Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
[colombia] Dichiarazione santa rosa
by imc Thursday, Oct. 05, 2006 at 4:41 PM mail:

Santa Rosa, Sur de Bolivar 16 Agosto 2006. Udienza preliminare sul settore minerario Sessione del tribunale Permanernte del Popoli, sulle trasnazionali in Colombia. Conclusioni



Noi, rappresentanti di organizzazioni provenienti dal Sud del Bilivar, da diverse regioni colombiane e del mondo, di organizzazioni contadine, minerarie, indigene, afrodisccendenti, di difesa dei diritti umani, studenteche, di solidarietà e fratellanza, ci siamo incontrati a Santa Rosa del Sur, nei giorni 15 e 16 agosto del 2006, per dare inizio al processo contro l’impresa mineraria Kedhada, filiale della trasnazionale Anglogold Ashanti, per il suo progetto di estrazione di risorse naturali che lesiona gravemente i diritti dei minatori della regione, e per l’utilizzo di gruppi armati irregolari in appoggio a tale progetto.

Dopo due giorni di deliberazioni, a cui hanno partecipato contadini e contadine dediti da molti anni all’attività mineraria nella regione del Sur de Bolivar e in altre regioni del paese, siamo arivati alle seguenti conclusioni:

1. Quando i minatori della regione hanno sollecitato i permessi d’estrazione e l’ampiamento di titoli già esistenti alla Segreteria Mineraria del Dipartimento del Bolivar, hanno scoperto che l’impresa Kedhada avava già sollecitato contratti di concessione che coprono la quasi totalità della zona mineraria del dipartimento del Bolivar. Questi contratti sono stati inoltre sollecitati in 336 municipi del paese, utilizzando la stessa strategia per entrare nelle zone di suo interesse, come nel caso di Quinchía e Risaralda.

2. Tutto questo è stato reso possibile grazie alla riforma del Codice Minerario, che pochi anni fa è stato modificato a diretto beneficio degli interessi delle imprese trasnazionali del settore minerario, di fatto a danno dei minatori, che da molti decenni dedicano la loro vita a questo lavoro che è la loro unica fonte di sussistenza, pregiudicando anche le comunità, i territori e le culture indigene e afrodiscendenti.

3. Le condizioni che sono state imposte per legalizzare i titoli, escludono completamente la possibilità che i minatori possano avere i requisiti richiesti dallo Stato per legalizzare le propie attività, obbligando queste persone e le loro famiglie ad affrontare condizini di illegalità e a vedersi esposte a sostenere situazioni di miseria e ai meccanismi di speculazione imperanti nel mercato informale dell’oro che tratta di far sì che municipi e dipartimenti che non sono produttori d’oro, beneficino illegalmente delle regalie, molte delle quali sono andate a finanziare le attività paramilitari.

4. Anche se fino ad ora si possono accertare che sono iniziate esploriazioni solo in alcune zone, come nelle frazioni di Buena Seña, San Martín de Loba e la Cruz, tutto lascia intendere che nei prossimi dieci anni la trasnazionale Kedhada avrà ogni tipo di facilitazione per fare gli studi che desidera nel Sur del Bolivar e per accaparrarsi le terre che gli diano maggiori guadagni, senza preoccuparsi dei diritti umani acquisiti in molti decenni dalla popolazione contadina che lavora lì. Le prime esplorazioni rivelano inoltre che non c’è nessun interesse di decontaminazione e che la gran richhezza dell’oro che prodce questa regione non sarà più brnrficiata dal popolo colombiano e si convertirà in fonte di nuove violenze, sfolamenti e saccheggi.

5. Abbiamo inoltre potuto accertare attraverso le testimonianze dei partecipanti che molti funzionari pagati dallo Stato e dagli organismi internazionali, dopo aver raccolto da questi valide informazioni, hanno finito per lavorare al servizio della Kedhada, a cui apportano tutta l’informazione che è stata estorta approfittando della fiducia a loro data dalle comunità. Si è anche potuto accertare che la presenza della forza pubblica nella regione, si orienta sempre di più verso la difesa degli interessi della trasnazionale, con il tentativo di persuadere i contadini che la presenza di tale impresa è un segno di progresso e che devono sottomettersi a ogni sua esigenza. Altre autorità statali hanno optato per negoziare con l’impresa ricevendo grandi vantaggi in cambio del loro appoggio e favore.

6. Prima della costituzione legale della trasnazionale Kedhada, l’impresa madre Anglogold Ashanti aveva cercato di impossessarsi di un’estesa zona del sud del Bolivar di 7000 ettari, concretamente nelle frazioni di San Pedro Frio, El Paraíso, Mina Gallo e Montecristo, attraverso titoli dubbiosi che in ogni caso avevano perso la propria vigenza, in un contenzioso giuridico che è stato perso dall’impresa. Si è potuto accertare che quando le negozziazioni stavano fallendo, la zona è stata invasa da gruppi `paramilitari che hanno commesso numerosi crimini contro la popolazione mineraria, come omicidi, sfollamenti forzati, sparizioni, blocco dei viveri, minacce e assoggettamento della popolazione a un vero regime di terrore. Questa situazione rivela i meccanismi che di solito utilizzano i gruppi economicamente potenti per appropriarsi delle ricchezze quando la popolazione non rinuncia alla difesa dei propri diritti.

7. Recentemente, da quando è venuto alla luce il progettto della Kedhada nella regione, si è potuto percepire una crescente presenza dei gruppi paramilitari in teoria smobilitati e di imprese di sicurezza privata che stanno difendendo gli interessi della Kedhada. Allo stesso tempo i membri dell’esercito terrorizzano la popolazione annnunciando la presenza di gruppi paramilitari, come le Aguilas Negras, che secondo loro saranno inclementi con i contadini che cerchino di opporsi alla presenza dell’impresa mineraria. Per questo è ancor più preoccupante l’istallazione di un battaglione speciale dell’esercito nella zona mineraria di San Pedro Frio.

8. Noi, partecipanti all’udienza preliminare davanti alla grandezza dell’aggressione che colpisce i loro diritti fondamentali, soprattutto economici e sociali, ratifichiamo l’impegno nella difesa dei nostri diritti, territori e comunità, e vediamo la necessità di convocare tutti i settori contadini, indigeni e afrodiscendenti che si vedono colpiti in questo momento dalle pretese dell’impresa Kedhada che offre cibo per un giorno e fame per il resto della vita, per organizzaare un ampio movimento di resistenza unificata in difesa dei nostri diritti fondamentali.

Santa Rosa, Sur de Bolivar, 16 agosto 2006

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9