Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
PLATI’ CALPESTATA…
by Aspromonte Tuesday, Oct. 10, 2006 at 11:07 PM mail:

Platì 22/12/2003

È un ragazzino di dodici anni a suggerire questa frase; uno dei tanti ragazzi a chiedersi cosa stia succedendo a Platì.

Tutto è iniziato un freddo giovedì di novembre quando a Platì sono state arrestate più di 120 persone e altrettante indagate e in questi giorni quasi tutte scarcerate. Ebbene! Cosa significa questo? Che ciò che è accaduto è stato un errore giudiziario o una messa in scena? Dico “messa in scena” perché le cose non quadrano e tutti se ne sono accorti. Poiché ciò che stiamo leggendo nei quotidiani e vedendo in tv, in queste ultime settimane, si può definire con un solo termine: “DENIGRAZIONE”. Sembra quasi un complotto contro Platì. Si sente soltanto parlar male. Tutto sta accadendo all’improvviso sotto gli occhi attoniti dei cittadini. E quindi ci si chiede: cosa c’è dietro? O meglio Chi c’è? E perché vuole gettare Platì nella penombra? L’azione della notte del 13 sembra richiamare una di quelle storie di guerra in cui i soldati nazisti irrompevano nelle case e portavano via la gente con la forza. Forse è un paragone piuttosto esteso ma non credo dal momento che su Platì se ne stanno dicendo di tutti i colori. È stata chiamata “Ndrangheta city” ed i cittadini “ladroni” da alcuni giornali come “l’Espresso” (vedi n°.48); “città a due piani con cunicoli sotterranei” per via della rete fognaria, da altri; o ancora, “città proibita” in alcune trasmissioni e mi riferisco al programma “Chi l’ha visto”. Lo ritengo un programma utile giacché al giorno d’oggi di persone ne scompaiono molte, purtroppo. Ma il sevizio che venerdì scorso hanno fatto su Platì è stato un gesto disonesto. Hanno parlato di questo nostro paese per dire cosa? Soltanto un mucchio di fandonie. Hanno presentato una Platì macabra, umiliando i cittadini. Sembrava descrivessero una città fantasma, da romanzo, in cui avvengono cose misteriose e orribili. E tra l’altro è stato un sevizio che non centrava nulla col programma e quindi viene facile pensare che l’abbiano mandato in onda alla fine per non permettere telefonate di replica. Ed è ancora più triste se pensiamo che hanno scelto la chiesa, la casa di nostro Signore, come luogo da cui diffondere queste notizie diffamanti. Mi ripeto, sembra quasi un complotto. “Città proibita” addirittura; ma se Platì è, per antonomasia, il paese dell’ospitalità: chiunque entri a Platì troverà sempre il cittadino pronto ad accoglierlo e una tavola ricca dei prodotti locali, dal pane all’olio, dai formaggi ai salumi, frutto del duro lavoro dell’uomo. Inoltre essere benestante, possedere una bella macchina e vestire bene non significa essere per forza trafficante di sostanze stupefacenti, come sostiene invece il giudice Gratteri. E a proposito, quest’ultimo ha detto che quella notte non ha dormito pensando a come avrebbero potuto reagire i bambini di Platì coinvolti nell’accaduto. Ma come dovrebbe reagire un bambino che nel cuore della notte si ritrova solo senza genitori? E come dovrebbero comportarsi uomini e donne che quella notte si sono ritrovati chiusi in una stanza a chiedersi, increduli, cosa ci facessero? Non dimentichiamo un altro episodio del 1986: era il 6 marzo quando i cittadini di Platì si ritrovarono le porte delle case sfondate per l’ennesima volta dai carabinieri. Girolama De Leo, una donna anziana, nel vedere all’improvviso delle figure oscure che si aggiravano per la casa, in piena notte, viene colta da un malore al cuore e per le mancate cure necessarie, sempre da parte dei carabinieri, la donna quella notte vide la fine dei suoi giorni. Questo è uno dei tanti episodi che hanno segnato la vita dei platiesi. Penso che sia il momento di dire BASTA a tutto questo. Cinquecento anni di storia, cultura e valori non devono essere oscurati così. Magari un ragazzo di Platì che studia o lavora al nord si ritroverà, in un certo senso, ostacolato e guardato con occhi “diversi”. E noi non vogliamo e non possiamo permettere questo. Lo Stato si sta preoccupando di Platì? Si sta interessando al fatto che non c’è un campo da calcio, una biblioteca, un cinema o altre forme ed attività culturali da garantire un’adeguata istruzione ai giovani? La gente di Platì non può essere penalizzata così. Il nostro vescovo, Mons. Bregantini se né accorto e per questo lo ringraziamo.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 4 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
C'è qualche monello? montessori Saturday, Oct. 21, 2006 at 1:13 PM
Platì calpestata Francesco Violi Saturday, Oct. 21, 2006 at 1:03 PM
xxx xxx Wednesday, Oct. 11, 2006 at 1:51 PM
allora coop.o Tuesday, Oct. 10, 2006 at 11:27 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9