Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
BLITZ DELLA DIGOS AL REPARTO MOBILE a Bolzaneto - armi sequestrate, poliziotti indagati
by Andrea Ferro Tuesday, Nov. 28, 2006 at 12:28 PM mail:

dal Corriere Mercantile



22.11.06

Corriere Mercantile

BLITZ DELLA DIGOS AL REPARTO MOBILE ARMI SEQUESTRATE, POLIZIOTTI INDAGATI

In un capannone del reparto mobile di Bolzaneto c'era un arsenale
clandestino: una bomba a mano, pezzi di artiglieria, munizioni.
Armi da guerra, insomma, che non rientrano certo nelle dotazioni del
reparto della ex "Celere".
A scoprirlo sono stati i poliziotti della Digos che l'altro giorno hanno
perquisito i locali della caserma e sequestrato tutto il materiale in
esecuzione del provvedimento firmato dal sostituto procuratore Francesca
Nanni della Direzione distrettuale antimafia.
Con l'accusa di detenzione illegale di armi sono stait indagati due
sottoufficiali di polizia, indicati come i "custodi" dell'arsenale ma non
direttamente dipendenti dal reparto mobile.
La vicenda, alquanto imbarazzante e sulla quale vige il massimo riserbo,
potrebbe coinvolgere altri poliziotti.
Che ci facevano armi e munizioni da guerra nei locali del Reparto Mobile?
L'interrogativo scivola tra ipotesi e tesi deifnsiva dei due sottufficiali
indagati.
L'arsenale illegale non sarebbe altro, sostengono i due poliziotti, che la
raccolta di "souvenir" bellici collezionati durante varie missioni compiute
all'estero in zone di guerra.
Tesi, pare, in un certo modo attendibile ma non sufficiente a legittimare
il possesso e la conservazione di tutto quel materiale nell'ambito di una
struttura quale e' la sede del Reparto Mobile di Bolzaneto, all'interno del
quale sorgono le palazzine degli alloggi per gli agenti, gli uffici, i
garage degli automezzi, l'armeria "ufficiale" e i depositi di carburante.
Per stabilire l'origine, la fabbricazione e le potenzialita' offensiva del
materiale sequestrato il sostituto procuratore Francesca Nanni ha ordinato
una perizia.
Ad eseguirla sara' un maresciallo dell'esercito, uno dei massimi esperti in
materia. Il sottufficiale e' gia' al lavoro e presto potrebbe depositare in
Procura le sue conclusioni.
Ma c'e' un altro aspetto che il magistrato e gli investigatori della Digos
devono ricostruire.
Da quanto tempo all'interno dei locali del Reparto Mobile di Bolzaneto
erano conservati illecitamente bombe, munizioni e pezzi di artiglieria?
Risulta poi alquanto improbabile che solo i due sottufficiali fossero a
consocenza dell'arsenale illegale.
E' piu' probabile invece che molti altri poliziotti, di vari gradi, fossero
al corrente dell'esistenza di questo "deposito" voltandosi di fatto
dall'altra parte.
E atorno a questo aspetto dell'indagine che qualcuno a Bolzaneto rischia il
coinvolgimento, piu' o meno diretto, nella vicenda.
Non e' dato di sapere su quali basi e dietro quali "stimoli" la Direzione
distrettuale antimafia e la Digos ad un certo punto abbiano deciso di
perquisire i locali "incriminati" .
Si parla addirittura di una "soffiata" partita direttamente dall'interno
del reparto Mobile.
In realta' le prime indiscrezioni collegavano il blitz dell'altro giorno al
giallo del presunto attentato contro la caserma del Reparto Mobile.
L'episodio risale al 28 novembre dell'anno scorso.
Quella mattina un razzo da segnalazione colpi' la palazzina che ospitava
uan ditta di prodotti farmaceutici. situata sulla collina di Cremeno, poco
distante in linea d'aria dal deposito carburanti e dalla palazzina comando
della caserma di polizia.
Accertamenti e varie perizie stabilirono successivamente che non si era
trattato di un attentato ma di un incidente.
Il razzo, infatti, parti' direttamente dal piazzale della caserma per mano
di un agente.
Un gioco che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia.
Un gioco che pero' non ha nulla a che fare con l'arsenale scoperto da
Procura e Digos e ora al centro di un'inchiesta imbarazzante.

Andrea Ferro

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
circolo privato
by morte al fascio Tuesday, Nov. 28, 2006 at 12:41 PM mail:

Beh, č evidente che si tratta di un clubbino di sbirri nazisti.
Come se ci fosse bisogno di altre prove, e come se fossero gli unici.
Bastardi e traditori

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9