Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[Cinisi 2006] Uno spaccato di Cinisi al terzo giorno di forum
by imc sicilia - riflessioni ((i))ndyane Monday, May. 08, 2006 at 7:54 PM mail:

.

[Cinisi 2006] Uno sp...
mafiaierioggi.jpgna68cn.jpg, image/jpeg, 800x300

Venendo dall'autostrada, alla sinistra del semaforo si estende il lungo
vialone che spacca Cinisi come una mela tagliata in due. E' la stessa strada
dove abitavano Peppino Impastato e don Tano Badalamenti, con le sue case basse
e gli infissi socchiusi sulla strada. Si estende per più di un chilometro,
sempre retto, puntando verso le montagne che sovrastano l'aeroporto di
Palermo. All'altro capo c'è la piazza, con la chiesa madre di Santa Fara da
un lato e le mura bianche del municipio di fronte.

Il sole di questi giorni lo rende più western del solito: i marciapiedi poco
frequentati, l'aria insonnolita degli avventori dei caffé, gli occhi dietro le
finestre...

Per chi viene da Palermo o da Catania balza davanti un'anomalia. La Sicilia si
prepara al voto regionale del 28 maggio e le città sono tapezzate di manifesti
sorridenti o minacciosi in ogni centimetro quadro, dentro e soprattutto fuori
dei riquadri per la propaganda elettorale. Totò Cuffaro dice dai muri di amare
"la Sicilia che lavora" mentre la Borsellino, più discretamente, pone un
dinstinguo e ci ricorda che la sua è "un'altra storia". E poi ci sono
migliaia e migliaia di candidati al consiglio: belli, brutti, con la faccia da
prete o da delinquente, con gli slogan scontati o a modo loro originali; chi
sconfina nel ridicolo e chi nel patetico; e ci sono anche quelli azzeccati,
quelli che fanno intuire del fior fiore di professionisti (grafici, creativi,
comunicatori, ecc.) presi a noleggio per questo appuntamento irrinunciabile.

A Cinisi tutto questo non è neanche lontanamente immaginabile. In tutto il
corso non si incontra un solo Cuffaro, né tanto meno una Borsellino. Ci sono
solo un paio di balconi che issano il tricolore storpiato di Forza Italia a
fare compagnia alla foto del candidato locale. C'è anche una qualche sede
della sinistra (chissà cos'è? Non ci sono insegne e non si può chiedere perché
è sempre chiusa) al piano bottega con un manifesto logoro dei Ds, uno di
Rifondazione e uno dei Repubblicani europei, ma senza riferimenti alle
imminenti elezioni. A fianco c'è la Margherita, sbarrata anch'essa e con due
poster col fiore, senza altre indicazioni.

Abbiamo chiesto a Salvo Vitale, uno dei compagni di Peppino, se è stato
revocato ai cinicensi il diritto di votare alle regionali. "No, no - risponde
- è solo che qui non ne hanno bisogno. A che gli serve spendersi in propaganda
quando sanno perfettamente come voterà la gente. Umberto, te lo ricordi il
dottor Volpe?". "Certo - gli risponde Umberto Santino, direttore del Centro
siciliano di Documentazione e grande studioso dei fatti di Cosa nostra - come
no? Negli anni '60 il medico democristiano Volpe inventò il controllo
scientifico del voto. Aveva uno schedario con settantamila elettori che
gestiva personalmente lui e la moglie. Capito? Settantamila schede senza
neanche un computer!".

Forse è una spiegazione incompleta. Potrebbe esserci qualcosa anche nel
carattere di questa popolazione che considera il muro bianco qualcosa di
sacro. Per esempio dopo il passaggio del corteo dell'anno scorso, su un muro
tra Cinisi e Terrasini - il paese dove sorgeva la radio - si leggeva
un'innocente "mafia=merda". Oggi c'è solo una macchia bianca, densa al punto
da oscurare perfettamente la vernice sottostante.

E la pratica di ricoprire quello da cui si dissente per sottolineare la
proprio estraneità non appartiene solo a certe aree culturali. Il candidato
all'Assemblea regionale Francesco Cantafia, ha pensato di usare i propri
manifesti per oscurare quelli con il programma del Forum sociale antimafia
nella piazza di Cinisi. Cantafia è l'esponente di spicco in queste zone per i
democratici di sinistra.

Ah già! C'è pure il Forum. Non che la gente se ne sia accorta. L'anno scorso
non se ne potè fare a meno, visto che i Modena City Ramblers attrassero in una
sera diecimila persone. Folle mai viste qui, che fecero sperare i commercianti
locali di poter fare affari con il nascente turismo politico. Ma quest'anno
non c'è la band di richiamo e di conseguenza le presenze si sono afflosciate.
Gli esercenti non l'avevano previsto e hanno fatto scorte per affrontare la
nuova invasione. Così hanno accatastato le provviste nei loro bar e
supermercati, ma le masse non si sono fatte vedere, nonostante si siano dati
una bella ripulita per l'occasione. Al Mickey Mouse, per esempio, il bar che
fa angolo tra il vialone e la piazza, la storica foto del bandito Salvatore
Giuliano viene coperta (dovrebbero esservi familiare 'sti modi, ormai) in
queste giornate con quella di Peppino.

Qualcuno sospetta proprio del signor Renda, il proprietario del bar, come
mandante del fattaccio di domenica sera. Cioè quando si è presentato il
comandante dei vigili urbani a intimare ai ragazzi di Radio-Aut
(l'associazione che ha raccolto l'eredità politica delle lotte anti-mafia
della sinistra radicale di questa zona degli anni di Impastato) e della
cooperativa biologica "Rotta indipendente" di non montare i loro banchetti.
"Mancano le necessarie autorizzazioni per la somministrazione di cibo e
bevande", è la ragione ufficiale. Ma al di là dei sospetti su questo o su
quell'esercente, rimane il fatto che quest'anno il paese non riuscirà a
digerire facilmente il cibo che è rimasto ancora là accatastato.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
i manifesti del forum coperti
by imc sicilia - riflessioni ((i))ndyane Monday, May. 08, 2006 at 7:54 PM mail:

i manifesti del foru...
coperti.jpg, image/jpeg, 400x300

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
i manifesti coperti #2
by imc sicilia - riflessioni ((i))ndyane Monday, May. 08, 2006 at 7:54 PM mail:

i manifesti coperti ...
coperti2.jpg, image/jpeg, 400x300

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
tutto tace
by imc sicilia - riflessioni ((i))ndyane Monday, May. 08, 2006 at 7:54 PM mail:

tutto tace...
coperti_3.jpg, image/jpeg, 500x375

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 2 commenti visibili (su 3) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
guinnes dei primati peppino Saturday, Aug. 19, 2006 at 1:09 AM
Deluso Peppino Friday, May. 19, 2006 at 3:58 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9