Welcome to :- Pillola Rossa -:!

     Sostieni Pillola
Materiale per linkare Pillola Rossa e le controinchieste al proprio sito. Bottoni, banner, web-flyer.

     Menu
· Home
· Archivio
· Argomenti
· Cerca
· Enciclopedia
· FAQ
· Forums
· I tuoi dati
· Inserisci articolo
· Journal
· Messaggeria
· Scrivici
· Segnalaci
· Statistiche
· Top 10

 Contributi: Piazza Alimonda: una ferita sulla fronte di Carlo pretende una risposta

MaterialiUn dettaglio, preso da una foto in alta risoluzione, mostra una macchia bianca "a raggiera" sul passamontagna di Carlo Giuliani in corrispondenza della fronte, che compare inspiegabilmente solo dopo la riconquista della piazza da parte di polizia e carabinieri.

L'ennesima foto "mai vista prima" (con questa definizione), la stessa domanda. Quando e come si è prodotta la ferita sulla fronte di Carlo Giuliani?

Il pubblico ministero, Silvio Franz, ha proposto l'archiviazione del caso e molto presto, il 17 aprile, sapremo se la sua richiesta verrà accolta. Ma il PM è davvero sicuro, con la sua indagine, di aver dato una risposta a tutte le domande che ormai da 20 mesi si fanno i giornalisti, i periti, i familiari di Carlo e, perché no, anche quei tanti che si sono impegnati sul versante delle controinchieste?
L'archiviazione, sia chiaro a tutti, non chiuderebbe soltanto l'inchiesta sull'omicidio di Carlo Giuliani, ma cancellerebbe con un unico colpo di spugna tutte le responsabilità di chi ha gestito l'ordine pubblico in quell'occasione; di chi la gestiva in quella piazza e di chi l'ha organizzata e portata avanti dai vari palazzi del potere. E, con molta probabilità, l'archiviazione di piazza Alimonda rischierebbe di diventare pietra di paragone per tutti gli altri procedimenti in corso su Genova. Pensateci un attimo, cosa volete che sia la responsabilità di un carabiniere accusato di pestaggi quando un suo collega accusato di omicidio non viene nemmeno processato?
Ma Silvio Franz ha fatto la sua indagine e sulla base del parere del fior fiore dei periti italiani (sull'argomento vi invito a leggere questo illuminante articolo apparso sul Manifesto), ha chiesto l'archiviazione del caso. Ma allora, se è davvero così, deve aver dato anche la risposta alla mia domanda iniziale, cioè su quando e in che modo si è prodotta la ferita sulla fronte di Carlo Giuliani. Sarà vero?
Sui giornali è uscito poco o niente di questa storia, ma un dato certo (perché ce lo dice l'autopsia), è la presenza di due diverse fratture della scatola cranica. L'ipotesi fatta per spiegare queste fratture è che si siano prodotte nella caduta successiva allo sparo.
Tutto, quindi, sembra corrispondere, senza misteri o zone d'ombra. Però, c'è un particolare di non poca importanza che non sembra essere stato tenuto nel debito conto, e basta guardare questa foto per rendersene conto.

E' visibile chiaramente una macchia bianca, molto pronunciata, con un andamento a raggiera proprio sopra l'occhio sinistro. Vale la pena, per l'ennesima volta, di ricordare la testimonianza di Valeria, una volontaria del GSF, che riferisce ai giornalisti di due ferite: una sotto l'occhio sinistro, circolare e senza bruciature, una a stella, o a raggiera, sulla fronte "come di un colpo di pietra".
Associare quella macchia alla frattura di cui si parla nell'autopsia viene naturale. Ma quella macchia non è presente nei momenti immediatamente successivi alla caduta, cioè quando si "sarebbe" prodotta la frattura. Non è presente nemmeno nelle foto che vedono i manifestanti provare a soccorrere Carlo. Compare solo in un secondo momento, quando polizia e carabinieri riconquistano la piazza e fanno cordone attorno al corpo di Carlo.
E allora i dubbi aumentano, perché quello che prima non c'era improvvisamente appare, e i sassi cominciano a sanguinare, e un vice questore grida, a favore di telecamera, che a uccidere Carlo è stato un manifestante.
Avevo già parlato di quella macchia qualche tempo fa: "Quando un sasso e un lacrimogeno si assomigliano" . Ero partito dalla stessa foto da cui ho tratto il dettaglio della macchia, ma in bianco e nero e in una risoluzione inferiore, per immaginare quello che poteva essere successo, arrivando a ipotizzare un possibile depistaggio, addirittura pensando che a causare quella ferita sulla fronte, quella macchia bianca "a raggiera", fosse stato un lacrimogeno sparato a bruciapelo.
Sono sincero, speravo di essere smentito, che qualcuno tirasse fuori una qualche foto dei momenti precedenti all'arrivo delle forze dell'ordine in piazza in cui si mostrasse quella macchia bianca gi√† presente sul passamontagna. E, invece, questo non √® successo. Al contrario, riguardando quelle stesse foto che si sono gi√† viste tante volte, ma (finalmente!) in una risoluzione decente, mi sono convinto ancor di pi√Ļ: quella macchia bianca compare solo dopo l'arrivo di polizia e carabinieri in piazza Alimonda.

Non è nei miei intenti dimostrare alcunché, ma mi domando, e con me se lo domanda tanta gente: cosa hanno risposto i periti al pubblico ministero a questo proposito, e cosa ha scritto Silvio Franz nella sua richiesta di archiviazione?
Non dovremo aspettare ancora molto. Il 17 aprile sapremo se ci sarà un processo. Sapremo se questa e altre domande avranno una risposta e sapremo se in questo paese la parola giustizia avrà ancora un significato.

gin{




 
     Links Correlati
· Inoltre Materiali
· News by gin


Articolo più letto relativo a Materiali:
Piazza Alimonda: il cutter fantasma


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile