Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
Da una favela di Pisa alla deportazione a Roma
by ................ Thursday, May. 04, 2006 at 7:09 PM mail:

Da Liberazione del 1/5/2006

Da una favela di Pisa alla deportazione a Roma. Storia
di una migrante di 20 anni


«Sono incinta». Ma nel Cpt nessuno crede a Liuba

Checchino Antonini

Quando è arrivata a Ponte Galeria stava male.
Vomitava. Le hanno fatto un test di gravidanza e poi due pasticche per farla dormire. Ma lei - che per “delicatezza” chiameremo Liuba - è stata ancora male.
Perdite di sangue e di un «grumo di carne». Sta ancora male, Liuba, e forse ha perso il bambino che aspettava.

Vent’anni, vivere in un campo rom vicino Pisa, imbattersi nello sgombero sbrigativo di polizia del 20 aprile scorso e finire, un paio di giorni dopo, in un Cpt nella campagna romana. Grazie alla Bossi-Fini, quella di Liuba è una storia che si può racchiudere in una frase. Con un foglio di via che la rispedirà in Romania dopo l’inferno di ferro e cemento del Cpt. Ma poteva finire meglio se il giudice di pace avesse tenuto conto di un certificato medico datato 24 marzo e che le assegnava un’«elevata probabilità di gravidanza in atto». Perché Liuba, e ogni donna nelle sue condizioni, in un Cpt non ci dovrebbe proprio finire.

Probabilmente, all’epoca, era incinta da sette-dieci giorni. Il periodo a maggiore incidenza di aborto spontaneo. L’85% dei casi avviene in questo periodo per anomalie del prodotto del concepimento, per alterazioni cromosomiche, disordini ormonali, infezioni della mamma. O per stress, spesso attraverso l’instaurarsi di patologie intercorrenti. La letteratura scientifica non lascia spazio all’immaginazione. L’accademia nazionale delle scienze comportamentali degli Usa sostiene che, all’inizio della gravidanza, lo stress subito dalla madre triplica il rischio. E stress, nella piccola storia di Liuba, è quel trasferimento in cellulare da Pisa all’estrema periferia tra Roma e Fiumicino dove sono state innalzate le gabbie per migranti di Ponte Galeria. Un lungo viaggio finito nell’ambiente sovraffollato e scarsamente igienico di un “normale” Cpt.

Il risultato del test di gravidanza effettuato nel “lager” romano sarebbe negativo. Francesco Martone, senatore di Rifondazione, ha provato a vederci chiaro recandosi sabato scorso nel Cpt. Ma non ha potuto visionare la cartella clinica di Liuba non si capisce se perché mancava il capitano della Croce rossa responsabile del servizio medico o se perché i regolamenti non consentirebbero l’accesso alle carte.
«Però, neanche la ragazza ha avuto accesso alla certificazione del test», conferma Martone al quale è stato riferito che le pasticche per dormire sarebbero una consuetudine per gli “ospiti” del centro. Anche 60 gocce di Valium al giorno, dice un rapporto dell’organizzazione Medici dal mondo. 60 gocce quando il massimo consentito, senza prescrizione medica specifica, sarebbe un quarto: 15 gocce. «Liuba non sta bene - continua Martone - è ancora stanca, ha mal di pancia e non mangia». Dopodomani Martone tornerà nel Cpt con la collega Elettra Deiana per un’ispezione particolareggiata dell’intera struttura dove, attualmente, sono rinchiuse 225 persone, 125 delle quali donne. La direzione prova a mettere le mani avanti contro le tante «trattenute» che dichiarebbero gravidanze false, condizione che inibirebbe la reclusione nel Cpt. Ma, intanto, il servizio sanitario del centro non prevede visite ginecologiche.

La vicenda di Liuba è arrivata a Roma grazie alla
segnalazione ad Action, agenzia diritti, da parte dell’associazione pisana Africa Insieme. Liuba era seguita dallo sportello Mezclar, ambulatorio migrante. Action ha subito preparato un esposto alla magistratura per chiarire cosa sia davvero accaduto a Liuba dal momento dello sgombero in poi. E di chi siano le responsabilità nella catena di decisioni - di questura di Pisa, giudice che ha convalidato il fermo, questura di Roma e funzionari del Cpt - che ha “trattenuto” una ventenne che risulta incinta da un certificato di una struttura sanitaria pubblica.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
comunicato stampa Pisa 4/5
by ... Thursday, May. 04, 2006 at 7:45 PM mail:

Agli Organi di Stampa

Oggetto: Ragazza rumena illegalmente espulsa senza averne accertato lo stato di gravidanza.

In questi giorni abbiamo assistito ad un episodio di eccezionale gravità: una giovane donna incinta, di nazionalità rumena, è stata trattenuta in Questura per un controllo sui documenti, quindi inviata al Centro di Permanenza di Roma per essere espulsa benchè la legge vieti espressamente l’espulsione per le donne in stato di gravidanza. Questi, in estrema sintesi, i fatti.
Il 20 Aprile scorso, agenti della Polizia Municipale e della Questura hanno effettuato un controllo presso l’abitazione della ragazza: si tratta di una baracca alla periferia della città, senza acqua potabile, corrente elettrica e servizi igienici. Un luogo dove una donna incinta non dovrebbe abitare, che forse avrebbe meritato un intervento dei servizi sociali e degli uffici casa del Comune, più che della Polizia.
La giovane donna, poco più che maggiorenne, non aveva il permesso di soggiorno, ma ha detto subito di essere incinta: è stata ugualmente accompagnata alla Questura per accertamenti. Ha mostrato un certificato medico, rilasciato dall’Ospedale S. Chiara di Pisa, dove era scritto chiaramente che con tutta probabilità si trovava nelle prime settimane di gravidanza, e che doveva sottoporsi ad ulteriori visite. Il certificato è stato ignorato dagli agenti in servizio, e per la donna è scattata l’espulsione.
La ragazza è stata accompagnata al Centro di Permanenza di Ponte Galeria a Roma, in attesa di sbrigare le formalità burocratiche necessarie per il rimpatrio. L’equipe medica dell’Associazione Mezclar, in un parere, ha spiegato che «il trasferimento nel Cpt di Ponte Galeria, senza aver accertato lo stato di gravidanza, ha esposto la ragazza ad un rischio per la sua salute e quella dell’eventuale bambino». Infatti nel primo periodo di una gravidanza quando è più alto il rischio di aborto e quando si consiglia il riposo, la ragazza è stata sottoposta al lungo viaggio verso Ponte Galeria, al sovraffollamento e alle dubbie condizioni igieniche del CPT, nonché ad un elevato livello di stress psico-fisico che sappiamo aumentare ulteriormente il rischio di un’interruzione di gravidanza.
Africa Insieme ha prontamente inviato il certificato medico al Centro di Permanenza. Qui, si è proceduto ad un giudizio sommario, senza la presenza di un avvocato e di un traduttore: il Giudice ha autorizzato l’espulsione, subordinandola però ad un ulteriore accertamento sullo stato di gravidanza. Il personale del Centro li ha comunicati a voce alla ragazza, di nuovo senza la presenza di un traduttore: “mi hanno detto che non sono incinta”, ci ha raccontato piangendo al telefono, “ma solo raffreddata”.
Grazie all’intervento dell’associazione romana “Action”, alcuni avvocati e parlamentari hanno fatto visita alla ragazza: l’hanno trovata spaventata e in pessime condizioni di salute. Al senatore Francesco Martone ha raccontato alcuni fatti ancora da chiarire, su cui sarà presentato nei prossimi giorni un esposto alla Procura della Repubblica. Infatti la ragazza durante la sua detenzione nel CPT ha accusato forti dolori addominali e un’emorragia importante in concomitanza con l’assunzione di farmaci somministrati alla ragazza dal personale medico del CPT , senza che lei capisse cosa stesse prendendo. Rimane da chiarire quale sia stato la causa clinica del suo malessere, il perché questo evento non sia stato indagato clinicamente, che farmaci abbia assunto, ma al momento risulta impossibile dato che né la ragazza, né il suo legale, anche in presenza del senatore Martone, sono riusciti a prendere visione della cartella clinica e del risultato del test di gravidanza.
L’unica cosa certa è che avrebbe bisogno di riposo, di accertamenti medici accurati e di un ricovero ospedaliero. La donna è in pericolo per la sua salute e per la sua integrità fisica, ma resta trattenuta al Centro di Permanenza perché su di lei grava un provvedimento di espulsione.
Ci chiediamo come sia stato possibile tutto questo. Abbiamo chiesto spiegazioni alle forze dell’ordine della nostra città, il cui intervento sbrigativo ha portato a queste conseguenze. Il Comando della Polizia Municipale, più volte contattato al telefono, non si è mai degnato di rispondere. Un dirigente della Questura ci ha spiegato che questo comportamento non corrisponde alla normale prassi della Polizia, e che probabilmente c’è stato un fraintendimento tra gli agenti e la ragazza. Vero è, però, che i rimpatri vengono eseguiti in fretta, quasi si trattasse di emergenze di ordine pubblico. In Questura non esistono traduttori, nemmeno nelle lingue più comunemente parlate dagli immigrati (arabo, francese, albanese o rumeno); nel corso delle procedure di espulsione gli stranieri non possono comunicare al telefono con nessuno. Gli avvocati sono contattati direttamente dalla Questura, se il legale di fiducia non si trova dopo il primo tentativo si chiama quello d’ufficio, che spesso non ha interesse ad occuparsi del caso. Come si può pensare che procedure di questo tipo garantiscano i diritti delle persone trattenute?
L’espulsione è stata evidentemente condotta in maniera irregolare e illegale e ha esposto una donna che con molta probabilità era incinta al rischio di un aborto precoce e a problemi di salute che dovranno essere ancora accertati, data la riluttanza del gestore del CPT a rilasciare le dovute informazioni.
Chiediamo quindi al Questore di revocare unilateralmente il decreto espulsivo, senza attendere la decisione del giudice sul ricorso presentato dal legale. In questo modo la ragazza verrebbe immediatamente liberata dal CPT e potrebbe sottoporsi ad accertamenti medici.

Africa Insieme, Ass. Mezclar - Ambulatorio migrante, Laboratorio delle disobbedienze Rebeldía

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9