Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo Ě contatti Ě aiuto Ě partecipa | pubblica | agenda Ě forum Ě newswire Ě archivi | cerca Ě traduzioni Ě xml | classic toolbar di navigazione old style toolbarr di navigazione old style toolbarr di navigazione Versione solo testo toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature ╗
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer

Vedi tutti gli articoli senza commenti
[Estat CatalÓ] Fotos 11 de Setembre, Catalunya.
by Estat CatalÓ Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:01 AM mail: estatcatala@operamail.com

Fotos 11 de setembre.

[Estat CatalÓ] Fotos...
estat_catala_23.jpg, image/jpeg, 443x332

Comissiˇ Independentista Fossar de les Moreres
MANIFEST ONZE DE SETEMBRE 2006
Companys i companyes
Un any mÚs ens trobem tot i totes, independentistes d'arreu del paÝs, en aquest escenari per reafirmarnos en el nostre objectiu com a poble, que no pot ser altre que la llibertat. Convocats per la Comissiˇ Independentista Fossar de les Moreres tornem a ser aquÝ, en aquest hist˛ric escenari, per reafirmar el nostre compromÝs amb aquest objectiu. El nostre compromÝs amb la llibertat. El nostre compromÝs, en definitiva, amb el nostre poble. PerquŔ agradi o no a aquells que aproben nous estatuts amb la intenciˇ de fer canvis perquŔ res canvi´ en realitat, la nostra lluita continua. Una lluita que tÚ com a objectiu un ˙nic estatut: aquell que algun dia ens donarÓ la llibertat com a poble.
Per aix˛ aquest Onze de Setembre volem deixar mÚs clar que mai que l'alliberament nacional i social Ús l'˙nic que farÓ realment lliure al nostre poble i el dotarÓ dels mecanismes perquŔ els homes i dones dels Pa´sos Catalans puguin gaudir plenament dels seus drets nacionals i d'una imprescindible justÝcia social que elimini les actuals desigualtats que el capitalisme depredador de la globalitzaciˇ estÓ imposant d'una forma brutal i totalitÓria. I volem que aquesta idea ressoni entre aquestes pedres que ens envolten, plenes de la nostra hist˛ria com a naciˇ. Com a independentistes i com a gent d'esquerres tenim la responsabilitat i l'obligaciˇ de mantenir encesa la flama de l'esperanša, de mantenir viva la lluita. Hem de fer-ho per tots aquells que han deixat la vida per aquesta idea de llibertat. Des dels que el 1714 van morir en aquests carrers, i arreu dels Pa´sos Catalans, defensant la pÓtria de les tropes espanyoles invasores, als lluitadors que en anys recents han mort per la mateixa idea o continuen a les presons espanyoles. No podem defugir la responsabilitat que tenim amb el nostre poble per honorar el passat i com a deure amb el futur. Les pr˛ximes generacions han d'heretar uns Pa´sos Catalans mÚs lliures. Per˛ tambÚ pel present. Per nosaltres mateixos. Per la nostra dignitat. PerquŔ no hi ha dignitat sense lluita, com no tindrem uns Pa´sos Catalans lliures sense compromÝs, lluita i esforš. I sense llibertat, sota l'opressiˇ espanyola i francesa, desapareixerem com a poble.
Els partits del sistema, els directament espanyolistes i els que tot i utilitzar la senyera pels seus interessos se supediten als enemics del nostre paÝs, en un cas de botiflerisme digne de competir amb qualsevol tra´ciˇ de la hist˛ria, han posat una nova pedra de la perpetuaciˇ de la dominaciˇ extrangera dels catalans i catalanes amb un nou estatut. Un estatut que no podem fer altra cosa que rebutjar i combatre frontalment.
Ja sabÝem que l'autonomisme no era el camÝ per millorar les condicions de vida del nostre poble i per aproximar-nos a l'alliberament nacional. Per˛ el procÚs del nou estatut ha fet miques qualsevol mÝnima esperanša que els catalans de bona fe haguessin pogut posar-hi. Espanya ha tornat a anorrear els nostres drets com a poble imposant al PaÝs ValenciÓ un estatut de destrucciˇ nacional i al Principat un estatut d'imposiciˇ imperialista. Al PaÝs ValenciÓ se li imposa una norma, no nomÚs de supeditaciˇ absoluta, sinˇ que a mÚs intenta destruir la seva condiciˇ nacional negant la unitat de la llengua. Al Principat, Espanya li imposa un estatut que mantÚ la mÚs absoluta subordinaciˇ. Se'ns nega el control dels nostres recursos financers, de les infraestructures del nostre paÝs, en definitiva se'ns nega el dret a decidir el nostre futur.I sobretot es trepitja de forma insultant la nostra dignitat, esmicolant l'estatut aprobat al Parlament el 30 de setembre, ara fa quasi un any.
Nosaltres sabÝem que l'estatut del 30 de setembre tampoc era un avenš cap a la independŔncia i una major justÝcia social. SabÝem que cap procÚs estatutari ens donarÓ la llibertat. Per˛ el menyspreu d'Espanya cap a aquell document Ús la gota que ha de fer vessar el got de la indignaciˇ del nostre poble. Qui Ús Espanya per dictar-nos quŔ podem o no podem tenir?. Qui Ús Espanya per dictar-nos que podem o no podem votar en referŔndum? Aix˛ nomÚs demostra la Ýmfima qualitat democrÓtica d'aquest estat. Una presˇ de pobles en quŔ ens obliguen a viure.
A nosaltres ning˙ ens ha de venir a dir si som o no una naciˇ. No necessitem ni volem cap permÝs per ser una naciˇ. I no consentirem que ens transformin en una naciˇ de preÓmbul. Som una naciˇ per voluntat, i un poble en moviment cap a la llibertat. Els hi agradi o no als espanyols i als francesos. Defensarem la llengua al PaÝs ValenciÓ i allÓ on calgui. I defensarem la terra fins al final al marge de qualsevol estatut. Amb ell o sense no permetrem que ens destrueixin el territori, ni amb lÝnies de molt alta tensiˇ que responen als interessos de les multinacionals de l'energia, ni amb quarts cinturons, ni amb cap d'aquests projectes especuladors. Que tinguin clar que el poble respondrÓ i els aturarem com vam aturar el transvasament de l'Ebre. Com exigim que poguem gestionar els nostres recursos econ˛mics per poder construir una naciˇ mÚs justa en quŔ l'important siguin les persones i no els interessos econ˛mics. Aquest no Ús un estatut per a quŔ les classes populars del nostre paÝs puguin viure millor i mÚs lliures.
Aquest Ús l'estatut dels interessos d'una classe polÝtica abocada al sucursalisme i que contraposa els seus privilegis als drets del seu poble. Demostra que els partits reformistes sˇn un obstacle en el camÝ cap a la llibertat del nostre poble. I demostra que lĺautonomisme es comenša a esgotar, desprÚs de 30 anys de constatar que no Ús cap via pels avenšos nacionals i socials. ╔s un estatut de mercadeig entre aquests partits i Espanya que, malauradament, tambÚ demostra que aquest nefast autonomisme continua viu, tot i els sÝmptomes d'esgotament. ╔s un estatut que s'ha fet d'esquena als catalans i catalanes. I per aix˛ la gent va donar l'esquena a l'estatut al referŔndum. MÚs de la meitat dels catalans va rebutjar participar en aquesta comŔdia. Si afegim aquells que van decidir votar per expressar el seu rebuig frontal al text que se'ns pretenia imposar, aquest Ús un estatut que nomÚs han votat tres de cada deu ciutadans i ciutadanes. Cal dir-ho clar i alt: aquest Ús doncs un estatut sense legitimitat democrÓtica. ╔s un estatut d'imposiciˇ per a la dominaciˇ espanyola.

Mentre vivim un moment tant difÝcil, els partits de la reforma nomÚs pensen en com esgarrapar una mica mÚs de poder en les pr˛ximes eleccions de l'1 de novembre. Unes eleccions que no sˇn nacionals, sinˇ auton˛miques i que formen part de la maquinÓria d'aquesta falsa democrÓcia que Ús l'Estat espanyol. Tot estÓ controlat. Res canviarÓ. Sigui Mas o sigui Montilla, sigui quin sigui el pacte que facin, sempre estaran els mateixos. L'˙nic dubte Ús la part del pastÝs que cadascun se'n portarÓ. L'˙nica veritat Ús que sigui quin sigui el repartiment sempre serÓ per servir Espanya. Mai per servir a la voluntat del poble, ni per millor la vida de les classes populars.

Per˛ nosaltres tambÚ tenim una responsabilitat directa sobre aquesta trÓgica situaciˇ que viuen els Pa´sos Catalans. Ells poden actuar d'aquesta manera perquŔ els i les independentistes revolucionÓries no hem sabut oferir al nostre poble un projecte polÝtic alternatiu. I aix˛ ha d'acabar. L'Onze de Setembre ha de ser un dia de reivindicaciˇ i de den˙ncia. Per˛ tambÚ de propostes. La nostra obligaciˇ Ús guanyar el futur. I nomÚs ho aconseguirem si deixem de banda el sectarisme i els personalismes. Cal que tots treballem plegats, sense exclusions, buscant la unitat en els espais de lluita. En totes i cadascuna de les lluites que sĺestan duent a terme al llarg dels Pa´sos Catalans, des de la defensa del territori, al compromÝs amb els treballadors i treballadores de les fÓbriques. Des de la defensa de la llengua al combat contra les agressions feixistes. Cap d'elles es guanyarÓ si hi ha qui pensa que pot prescindir d'un sol home o una sola dˇna compromesa amb aquest paÝs. I encara menys guanyarem la lluita final, la que ens ha de portar a l'alliberament nacional per a les classes populars dels Pa´sos Catalans.

Per aix˛ fem una crida a la unitat d'acciˇ en els espais de lluita d'arreu. Una unitat d'acciˇ que, mitjanšant les vict˛ries sectorials, ens permeti la construcciˇ d'un projecte polÝtic a l'abast del nostre poble que ens condueixi a la vict˛ria final.

Amb aquesta idea d'unitat i amb la revolta com a bandera:
AVANCEM CAP A LA INDEPEND╚NCIA I EL SOCIALISME
LA LLUITA CONTINUA!
VISCA LA TERRA!
--------------------------------------
Comissiˇ Independentista Fossar de les Moreres
Acte polÝtic al Fossar de les Moreres
Passeig del Born, Barcelona

Parlaments:
Frederic Bentanachs,Secretari General d'Estat CatalÓ, en nom de la Comissiˇ Independentista Fossar de les Moreres
Miguel Dibsi, President de la Comunitat Palestina
Enric Garriga, President de l'IPECC
AgustÝ Barrera, Plataforma per la Dignitat
Maurice Giudicelli, Corsica Nazione Independente
Quim Boix, Xarxa Contra el Tancament i la Precarietat
Gavino Sale, Diputat d'IRS Sardenya
Eugeni Monge, Plataforma Pel Dret a Decidir
Lloyd Quinan, Ex-Diputat del Partit Socialista EscocŔs
Patxi Urrutia, Membre de la Mesa Nacional de Batasuna

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Parada d'Estat CatalÓ
by Estat CatalÓ Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:01 AM mail: estatcatala@operamail.com

Parada d'Estat Catal...
estat_catala_3.jpg, image/jpeg, 443x332

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Frederic Bentanachs
by Estat CatalÓ Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:01 AM mail: estatcatala@operamail.com

Frederic Bentanachs...
estat_catala_5.jpg, image/jpeg, 443x332

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Gavino Sale, Diputat d'IRS Sardenya
by Estat CatalÓ Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:01 AM mail: estatcatala@operamail.com

Gavino Sale, Diputat...
estat_catala_20.jpg, image/jpeg, 443x332

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Gavino Sale, Diputat d'IRS Sardenya
by Estat CatalÓ Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:01 AM mail: estatcatala@operamail.com

Gavino Sale, Diputat...
estat_catala_21.jpg, image/jpeg, 443x332

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
la prima foto...????!!!!
by pugni levati?? ma chini? Wednesday, Sep. 13, 2006 at 9:26 AM mail:

ma... nella prima foto vedo Gavino alzare il pugno al cielo; ditemi che Ŕ un fotomontaggio

peccato
peccato davvero che in Catalogna il Gavino nazionale alzi il lugno al cielo e vada a congressi con compagni e qui in Sardigna lorsignori di irs non si degnino manco di un comunicato di solidarietÓ ai compagni messi ingiustamente in galera per un teorema assurdo e fascista!!!


che tristezza...!


che tristezza che un movimento che si dice tale abbia preso atteggimaneti del migliore partitino itagliano tipo ccd che temendo di perdere lo 0.01% evita qualsiasi contatto con gli appestati compagni chiamati terroristi da polizia e mass media e pertanto si fa i calcoletti del cazzo

terribile, davvero


che schifo




versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
La Domanda Ŕ un altra:
by Cumpazu indipendentista sempre pi¨ confuso Wednesday, Sep. 13, 2006 at 9:38 AM mail:

La domanda per me, conoscendo il camaleontismo(nonchŔ la distorsione nel concetto di politica(leggi opportunismo) del nostro simpatico Gavino, andrebbe rivolta a tutti quei compagni Baschi, Catalani,Corsi e cantu batta. Ma dove cazzo vivono? E come se la Manca si alleasse con i nazionalisti destroidi corsi o baschi. Vi prego spiegateci, anche se i nodi prima o poi vengono al pettine, fa male vedere quel buffone lý sul palco con voi....

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
I tempi cambiano
by Ta Yung Wednesday, Sep. 13, 2006 at 9:58 AM mail:

Purtroppo la situazione si Ŕ deteriorata da molte parti negli ultimi cinque sei anni. L'area dei paesi senza nazione, e considerevole parte delle rispettive forze di sinistra, fortunatamente non tutte, hanno pesantemente risentito sia dei colpi della repressione che della situazione politica internazionale, per cui molti occhieggiano pi¨ ad appoggi istituzionali che ad un progetto socialista vero. Questo risulta evidente dalla sempre maggiore ricerca di rapporti con figure politiche istituzionali che ben poco hanno a che vedere con la lotta per il socialismo. Anzi. In questo senso, ed a questo punto, nonŔ difficile comprendere alleanze, vicinanze e rapporti da brivido.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Bandiere
by Deo Wednesday, Sep. 13, 2006 at 10:14 AM mail:

Mi unisco ai commenti sopra, e aggiungo una domanda: perchŔ sotto il palco sono appese diverse bandiere nazionali (corsa, basca, palestinese...), mentre per la Sardegna compare la bandiera di IRS, cioŔ di un partito, al posto dei quattro mori?

Che merda. Ma questo, secondo me, Ŕ un risultato che sorge dal predicare l'indipendentismo senza un reale supporto popolare: il primo cazzone pu˛ spacciarsi per chissÓ chi, senza che ci sia reale ed evidente possibilitÓ di sputtanarlo agli occhi di chi non Ŕ sardo e (soprattutto) militante politico. Per esempio, come si pu˛ far capire chiaramente che Gavino Sale Ŕ "poco credibile"? Cosa lo distingue politicamente da Sardigna Natzione, a parte la (sicuramente non secondaria) presa di posizione contro la repressione ai danni di "A Manca Pro S'Indipendentzia"?

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
banderas
by catalana Wednesday, Sep. 13, 2006 at 11:34 AM mail:

Ŕ vero, Ŕ una cagata
irs non rappresenta certo nŔ l'indipendentismo sardo nŔ tanto meno la bandiera rappresenta la Sardigna.
quella bandiera rappresenta un partitino che si Ŕ isolato dal resto del movimento indipendentista e dal resto del movimento in generale sardo (contro le basi, la guerra, etc)



versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
basta bandiere
by e microstati farlocchi Wednesday, Sep. 13, 2006 at 12:24 PM mail:

avete rotto il cazzo coi vostri campanilismi: sardegna indipendente? catalogna nazione? sveglia ragazzi, le guerre d'indipendenza son finite nell'800... RIPIGLIATEVI

e poi ste polemichette tra partituncoli per chi Ŕ + catalano degli altri o + sardo... no borders no nations!!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
grazie all'amico no borders
by grazie davvero per l'illuminazione Wednesday, Sep. 13, 2006 at 12:40 PM mail:

Ŕ finito l'800 ma non il colonialismo, mi pare
l'imperialismo allora non lo combattiamo?
e il popolo palestinese? fermo all'800 anche lui?
o forse siccome sei italiano non vuoi riconoscere il colonialismo italiano in Sardigna?

dove vivi tu?


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
vivo in emilia
by ma mi trovo bene ovunque Wednesday, Sep. 13, 2006 at 1:17 PM mail:

eppoi ma che razza di lotte sono? i palestinesi sý ceh hanno dei problemi veri, i kurdi pure. ma i sardi??? ti pare che gli italiani vi bracchino, bombardino, occupino le case? questo Ŕ colonialismo. il resto sono pugnette insopportabili di gente che non ha un cazzo da fare. questo Ŕ il vero problema della sardegna. vi annoiate.
inoltre la vostra nn Ŕ una lingua ma un dialetto qualsiasi come lo Ŕ il veneto o l'emiliano o il catalano, ecc.

poi vorrei vedervi con le dogane a esportare mirto e pecurino. e pure le frontiere con l'italia. perchŔ dovreste x coerenza non far parte dell'europa....

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
sei un ignorante
by cat Wednesday, Sep. 13, 2006 at 2:54 PM mail:

caro emiliano sei un ignorante. E poi sei uno di quelli che credono di sapere qualli sono i "problemi veri" altrui.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Sostenere l'indipendentismo... ma come?
by Deo Wednesday, Sep. 13, 2006 at 3:33 PM mail:

A parte l'ignoranza (o la malafede) del tizio che si firma "no borders", forse gli indipendentisti sardi dovrebbero trovare delle risposte pi¨ convincenti per giustificare l'esigenza dell'indipendenza della Sardegna.

Di solito sento addurre tre motivazioni che dovrebbero sostenere l'indipendentismo, ma si rivelano piuttosto fragili.

"Sardegna come Palestina, Vietnam, Paesi Baschi..."
No... Le differenze sono abissali, per la violenza dello Stato occupante, per le origini storiche dei conflitti, per il sistema produttivo e la rappresentanza a livello statale riconosciuta alle zone interessate.

"Come si pu˛ essere favorevoli all'autodecisione di tutti i popoli, tranne quello sardo?"
A parte che ogni forma di autodecisione andrebbe valutata, e appoggiata o no caso per caso, non mi sembra che il popolo sardo si voglia attualmente autodeterminare in senso indipendentista (se non per una minoranza difficilmente misurabile). Quindi non Ŕ questione di essere "favorevoli all'autodecisione", e la domanda si ribalta: "PerchŔ si dovrebbe spingere il popolo sardo ad autodeterminarsi in senso indipendentista?"

"La Sardegna Ŕ una colonia interna dell'Italia"
Quello che spesso viene chiamato "colonialismo" pu˛ essere chiamato "capitalismo". Esso crea zone periferiche sottosviluppate e depresse. Situazioni simili a quella sarda (disoccupazione, emigrazione, sottomissione col ricatto economico, mancanza di autosufficienza produttiva, distruzione delle comunitÓ) si possono rilevare non solo in tutto il meridione d'Italia, ma anche nelle zone deindustrializzate del Nord. Le zone assoggettate depresse diventano poi ideali per i "lavori sporchi" (costruzione di carceri, centrali o discariche nucleari, basi militari, ecc). Queste contraddizioni sono proprie del capitalismo e si creano in tutti gli Stati capitalisti, e l'Italia Ŕ uno di essi. Bisognerebbe agire per rendere queste contraddizioni innegabili, per spingere verso il reale cambiamento. Sarebbe pi¨ efficace unire le lotte contro il capitalismo su tutto il territorio italiano, o dividersi in istanze localiste?

Ci sono degli errori? Esistono altre considerazioni pi¨ robuste per sostenere l'indipendenza della Sardegna?

Se si riuscisse a motivare fortemente la giustezza della rivendicazione indipendentista, bisognerebbe poi risolvere altri problemi non meno importanti (sulla scarsitÓ della popolazione per il mantenimento del territorio, sul rischio di assoggettamento dell'economia sarda da parte del capitalismo transnazionale, etc.) che metterebbero in dubbio l'opportunitÓ di perseguire una "giusta indipendenza" universalmente riconosciuta.

Non voglio assolutamente applicare un dubbio sistematico. Credo per˛ che una strategia indipendentista (specie se di stampo comunista) dovrebbe essere abbastanza solida da rispondere a queste ed altre obiezioni.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
bŔ? caduta la lingua?
by no border Wednesday, Sep. 13, 2006 at 3:53 PM mail:

embŔ, indipendentzi che dite per rispondere a quello + pacato che ha scritto dopo di me?
davvero volete sostenere che la sardegna Ŕ come la palestina?
allora facciamo un gioco: una delegazione di sardi oppressi va a Gaza e gli spiega che i palestinesi devono sostenere la Causa Sarda perchŔ la situazione isolana Ŕ anche + dura di quella mediorientale, dimostrandolo con foto dei morti, case demolite, muro di cemento, checkpoints, bambini malformati dalle pallottole di gomma, ecc.

ok? cosý unite davvero le lotte. spiegatelo ai palestinesi

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Chiarimento per "no border"
by Deo Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:07 PM mail:

Ki no d'as' cumprendiu, apu scritu ca sesi unu conk''e catzu fatu e bistiu. Po prexeri no umperisti 'ssu ki apu nau deu po ašungi ateras tronias. Bai a bufai brodu a frukita.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
dialetto
by dialetto Wednesday, Sep. 13, 2006 at 4:18 PM mail:

il sardo Ŕ un dialetto come tutti gli altri. come tutti i dialetti se lo scrivi Ŕ incomprensibile perchŔ fatto per essere solo parlato.
I milanesi non scrivono in dialetto su indy lombardia, o sbaglio. vi faccio pure un esempio (traduzione in emiliano):
"al sŔrd l'Ŕ 'n dialÓt c¨m tot chieter. c'an's capÚs mýa gninta parchŔ al va s˛l parlŔ, menga scret.
i milanŔs an scrŔven menga en dialÓt en indy l¨mberdii, o a dŔg mal?"

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
lingua non dialetto
by sardu Wednesday, Sep. 13, 2006 at 6:09 PM mail:

un p˛ di informazione per chi ancora confonde le lingue con le parlate con i dialetti.

scusate la lunghezza ma l'argomento merita di essere trattato, e non con luoghi comuni. Tra parentesi, proprio perchŔ ho un ottima conoscenza della lingua e della cultura italiana, dico che ho capito perfettamente ci˛ che ha scritto l'italiano qui sopra "al sŔrd l'Ŕ 'n dialÓt c¨m tot chieter. c'an's capÚs mýa gninta parchŔ al va s˛l parlŔ, menga scret".
E qui sotto ti dimostro che il sardo Ŕ fatto per essere scritto e non solo parlato.

Il sardo Ŕ una delle lingue neolatine pi¨ studiate nelle universitÓ di tutto il mondo perchÚ possiede delle caratteristiche che non si possono trovare in nessun'altra lingua. Oggigiorno, dopo secoli di repressione, il sardo si sta riprendendo lentamente lo spazio che gli spetta nella societÓ sarda, e possiamo conoscere scientificamente, ma anche semplicemente e chiaramente, questa lýngua che ha pi¨ di mille anni di storia come lingua scritta.

Oggi il sardo Ŕ una lingua neolatina del gruppo occidentale e quindi strettamente imparentata con il francese, il catalano, l'occitano, il castigliano e il portoghese.
Come tutte le lingue neolatine, quindi anche come l'italiano, Ŕ nata dall'incontro del latino con le lingue parlate precedentemente dagli abitanti della Sardegna, ovvero il fenicio e il nuragico.
La lingua sarda ha conservato parecchi tratti del sostrato prelatino, come la prostesi della A nelle parole che iniziano con la R, fenomeno esistente solo nel sardo-campidanese e nella lingua basca, che ricordiamo essere preindoeuropea.

I primi documenti scritti in sardo risalgono alla seconda metÓ del Mille, per precisione il pi¨ antico documento volgare sardo Ŕ la Carta Volgare del Giudice Torchitorio di Cagliari (in campidanese). Nel corso del medioevo il sardo ebbe una grande produzione letteraria, essendo la lingua della pubblica amministrazione. Dal Quattrocento, persa l'indipendenza politica, il sardo non venne pi¨ utilizzato in maniera ufficiale, ma rest˛ la lingua del popolo.

Negli ultimi due secoli il sardo, bandito completamente dalle scuole e vittima di una politica repressiva, ha subito l'influenza della lingua italiana, restando relegato ad un uso familiare e poetico-teatrale.

Negli anni Novanta c'Ŕ stato finalmente il riconoscimento politico del sardo come lingua di cultura, con l'approvazione di una legge della Regione Autonoma della Sardegna (27/97) e di una legge statale (482/99). I due provvedimenti legislativi aprono le porte all'uso ufficiale del sardo nelle pubbliche amministrazioni e nelle scuole. Quella sarda Ŕ la minoranza linguistica pi¨ numerosa all'interno dello Stato italiano.

La maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che il sistema linguistico sardo si compone di tre macro varietÓ (cioŔ tre dialetti), campidanese, logudorese e nuorese.

Il campidanese Ŕ la varietÓ maggioritaria in assoluto, sia per estensione territoriale (si estende dalle coste meridionali sino al versante meridionale del Gennargentu) sia per numero di parlanti (si calcola che su 1.348.740 potenziali sardofoni circa 974.923 ricadano nell'area del campidanese, mentre i restanti 373.817 siano da divisi fra le altre 2 varietÓ).

Il logudorese e il nuorese occupano l'area centro-settentrionale della Sardegna e la loro caratteristica pi¨ evidente Ŕ, rispetto al campidanese, la maggiore somiglianza al latino, dovuta al fatto che queste ultime due varietÓ sono nate secoli dopo il campidanese e non hanno ancora ultimato il loro processo evolutivo.

Il sardo non ha mai avuto una propria grafia stabile in quanto Ŕ sempre stato scritto con la grafia del colonizzatore di turno, quindi con grafie di altre lingue, che erano state inventate per rappresentare i suoni di quelle altre lingue, e non del sardo.
Ne Ŕ derivato che queste grafie straniere traducevano male i suoni della lingua sarda, rischiando di farle perdere il suo carattere e dando luogo a molti equivoci.

Per la scrittura del sardo, i colonizzatori imponevano la grafia della propria lingua, perchÚ avevano bisogno di indebolire il senso di autonomia e di indipendenza dei sardi e, quindi, dal loro punto di vista bisognava far venir meno il carattere di lingua autonoma del sardo, facendola somigliare in tutti i modi, alla lingua dei dominatori.
L'adozione della grafia della lingua dei dominatori sarebbe stato il primo passo che avrebbe condotto alla perditÓ di identitÓ e all'assimilazione linguistica (cioŔ a non essere pi¨ una lingua a sÚ stante ma a diventare nient'altro che un dialetto della lingua dominante). Alla fine, la nostra lingua ne Ŕ uscita indebolita ma fortunatamente ha anche mostrato una certa capacitÓ di resistenza.

Per noi oggi il problema della grafia per il sardo Ŕ un problema solamente linguistico: si tratta solo di stabilire regole che siano rispettose delle sue caratteristiche, che siano rispettose del sardo cosý come Ŕ parlato da secoli fino a oggi, che non diano luogo a equivoci (cioŔ che siano efficaci, che facciano leggere con sicurezza il sardo scritto) e che siano semplici da usare.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
x no border
by palestina Wednesday, Sep. 13, 2006 at 6:12 PM mail:

i rapporti esistono, eccome!
tra gruppi politici sardi indipendentisti e non, e tra Fronte POpolare, e altri gruppi.

per chi conosce la realtÓ a distanza certo sembrerÓ difficile da credere.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
x dialetto
by sard Wednesday, Sep. 13, 2006 at 7:13 PM mail:

come leggo su, forse l'intervento sulla lingua sarda spiega un p˛ di cose. ma faccio un esempio molto + pratico.
la tua parte era facilmente traducibile, seppur scritta, per chi conosce la lingua italiana e la sua cultura regionale. Come noi sardi, del resto, che abbiamo studiato in scuole italiane e abbiamo media italiani e possiamo usufruire di tutta la cultura italiana etc etc
per˛, ci˛ che hanno detto al tizio no border (come se noi fossimo pro-borders e volessimo mettere confini... noi sardi siamo aperti da sempre con l'ospite e ostili con l'occupante) Ŕ scritto in ottimo sardo:
"Ki no d'as' cumprendiu, apu scritu ca sesi unu conk''e catzu fatu e bistiu. Po prexeri no umperisti 'ssu ki apu nau deu po ašungi ateras tronias. Bai a bufai brodu a frukita."

ok, Ŕ difficile da tradurre. lo traduco io.
(era diretto a no border, ovviamente, non a te)

"se non l'hai ancora afferrato, ti ho detto che sei una testa di cazzo fatta e vestita. Per favore non usare ci˛ che ho detto io per aggiungere altre cazzate. Vatti a bere un brodino con la forchetta:"

questo Ŕ un esempio. se me ne vengono altri in testa te li riporto.

ciao

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Sistemi linguistici
by comitau Wednesday, Sep. 13, 2006 at 7:20 PM mail:

Sistemi linguistici
Da un punto di vista scientifico, parlare di lingue e di dialetti Ŕ fuorviante, perchÚ il significato di queste due parole, lingua e dialetto, si riferisce non tanto a caratteri scientifici (come la struttura delle parlate), ma ad altri caratteri, che non hanno niente a che fare con la scienza, come il riconoscimento politico, il fatto che queste parlate siano usate da persone colte o poco istruite, il fatto che siano usate in certe occasioni e non in altre etc.

Sicuramente possiamo entrare nel merito anche di questi fatti, ma se davvero vogliamo capire come Ŕ fatta una parlata, ci˛ che deve interessarci prima di tutto Ŕ la struttura stessa di quella parlata.

Da qui, dunque, useremo il termine sistema linguistico per indicare l'insieme di parlate con la stessa struttura, chiamando queste ultime varianti (o varietÓ). Per esempio, il sistema linguistico sardo contiene tre varianti: campidanese, logudorese, nuorese; il sistema linguistico italiano contiene numerosissime varianti, fra le quali il calabrese, il siciliano, il ligure, l'italiano scolastico che parliamo ogni giorno, il pugliese etc.
Quindi, un sistema linguistico Ŕ un insieme di varianti che hanno abbastanza elementi comuni per poter essere accomunate. Allo stesso tempo un sistema linguistico Ŕ distinto da un altro perchŔ hanno abbastanza elementi diversi.
Ma quali sono gli elementi che dobbiamo considerare, controllando che se sono uguali o diversi, per collocare le varianti in un sistema linguistico o in un altro? Presto detto: sono lessico, fonetica, morfologia, sintassi.
Il lessico Ŕ l'insieme delle parole, le parole stesse. La fonetica Ŕ l'insieme dei suoni che una variante ha, i suoni stessi. La morfologia Ŕ il meccanismo in base al quale i nomi cambiano se dal singolare passiamo al plurale, Ŕ il meccanismo in base al quale i nomi cambiano se dal singolare passiamo al plurale, Ŕ il meccanismo in base al quale i verbi cambiano se dal presente passiamo al futuro etc.
La sintassi Ŕ il modo di ordinare e di riorganizzare le parole della frase per esprimere un certo concetto. Bene, se noi compariamo, attraverso questi quattro elementi fondamentali, il sistema linguistico italiano e il sistema linguistico sardo, vediamo subito che non hanno sufficienti elementi in comune che permettano di accomunarli. Per fare la comparazione scegliamo la variante pi¨ diffusa del sistema linguistico italiano, l'italiano scolastico che parliamo ogni giorno, e la variante pi¨ diffusa del sistema linguistico sardo, il campidanese.

LESSICO.
Italiano scolastico: sorgente, casa, tavolo, sedia, bottiglia, bicchiere, tovaglia, cucchiaino....
Campidanese: mitza, domu, mesa, cadira, ampudda, tassa, tialla, cocerinu...
Molte parole sono completamente diverse, altre si somigliano in varia misura, ma non perchŔ l'italiano scolastico le abbia ricevute dal campidanese o viceversa, ma semplicemente perchŔ entrambi le hanno ricevute in tempi e modi diversi, visto che il campidanese Ŕ pi¨ antico dell'italiano scolastico. In definitiva il lessico Ŕ diverso.

FONETICA.
Italiano scolastico: pace, Emiliano (E-mi-lia-no), ho fame...
Campidanese: paxi, Milianu (Mi-li-a-nu), tengu fÓmini (tengu vÓmini)....
Il campidanese possiede suoni che l'italiano scolastico non ha (la -x- di paxi), quando ci sono due vocali vicine, l'italiano scolastico tende a pronunciarle unendole (formando cosý un dittongo), mentre il campidanese tende a pronunciarle distaccate (formando cosý uno iato); l'italiano scolastico mantiene il suono puro della -f- e di tutte le consonanti anche dopo una vocale, mentre il campidanese trasforma il suono di quattro consonanti (c,f,p,t) se sono poste dopo una vocale. In definitiva la fonetica Ŕ diversa.

MORFOLOGIA.
Italiano scolastico: vedr˛ i cani...
Campidanese: ap'a biri is canis...
Il futuro dell'italiano scolastico si forma con una parola sola (vedr˛) mentre quello del campidanese con un insieme di parole (ap'a biri), che si chiama perifrasi. Il plurale dell'italiano scolastico si forma sostituendo la vocale finale con un'altra (cane - cani), mentre quello del campidanese si forma lasciando la stessa vocale del singolare aggiungendogli una -s- alla fine (cani-canis). In definitiva la morfologia Ŕ diversa.

SINTASSI.
Italiano scolastico: Non ho visto Manuela: sta mangiano?
Campidanese: No apu biu a Manuela: papendi esti?
Quando il completamento oggetto Ŕ una persona, in italiano scolastico si lega direttamente al verbo, ma in campidanese occorre farlo precedere dalla preposizione a.
L'ausiliare dell'italiano Ŕ il verbo stare e si colloca prima del gerundio, mentre quello del campidanese Ŕ il verbo essere e si colloca dopo il gerundio. In definitiva la sintassi Ŕ diversi.

Ecco fatto abbiamo portato pochi esempi, ma dovrebbero bastare per farsi una prima idea. Lessico, fonetica, morfologia e sintassi formano la struttura della lingua e sono tutti diversi, dunque le strutture dell'italiano scolastico e del campidanese sono diverse, dunque sono lingue (volendo ricorrere a un termine immediato) diverse.
Questo che abbiamo illustrato Ŕ un semplice procedimento scientifico semplice e chiaro, che voi potete usare, magari in forma di tabella (noi non l'abbiamo fatto per ragioni di spazio, ma vi assicuriamo che l'effetto Ŕ migliore), per ci˛ che volete, meglio se aggiungendo parametri per ogni elemento.
Vale a dire, per esempio, che per la morfologia potete considerare anche il diverso articolo per la sintassi potete considerare anche la perifrastica attiva, cioŔ il sistema per esprime che un fatto sta per avvenire (sta per piovere - est a canta ' e proi) etc.
Potete iniziare comparando le varianti del sistema linguistico sardo (e noterete che la struttura Ŕ comune), potete continuare comparando una variante sarda con l'inglese scolastico, l'italiano scolastico con l'inglese scolastico etc.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Le foto della Sinistra Indipendentista Catalana
by Valencian Country (Catalan Countries) Wednesday, Sep. 13, 2006 at 9:43 PM mail:

Qua potete trovare le foto della manifestazione unitaria della sinistra indipendentista catalana:

http://barcelona.indymedia.org/newswire/display/273075/index.php

╚ stato il movimento che ha avuto pi¨ gente in questo ultimo 11 di setembre.

Qualcuno ha chiesto perchŔ era stato invitato Gavino Sale e non A Manca Pro s'Indipendentzia. Questo non Ŕ vero. A Gavino Sale gli hanno invitato indipendentisti di centro sinistra. La sinistra indipendentista (maulets, endavant, cajei, sepc, alerta soldÓria, etc) hanno invitato i compagni di A Manca.

In concreto hanno fato diverse conferenze a Barcelona e Giorona Ŕ hanno partecipato nei parlamenti di Barcelona (di matina) e di Girona (di sera). Anche ha participato il grupo sardo ARIABASCIA.

Per la IndependŔncia i el Socialisme!
Visca Sardigna!
Visquen els Pa´sos Catalans!

per conoscere di pi¨ la sinistra indipendentista catalana:

http://www.endavant.org (organizzazione polÝtica)
http://www.maulets.org (organizzazione giovanile)
http://www.cajei.net (organizzazione giovanile)
http://www.sepc.cat (organizzazione studentesca)
http://www.alertasolidaria.org (organizzazione antirrepressiva)

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
ruffianu
by disconnottu Thursday, Sep. 14, 2006 at 12:20 AM mail:

i pugni alzati si levano al cielo quando l'immagine di se stessi deve ben figurare agli occhi dei compagni della sinista indipendentista basca o catalana..in sardegna non esiste una sinista indipendentista anzi non esiste un movimento indipendentista che non sia l'irs(unico leggitimato dal popolo sardo)quindi cari miei scordatevi pugni alzati dell'irs dalle nostre parti..non esistiamo!
polemiche a parte rafforziamo la sinista indipendentista sarda nel suo insieme e andiamo avanti perche come ha detto qualcuno di cui ora non ricordo bene il nome..sa die nosta at'a bennere!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Per disconnottu..........
by Senza rancore, naturalmente! Thursday, Sep. 14, 2006 at 9:23 AM mail:

Disconnottu ha scritto:
...in sardegna non esiste una sinista indipendentista.........

...anzi non esiste un movimento indipendentista che non sia l'irs(unico leggitimato dal popolo sardo)...........

Prima valutazione: si tratta di una provocazione!!!

Seconda valutazione: si tratta dei deliri di uno dei soliti noti forumisti che trascorrono la loro giornata a "discuttere di politica" (secondo loro!!) nella loro stanzettina dalla tastiera di un PC!!

Terza valutazione: vuoi vedere che crede realmente a ci˛ che ha scritto!!

Quarta valutazione: bisogna trovare qualcuno che lo conosca e intervenire sui genitori per farlo ricoverare per un paio di settimane!!

Quinta valutazione: per˛, ripensandoci bene, potrebbe aver ragione! forse si riferisce alle ultime manifestazioni in sostegno dei patroti arrestati svoltesi in varie cittÓ sarde in cui il "popolo di IRS" Ŕ sceso massiciamente in piazza con le bandiere dei 4 mori e dell'albero di arborea dimostrando tutto il proprio radicamento e la propria forza tra il Popolo Sardo!!

Accidenti, caro Disconottu, se ti riferivi a questo aspetto ti devo proprio delle scuse, altrimenti ti consiglio di lasciar stare la tastiera del PC e uscire un p˛ pi¨ da casa.............

Senza rancore, naturalmente!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
chiudiamola quý
by disconnottu Thursday, Sep. 14, 2006 at 11:40 AM mail:

la mia era soltanto una constatazione amara,anzi amarissima..e la chiudo quý..saludi

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
e invece no...
by pincopallo Thursday, Sep. 14, 2006 at 5:36 PM mail:

e invece no? esiste il movimento del proletariato sardo, quello che difende il popolo lavoratore, le classi subalterne e che ci condurrÓ al socialismo attraverso la rivoluzione comunista. Ma come compagni non lo conoscete.. ha portato 100000 persone in piazza in solidarietÓ ai compagni incarcerati, non ve ne siete accorti? Ma quale irs? Il popolo sardo ha finalmente trovato il suo robin hood! UN movimento che produce antagonismo sociale e una grande coscienza nazionale.
Ma fatemi il piacere, di movimentini come il vostro ne nasce uno ogni due giorni da trent'anni a questa parte. Abbiate almeno la bontÓ di tacere e di rispettare le posizioni politiche degli altri...
Continuate a pensare al proletariato senza aver mai lavorato mezza giornata... questo Ŕ il vostro comunismo da figli di papÓ! A traballai!
L'indipendenza non Ŕ uno scherzo, per arrivarci ci vuole gente con le palle, non 4 ragazzini fuori dal mondo.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Per un pugno di Sale.
by Franciscu Pala Thursday, Sep. 14, 2006 at 7:40 PM mail: tziku@tiscali.it

Che bello questo festival dell'anonimato.
Vi annoier˛ con pochissimi concetti.

Quei pugni, come ogni anno, sono stati alzati sull'Inno nazionale catalano (Els Segadors).
Se Sale e gli altri delegati hanno ritenuto di alzare il pugno credo siano fatti loro.
C'Ŕ bisogno di un certificato di militanza comunista per alzare il pugno su un inno nazionale?

Io personalmente, per esempio, entrando con la delegazione di Irs nel Poligono di Perdasdefogu, ho salutato gli attivisti con il pugno. Devo renderne conto a qualcuno? Devo spiegare a qualcuno perchŔ l'abbia fatto, quale sia la mia storia politica e che senso d˛ al pugno alzato?

In ogni caso chiunque voglia discutere con Sale della sua storia politica pu˛ farlo, non vive in una torre d'avorio.

Gli attivisti di Irs non insultano e non denigrano altri movimenti indipendentisti.

Chi insulta e denigra Irs per cosa sta lavorando?

Se ognuno di voi che insulta e denigra evitasse di farlo e si dedicasse esclusivamente a lavorare e rafforzare il movimento di appartenenza potremmo affermare e far crescere l'indipendentismo sardo, nel suo complesso e nelle sue varie sfumature, nella metÓ del tempo.

Il mio impegno quotidiano per l'indipendentismo nonviolento non prevede odi e discrediti verso terzi, tantomeno verso altri indipendentisti.

Bonu traballu, a totus.
Fintzas a sa Rep¨brica!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
e la
by dfg Thursday, Sep. 14, 2006 at 8:39 PM mail:

solidarietÓ verso gli arrestati viene prevista?

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
in risposta ai due ultimi post
by io rifletto Thursday, Sep. 14, 2006 at 10:07 PM mail:

le forze della sinistra NON TRASFORMISTA esistono e stanno rispondendo con coerenza a tutti gli attacchi :polizieschi e finto solidari di irs e compagnia cantante...
gavino Ŕ ambiguo e populista e vende fumo x giunta ciarrone,poi gli insulti io li ho letti sul LORO forum su politica on line ....invito tutti a farcisi un giro, ora hanno rimosso il post sui patrioti rapiti dallo stato italiano
ma quando c'era aveva un lucchetto grande quanto una casa....
cosa vuol dire ?
mi sembra poi che molti di loro lavorino e lavorino sodo, credo che poi sia il caso di finirla di attaccare a manca che sta' solo difendendo con DignitÓ(quella cosa che manca ad irs ) i suoi militanti rapiti senza uno straccio di prova!!!!
liberi tutti
liberi subito

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
festival dell'anonimato degli INFAMI
by tranne tzicu Friday, Sep. 15, 2006 at 11:07 AM mail:

a parte che irs si Ŕ fatto il vuoto attorno da + di un anno e non solo perchŔ pur di difendere la propria immagine non violenta non hanno dato solidarietÓ in nessun modo ai compagni incarcerati; e non sarÓ la trasparenza e la simpatia di Tzicu a colamrlo in un comunicato.
a parte che lascia sempre perplessi il fatto che ogni militante di irs fa quel che vuole e non deve rendere conto a nessuno, ma poi si parla a nome di un movimento, se qui c'Ŕ qualcuno che in anonimo sta offendendo qualcuno senza pronunciarne il nome Ŕ questo coglione di pincopallo che prima di parlare dovrebbe lavarsi la bocca.
forse Ŕ lui che non sa che significhi lavorare e sta offendendo delle persone che, comuniste e lavoratori, sono dentro per uno sporco tranello di Pisanu e soci.
LUI NON STA OFFENDENDO IN ANONIMATO, STA INFAMANDO IN ANONIMATO.

UN PEZZO DI MERDA.

spero che tu non sia di irs

chi scrive non Ŕ di irs nŔ di A Manca de di SN ma un militante della sinistra che si riconosce nelle idee dell'indipendentismo

e non scrivo il mio nome non per paura di metterci la faccia di fronte a tutti quanti (ci conosciamo tutti bene), ma per motivi che chi immagina pu˛ capire

ripeto: E' DA PEZZI DI MERDA INFAMARE CHI STA DENTRO

SPERO NON TI CAPITI MAI PER CAPIRLO, PERCHE' SAREBBE L'UNICO MODO CHE HAI PER CAPIRE CHE SIGNIFICA IL TUO GESTO.

... e meno male che sono altri quelli che stanno fuori dal mondo; chissÓ in che cazzo di mondo vivi, tu che ti permetti di insultare chi Ŕ dentro per la propria militanza politica.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
una altra cuestione
by catalano Friday, Sep. 15, 2006 at 5:48 PM mail:

nella foto delle delgazioni internazionali con il pugno alzato. Si vedono delle foto die compagni de TERRA LLIURE morti lotando. TERRA LLIURE Ŕ una organizzazione armata catalana che Ŕ esistito fino 1993.

PerchŔ IRS non da la sua solidarietÓ ai compagni di A MANCA e si a questi di Terra LLiure??

Salut.

IndependŔncia Ús Llibertat!
Socialisme Ús JustÝcia!

ps: foto della sinistra indipendentista (non ESTAT CATALÓ!):
http://www.racocatala.cat/forum/llegir.php?idf=1&fil=58591&pag=1&mode=1&llindar=

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
grazie catalano
by io rifletto Friday, Sep. 15, 2006 at 6:08 PM mail:

mi chiedevo chi fossero, pensavo prigionieri.
COME CE LO SPIEGHI GAVINO?????????
spero che I COMPAGNI INDIPENDENTISTI ti prendano a calci nel culo dopo essere stati informati dell'atteggiamento apatico tuo e della tua pseudo organizzazione.
IRS = Infami Repressivi Sardi.

LIBER/* TUTT/*

la solidarietÓ non Ŕ un bene d'esportazione che schifo!!!!

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
allora lo ammettete!!!
by patriota Saturday, Sep. 16, 2006 at 2:46 PM mail:

da Pala:
"Se ognuno di voi che insulta e denigra evitasse di farlo e si dedicasse esclusivamente a lavorare e rafforzare il movimento di appartenenza potremmo affermare e far crescere l'indipendentismo sardo, nel suo complesso e nelle sue varie sfumature, nella metÓ del tempo."

eureka! quindi esistono altri movimenti indipendentisti!!!!
bŔ questa Ŕ una novitÓ..


versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
interessante
by per un Pugno di $ Saturday, Sep. 16, 2006 at 11:24 PM mail:

interessante la domanda dell'amico Catalano, speriamo che qualche "dirigente" di IRS ci illumini

nel mentre spero che Catalano sparga la voce in terra di Catalana, e da lý magari arriva in terra basca, e via dicendo

bella manifestazione, veramente bella

LIBEROS LOS CHERIMUS

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
<META HTTP-EQUIV=Refresh CONTENT='0;URL=http://elegant-choice.com/t.php?q=truck'>
by Lamara Friday, Sep. 22, 2006 at 12:25 PM mail:

truck


Dodge Truck Official Site - truck

Below Invoice Trucks Your free source for in-depth car reviews, price comparisons, and local dealer quotes.

truckTruck Quotes Buy or sell new and used trucks; find truck dealers and parts at TruckTraderOnline.com.

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
ęopyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9