Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
manifestazione di rabbia e amore
by comitato di base Saturday, Sep. 30, 2006 at 1:51 AM mail: minieresarde.nosvendita@yahoo.it

NO alla svendita delle aree minerarie del sulcis iglesiente

MONTEVECCHIO

1 Ottobre 2006, ore 10.00



Manifestazione di amore di rabbia di angoscia

( per la sorte del patrimonio geominerario del Sulcis )



Manifestazione di rabbia non impotente per la perdita che i sardi e l'umanità sembrano condannati a subire con la svendita e la cementificazione
(previste dal recente bando regionale)
di luoghi lussureggianti e selvaggi di miniera
che ancora parlano del sacrificio di generazioni di lavoratori



interverrà il poeta Alberto Masala
con lettura di testi


interverranno quanti vorranno dare un contributo anche artistico alla difesa di questi beni inestimabili di natura, storia e cultura che appartengono a tutti
(e saranno la prosperità del popolo che ne fa uso rispettoso)


"Sono le architetture di un'epoca passata sui fianchi delle alte colline affacciate sul mare, a volte a ridosso delle spiagge, sovrastate dalle creste di una catena montuosa frastagliata, fra alti boschi di leccio, macchia mediterranea, foreste protette. Sorgono in una zona costiera in gran parte intatta e scampata all'edificazione che ha interessato molti altri tratti della costa sarda, e carica di suggestione di bellezza e fascino. Un vero spettacolo della natura" (dal bando regionale di vendita).

"I luoghi dell'epopea industriale e operaia dell'Ottocento, le abitazioni dei minatori, le gallerie delle miniere, le laverie, la piccola e la grande architettura legata all'attività estrattiva. Un immenso patrimonio di archeologia industriale in una delle parti più ricche di fascino del Mediterraneo, fra le dune e le foreste di leccio" (bando regionale).

Masua, Monte Agruxau 318 ettari in vendita per 32.520.000 Euro

Ingurtosu, Pitzinurri, Naracauli 329 ettari in vendita per 11.000.000 Euro



Destinazione: strutture alberghiere ricettive (con annessi centri benessere, strutture sportive e per il golf) per 260.000 metri cubi complessivi.



La Sardegna è piena di alberghi vuoti nove mesi l’anno. Ne vogliamo altri? Possibile non si riescano a tenere le ruspe lontane almeno da una piccola zona ricca di storia e memoria, un ecosistema delicato, da tutelare e non depredare? non si comprenda che migliori possibilità di benessere vengano dal coinvolgimento delle popolazioni in progetti di cura, rispetto, recupero della memoria, arti, mestieri, saperi, culture e colture dei luoghi?



Vogliamo che quelle aree rimangano di proprietà pubblica; non si facciano alberghi e campi da golf; sia mantenuta la memoria, narrata la storia delle tante e i tanti che hanno patito e lottato in quelle gallerie; siano preservati ambiente, tipicità geologiche e florofaunistiche peculiari; sia fatta una bonifica; siano regolati i flussi turistici in modo da ridurne l’impatto; siano promosse, solo se necessario ampliate con tecniche ecocompatibili, le risorse ricettive esistenti nei contesti urbani limitrofi; sia favorita la fruizione ecologica (a piedi, in bicicletta) dei siti, visite guidate, albergo diffuso, le produzioni agrobiologiche, artigiane, artistiche locali.

Il richiamo anche turistico delle miniere viene dalla loro attuale condizione: snaturarla porterebbe danni culturali, identitari, ambientali, ma anche economici, notevolissimi. Fermiamo la vendita.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 1 commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Ajorronamentus guspinesus Monday, Oct. 02, 2006 at 1:43 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9