Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

CD GE2001 - un'idea di Supporto Legale per raccogliere fondi sufficienti a finanziare la Segreteria Legale del Genoa Legal Forum


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
SENZA IRONIA ALCUNA: CON IL POPOLO DEL LIBANO CON I POPOLI OPPRESSI: APPELLO DEL PCL
by Paolo Dorigo n.284 progressivo Sunday, Jul. 30, 2006 at 12:05 PM mail: contatti@paolodorigo.it

TRADUZIONE UFFICIOSA DI UN APPELLO DEL PARTITO COMUNISTA DEL LIBANO IN DATA DI IERI 29-7-06

http://www.paolodorigo.it/LaConscience-ceiwfceowjfijfioregthrytjhrtyjhrthyhrthrehryshrth.htm
http://www.paolodorigo.it/PCdelLibano-Appello.htm
LIBANO

APPELLO ALLA LOTTA ARMATA ED ALLA RESISTENZA

CONTRO L’AGGRESSIONE IMPERIALISTA SIONISTA
DEL PARTITO COMUNISTA DEL LIBANO

29 LUGLIO 2006



APPELLO

Per far fronte all’occupante israeliano
Per difendere la nostra terra ed il nostro popolo







Donne e Uomini Libanesi,



L’esercito israeliano prosegue, dopo già tre settimane, la sua aggressione

contro il nostro popolo. Questa aggressione aveva, nei primi tempi, preso la forma di una guerra ad oltranza che non ha risparmiato niente e nessuno, né la popolazione civile, né le case, né le stesse associazioni umanitarie, i media o le infrastruttute. La macchina di morte ha toccato, ultimamente, gli osservatori internazionali della FINUL (forze di interposizione delle Nazioni Unite in Libano).

Questa tempesta di barbarie e di follia assassina, che iniziò con il pretesto di liberare due soldati israeliani sequestrati, ha passato tutti i limiti. Essa mira realmente ad una mera vendetta e appaga una rabbia senza precedenti contro il Libano ed il suo popolo, cercando, sotto la scusa della necessità di distruggere l’infrastruttura militare degli Hezboullah, di portare il maggior pregiudizio possibile al nostro paese. Ed utilizzando in questo obiettivo i mezzi più vili e selvaggi.



Quanto agli Stati-Uniti, complice accanito dell’aggressione, loro ce l’hanno annunciata, attraverso la loro amministrazione, la speranza della nascita di un « nuovo medio oriente », basato sul progetto in vigore dopo tre anni contro il popolo iracheno ed aspirando a dominare il destino della regione araba e le ricchezze che essa racchiude.



Ma la macchina di morte ha fatto cilecca, anche se prosegue ogni giorno la sua opera di distruzione in ogni dove. E gli israeliani furono obbligati, malgrado loro, a ricorrere all’attacco terrestre a cui avrebbero preferito non ricorrere dopo la loro ritirata dell’anno 2000 fuori dalla nostra Patria.



Loro tentano invano, da una settimana, di realizzare un’avanzata sul campo dalla parte di Maroun Al-Ras e della città di Bint-Jbeil. Cercano invano di occupare, di nuovo, una parte del nostro territorio nazionale allo scopo di imporre al nostro popolo le loro condizioni e le condizioni dei loro padroni.



A questo scopo, utilizzano l’arma dei crimini contro l’umanità, dei massacri di civili. Loro spingono i cittadini a lasciare la loro terra. Tutto questo sotto la protezione benevola di Washington che non rinuncia a sostenere gli aggressori, nemmeno se dovesse dirigersi contro l’umanità tutta intera !



La barbarie dell’aggressione e i pericoli insiti negli obiettivi che porta richiedono una grande responsabilità da parte dei Libanesi allo scopo di fermarli ed impedirgli di realizzare i loro obiettivi. Loro chiedono al governo libanese di porre fine alla politica delle retrovie ed ad ogni illusione nella possibilità di una protezione americana ed internazionale… Gli Stati-Uniti sono complici degli aggressori; occorre che siano considerati come tali ed agire di conseguenza ...



Il popolo ed il governo libanese sono chiamati ad unirsi nella lotta, con tutto ciò che comporta come posizioni e misure, tanto sul piano politico e militare che sul piano della sicurezza e della vita quotidiana.

Questo richiede anche la creazione di un governo di unità nazionale reale nella politica che sia basato sulla distinzione tra gli amici ed i nemici della Patria e la cui attività comporterà tutto l’aiuto necessario alla Resistenza eroica che cerca, una volta ancora, la gloria del nostro paese, ma anche la sua unità e la sua esistenza stessa di fronte alla macchina da guerra israelo-americana.



Donne e Uomini Libanesi,

Israele tenta, di nuovo, di occupare il nostro paese e di distruggerlo. E la Resistenza islamica prosegue la sua attività eroica, i suoi sacrifici e le sue vittorie, tanto che l’esercito libanese resiste malgrado i massacri vili ed odiosi dei suoi soldati ed ufficiali.



Il dovere patriottico ci chiama ad unirci alla Resistenza contro gli occupanti ed a far fronte ai crimini commessi contro il nostro paese. Noi, partiti e forze della Sinistra e della Democrazia, personalità e posizioni che avevano già avuto l’onore di partecipare alla difesa della patria nel 1982 e dopo quella data, dichiariamo che noi riprendiamo le armi.



Noi ci appelliamo ai giovani del nostro paese a recuperare questa esperienza eroica ed a prendere per base la loro resistenza. Noi li chiamiamo a rimanere nelle loro città e villaggi, a portare le armi in faccia agli aggressori, a difendere la nostra terra, la nostra sovranità ed il nostro popolo.



Questo è un momento storico per noi. Il nostro paese e il nostro popolo vinceranno ed un’era di libertà e di unità regnerà nel nostro paese e nella nostra nazione araba dopo la sconfitta di tutti gli aggressori.



Beyrouth, le 28 juillet 2006



PCL



post scriptum per i redattori di Indy: appaiono cambiate le date agli ultimi miei tre post, credo siate interferiti anche a livello di data base.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
VOLANTONE DI PROLETARI COMUNISTI
by Paolo Dorigo n.285 progressivo Sunday, Jul. 30, 2006 at 12:12 PM mail: contatti@paolodorigo.it

VOLANTONE DI PROLETARI COMUNISTI SULLA INFAME AGGRESSIONE ISRAELIANA AI POPOLI LIBANESI E PALESTINESE

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9