Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

inchiostroG8


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Diciamo ancora No alla Guerra
by a pugno chiuso Thursday, Oct. 19, 2006 at 4:09 PM mail: apugnochiuso@yahoo.it

Collettivo “a Pugno Chiuso” a P. C.


L’ennesima guerra di invasione e di aggressione si è consumata sotto i nostri occhi negli ultimi mesi: l’aggressione di Israele nei confronti del popolo libanese. Questo conflitto si inserisce nel quadro storico dell’espansionismo israeliano e del conflitto israelo-palestinese: fin da prima della sua nascita, Israele ha fatto dell’oppressione dei palestinesi e della guerra agli stati arabi confinanti la sua bandiera!

Abbiamo assistito al sanguinario sforzo bellico di Israele, finalizzato a mettere in ginocchio l’economia del Libano. Un paese scomodo perché non allineato, scomodo perché in via di sviluppo, scomodo perché esempio storico di convivenza di culture e religioni diverse, scomodo perché ospita la resistenza più forte ed organizzata dell’area: Hezbollah.

Abbiamo assistito al solito assalto mediatico, che ha dipinto Israele come paladino della democrazia e Hezbollah, che è sostenuta da più di un terzo del popolo libanese, come terrorista e non come legittima forza di resistenza. Quella resistenza dell’intero popolo libanese, dalle forze religiose, a quelle laiche come il Partito Comunista Libanese o il Fronte Popolare palestinese. Hezbollah ne è stata sicuramente la forza egemone, ma rinunciando alla creazione di uno stato islamico, ha rafforzato la resistenza nazionale contro gli imperialisti. Hezbollah è una forza sociale, che costruisce e gestisce scuole e ospedali, che ha fatto sue le istanze di liberazione dell’intera popolazione, dai musulmani, ai cristiani, ai laici.

Alla fine quest’eroica resistenza ha costretto Israele al ritiro.

E qui entra in gioco l’ONU: dove Israele non è riuscita, si schierano le forze internazionali che, con la scusa di voler pacificare l’area, vanno a compiere un’operazione di polizia, finalizzata al disarmo della resistenza. E’ questa infatti la sostanza della risoluzione ONU che ha dato il via alla missione Unifil.

In testa alla missione si schierano le forze europee che, alla faccia della neutralità, vanno a piazzarsi sul territorio libanese e non sul confine, come logicamente dovrebbe fare una forza di interposizione. Contemporaneamente Israele già viola più volte gli accordi, sconfinando in Libano. E non dimentichiamo che l’ultimo intervento internazionale in Libano, dopo la guerra israelo-libanese dell’82, vide gli eserciti inglese e francese lasciare mano libera ai massacratori di Sabra e Shatila, due campi profughi palestinesi, dove migliaia di uomini, donne e bambini furono trucidati dai mercenari al servizio di Israele.

In testa alla missione troviamo il nostro paese, l’Italia del governo “di sinistra” e “pacifista”. Un governo che ha votato il rifinanziamento di tutte le missioni militari per un ammontare complessivo di 25mld di euro. Un governo che prepara una finanziaria di sacrifici nel nome della ripresa; una finanziaria di tagli alla scuola, alla sanità, ai servizi pubblici, giustificati con la difficile situazione economica. Ma allora, ci chiediamo, perché imbarcarsi in una missione che, allo stato attuale, già ci costa oltre 1mld di euro?

Il motivo è semplice a nostro avviso.

La missione in Libano è la prima a guida europea; è il primo atto bellico di questa Europa unita nel segno dell’imperialismo e del militarismo. Un’ Europa che si prefigge di diventare uno dei nuovi poli imperialisti mondiali, di riempire quegli spazi di potere e sfruttamento lasciati vuoti dagli USA. Un’Europa che si unisce sotto l’egida di politiche di sfruttamento, guerra, repressione (pensiamo agli accordi di Schengen sul controllo dei migranti, alla legge Bolkenstein, ai progetti di una polizia ed un esercito europei). E ovviamente in questo progetto i padroni nostrani aspirano a ricoprire un ruolo guida.

Davanti a tutto ciò riteniamo fondamentale ribadire un diritto fondamentale di ogni popolo: il diritto all’autodeterminazione, a scegliere liberamente il proprio governo e il proprio futuro. E riteniamo fondamentale ribadire un altro diritto dei popoli: quello alla resistenza contro ogni invasore ed oppressore, con ogni mezzo e forma che quel popolo scelga. E’ per questo che riteniamo legittima la resistenza Libanese, così come quella Irachena e di qualsiasi altro popolo deciso a difendere la propria indipendenza.

Da parte nostra non possiamo fare altro che invitare tutti quelli che si dichiarano pacifisti a riprendere con forza la mobilitazione contro la guerra e contro l’imperialismo nostrano.


Invitiamo tutti a partecipare al corteo del 18 novembre a Roma per l’abrogazione del trattato militare Italia-Israele, a fianco del popolo palestinese e di tutti i popoli del Medio Oriente che resistono all’imperialismo. Inoltre sosteniamo tutte le iniziative di dibattito, che stimolano una riflessione più approfondita, come quella che si terrà giovedì 19 ottobre, ore 16.30, nell’aula II della facoltà di filosofia.

Per contatti: apugnochiuso@yahoo.it

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono 1 commenti visibili (su 1) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
Ma... ... Thursday, Oct. 19, 2006 at 8:10 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9