Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
i precari vincono a Rc
by Demetrio Delfino Tuesday, Aug. 01, 2006 at 5:56 PM mail: demi.delfino@email.it

io ex precario vittorioso dopo 5 anni di lotta dura!

Addio precariato!!
Con questa scritta rossa su uno striscione giallo si svolgerà ,stasera, il convegno sulla precarietà al Lido “La Ribba” di Reggio Calabria. Il clima è quello delle grandi occasioni con dirigenti nazionali e locali della CGIL che insieme a 41 lavoratori “ex” precari del call center di poste festeggeranno una storica vittoria ottenuta l’8 luglio di quest’anno: l’assunzione full time e a tempo indeterminato; in una parola ..la stabilizzazione!
Termina così la nostra agonia durata ben 5 anni. Si apre una nuova stagione all’insegna, finalmente, di una certezza economica che, per una generazione segnata dalla precarietà fatta legge, appariva come un miraggio.
Ne abbiamo viste e passate di tutti i colori durante le 15 proroghe avute, ad ognuna delle quali il nostro cuore entrava in palpitazione (ci manderanno a casa? Ci faranno restare? Per quanto tempo ancora? ). Abbiamo avuto tanti tipi di contratti : interinale, di somministrazione , a tempo determinato con agenzie diverse : cos,ali, adecco.
Abbiamo subito pressioni di ogni genere. Dalle ferie spesso negate , al “consiglio” di non ammalarci, perché rischiavamo di non essere riconfermati. Due i casi eclatanti: Elisabetta allontanata perché in dolce attesa ( poi grazie all’intervento del sindacato- la Cgil-,ma anche della chiesa e delle istituzioni reintegrata) ed il mio caso e quello di Valentina attivisti sindacali che sono stati licenziati in tronco senza alcuna motivazione ( anche se si capisce che l’agenzia non gradiva azioni di disturbo che potevano portare –come poi è successo- alla stabilizzazione togliendo le commesse alla stessa) ma poi reintegrati per il clamore che il caso sollevò anche sulla stampa nazionale.
Ci dicevano che eravamo lì per sopperire a picchi di lavoro , a flussi, ondate periodiche : i tre mesi estivi , i giorni natalizi, la Pasqua. Ed intanto il tempo trascorreva 3 mesi , 6 mesi un anno, ci facevano rimanere a casa un giorno o due , ci cambiavano il contratto facendoci ricominciare da zero. Noi ci chiedevamo:<< ma se il personale manca ed il lavoro c’è perché invece di “umiliarci” in questo modo l’azienda non ci assume definitivamente (spendendo anche meno) >>?
Per trovare risposte ci siamo rivolti al sindacato , ai legali, ai politici, alla stampa locale e nazionale ,alle tv . Dal 2001 le abbiamo provate tutte dagli articoli sui giornali, alle cause legali, alla raccolta firme fino ad arrivare al primo sciopero dei precari della provincia di Reggio. Poi abbiamo continuato con interrogazioni parlamentari , assemblee , sit-in , denuncie varie. Effettivamente , lo possiamo dire con vanto ed orgoglio, ci siamo fatti sentire ribellandoci ad ogni sopruso diventando una vera e propria avanguardia per tutti i precari degli altri call center d’italia. Tant’è che l’Azienda Poste , vuoi per sfiancamento,vuoi per i continui articoli e manifestazioni che “infangavano“ in qualche modo il suo nome,vuoi per le direttive lanciate dal ministro Damiano e dal nuovo Governo, ha deciso il fatidico 8 luglio di assumerci tutti definitivamente. Da sottolineare che ciò è accaduto solo per il sito di Reggio Calabria
Naturalmente , come in tutte le storie, questa vicenda ci insegna che la lotta paga …sempre , che a rivendicare i propri diritti si possono correre dei rischi ma peggio è subire passivamente restando precari a vita. Ci insegna inoltre il valore ancora attuale dell’organizzazione sindacale ( senza la cgil molti di noi sarebbero disoccupati) in difesa dei lavoratori e della loro dignità.
La nostra storia potrebbe ,speriamo, diventare la storia di tutti gli altri precari d’Italia che vivono nelle stesse condizioni. Un grido quindi parte da Reggio : Precari di tutto il Paese ..unitevi!!
Demetrio Delfino
“ex” precario call center poste Rc

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9