissimo soprattutto per via del costrutto della premeditazione e dell' ipervalorizzazione del concorso morale... un problema anche per i 25 di Genova.


Un giovane è stato scarcerato

Scontri a Milano, convalidati i 35 arresti

La decisione dei due gip, Panasiti e Manzi: «Fatti di estrema gravità».

Il difensore: «Serviva un approfondimento sui singoli casi»


Il gip Mariolina Panasiti ha convalidato l'arresto e disposto la misura cautelare in carcere per tutti e 17 gli arrestati sabato scorso in seguito agli scontri in corso Buenos Aires, di cui ha esaminato la posizione. «Sconcerta il fatto che il gip abbia emesso un provvedimento unitario rispetto sia ai gravi indizi sia alle esigenze cautelari in una situazione che meritava un diverso e specifico approfondimento individualizzato» ha detto l'avvocato Mirko Mazzali, uno dei difensori. Il legale ha annunciato il ricorso al Tribunale del Riesame contro il provvedimento del giudice Panasiti.

Per gli altri 18 arrestati, l'esame delle posizioni e il relativo provvedimento sono stati valutati dall'altro gip Enrico Manzi, che, pur convalidandone l'arresto, ha disposto la scarcerazione di un giovane mentre per gli altri 17 ha ordinato la custodia cautelare in carcere. È quanto emerge dal provvedimento di 16 pagine firmato dal giudice in cui ha sottolineato che «i fatti descritti nelle relazioni di servizio e negli atti sono di estrema gravità e denotano la pericolosità sociale dei soggetti che ne sono responsabili». Secondo il magistrato «non appare attenuato il giudizio sulla loro pericolosità, essendo evidente la loro accettazione di un metodo di lotta politica violenta e la conseguente partecipazione a futuri, possibili, gravi episodi di attentato all'ordine pubblico e all'incolumità dei cittadini».

Il gip ha detto che la persona scarcerata è incensurata, senza precedenti di polizia e impegnato in regolari attività lavorative e che è stato arrestato nel corso di un episodio collaterale a disordini in corso Buenos Aires. Il gip Manzi nella sua ordinanza ha poi osservato che «solo il caso ha evitato che le incredibili violenze commesse ai danni di persone e cose (basti per tutti il lancio di razzi contro i carabinieri, la distruzione di vetrine, le bombe carta con chiodi, l'incendio appiccato e propagatosi a un edificio) non abbiano comportato conseguenze ben più dolorose di quelle evidenziate dai rapporti di polizia». Tutti i 35 giovani arrestati sono accusati a vario titolo di concorso in devastazione, incendio e resistenza a pubblico ufficiale.

Le persone arrestate per la manifestazione e gli scontri in corso Buenos Aires «hanno palesato una eccezionale animosità e una singolare volontà di contrasto alle autorità, all'ordine costituito, alle leggi, alla pacifica convivenza», si legge nel provvedimento firmato dal gip. Il giudice ha considerato sussistente nella sua «estensione massima l'esigenza cautelare specificamente connessa alla necessità di scongiurare la reiterazione ad opera degli arrestati di ulteriori azioni delittuose dello stesso genere di quella per la quale si è verificato l'arresto».

Nell'ordinanza si sottolinea anche l' «estrema gravità delle modalità esecutive delle azioni realizzate». Pertanto il giudice ha sottolineato che i giovani hanno avversato «con mezzi particolarmente insidiosi e pericolosi per la vita e l'incolumità altrui, tra costoro non esclusi principalmente i cittadini che transitavano a quell'ora in una zona particolarmente affollata della città di Milano, gli appartenenti alla Polizia di Stato, ma anche ai Carabinieri, che tentavano di ripristinare l'ordine, il rispetto delle leggi e delle prescrizioni dell'autorità». Il giudice ha inoltre osservato che le persone finite in carcere hanno dimostrato «di non saper o voler in alcun modo conformarsi al rispetto delle leggi». Pertanto, continua il giudice, da un lato «si pone come irrinunciabile la esigenza di approntare la collettività di adeguati sistemi di difesa dal pericolo di reiterazione di condotte criminali del medesimo gravissimo genere» e dall'altro che «nessun ragionevole affidamento può farsi sulla spontanea osservanza degli obblighi e della Legge da parte di alcuni degli arrestati».

Nel provvedimento si osserva anche che «tutti gli odierni indagati devono ritenersi raggiunti da univoci elementi di colpevolezza in riferimento alle singole incolpazioni» e che la manifestazione di protesta deve ritenersi essere stata programmata «alla luce della osservata contemporanea partenza dei numerosi gruppi dalle rispettive sedi, della direzionalità degli stessi verso un unico punto di ritrovo, del distacco dal gruppo più numeroso di un gruppo più contenuto di persone che poi si sono date alle azioni di devastazione e di incendio, infine, della predisposizione di materiale incendiario esplosivo che i vari manifestanti portavano con loro». Infine il provvedimento precisa che l'esistenza delle esigenze cautelari è connessa anche a una ulteriore acquisizione di materiale probatorio «la cui genuinità deve essere garantita» anche per la necessità di «individuare altri personaggi che hanno preso parte ai disordini».

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 10 commenti visibili (su 20) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
innocenti fuori pablo Tuesday, Mar. 28, 2006 at 2:40 PM
X il delfino "rosso" skin Monday, Mar. 27, 2006 at 5:34 PM
Ma che manifestanti agitati.... RedDolphin Sunday, Mar. 26, 2006 at 5:48 AM
carne da macello robi Friday, Mar. 24, 2006 at 8:50 PM
perkè?? fabio psg Thursday, Mar. 23, 2006 at 1:13 PM
coglione noi rappresentiamo il proletariato, loro la borghesia bruno Tuesday, Mar. 21, 2006 at 6:25 PM
Milano..che giustizia sia fatta Lycan|Bologna Tuesday, Mar. 21, 2006 at 2:44 PM
milano 2 bastardo dentro Sunday, Mar. 19, 2006 at 6:16 PM
isolano o isolato? onairalpha Thursday, Mar. 16, 2006 at 2:37 AM
ma come parli? siculo Wednesday, Mar. 15, 2006 at 7:46 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9