Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Le inchieste di Carlo Ruta in tribunale. Comunicato stampa
by G. Corradini Monday, Oct. 16, 2006 at 1:52 PM mail:



In risposta all'assurda condanna carceraria comminata allo storico Carlo Ruta, reo di aver firmato una intervista sul sito "Accadeinsicilia", oscurato d'autorità nel dicembre 2004, sono pervenute testimonianze di solidarietà da tanti cittadini e prese di posizione da importanti sedi associative della società civile. A tutti rivolgiamo un sentito grazie, augurandoci che a tali attestazioni di sostegno se ne aggiungano numerose altre.

Si ha motivo di credere che questa condanna carceraria, desiderata dai poteri forti dell'est siciliano, area in cui maggiormente si è condensata l'inchiesta sociale di Carlo Ruta, potrebbe incentivarne altre a breve, dal momento che è andato attuandosi nell'ultimo periodo un vero e proprio assedio giudiziario. Infatti, dietro denunce del procuratore della Repubblica di Ragusa Agostino Fera e dell'avvocato Carmelo Di Paola, esponente di primissimo piano della BAPR, che in questo momento costituisce la maggiore banca a struttura siciliana, di qui al gennaio prossimo si svolgeranno altri sei processi che vedranno Carlo nelle vesti di imputato. Ed è opportuno, a questo punto, darne una minima informazione, perché il silenzio su tale difficile situazione non agevoli ulteriori atti che pongono in serio pericolo la libertà materiale di un operatore della comunicazione e offendono profondamente il diritto di espressione e di critica, sancito dall'articolo 21 della Costituzione.

Dal 16 ottobre Carlo Ruta verrà processato a Messina solo perché ha pubblicato sul suo sito un'istanza al CSM firmata da un ex dirigente del palazzo di giustizia di Ragusa, Ignazio Andolina, pure lui querelato e però prosciolto in sede istruttoria da ogni accusa.

Dal 10 novembre si avvierà a Ragusa il processo civile per risarcimento danni promosso da Di Paola, contestuale a quello appena conclusosi a Messina con la condanna a otto mesi di carcere. Va ricordato che è stato tale atto giudiziario, in sede appunto civile, a dare l'input per l'oscuramento preventivo di Accadeinsicilia nel dicembre 2004.

Su denuncia del procuratore Fera, il 14 novembre Carlo, in quanto curatore del blog di documentazione Accadeinsicilia., verrà processato presso il tribunale di Modica per stampa clandestina; reato che prevede fino a un anno di carcere. E non è il caso di spendere molte parole sulla gravità di tale fatto, specie in un momento come quello attuale, nel quale sempre più i potentati del paese fanno mostra di voler liquidare la libertà del web con ogni mezzo, anche a colpi di codice penale.

Dal 15 novembre, ancora su iniziativa del procuratore Fera, Carlo Ruta verrà processato presso il tribunale di Palermo per aver pubblicato in un libro, edito appunto a Palermo, un testo sul caso Spampinato per il quale era stato già processato a Messina, perché era già apparso su Accadeinsicilia.

Il 14 dicembre si terrà, presso il tribunale di Modica, l'udienza preliminare di un procedimento penale per diffamazione promosso ancora da Di Paola, per una intervista, nell'ambito della quale un socio storico della BAPR, il catanese Enrico Lentini, anch'esso querelato, esponeva delle censure sulla conduzione della banca, che peraltro avevano già prodotto l'apertura di un'istruttoria giudiziaria.

A gennaio 2007 si avvierà il processo per un articolo, poi quasi interamente ripreso da un'interrogazione parlamentare del segretario nazionale del Pdci Oliviero Diliberto, sulla situazione della giustizia a Ragusa. E non manca qui un risvolto paradossale. Per tale ulteriore querela del procuratore Fera, presso il tribunale di Messina, non si sa per quale motivo, sono state aperte infatti due istruttorie e non una, da due distinti pubblici ministeri. Quindi Carlo è stato due volte rinviato a giudizio, e dovrebbe apparire in due distinti dibattimenti, a gennaio appunto, e nel mese successivo. La cosa non è ovviamente praticabile, ma dice a sufficienza del clima giudiziario in atto, non propriamente sereno.

Giovanna Corradini


Per richieste di documentazione e informazioni:
Giovanna Corradini, cell: 347-4862409


Per testimonianze:
carlo.ruta@tin.it
accadeinsicilia@tiscali.it

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9